redazione

Castelfranci,
Eugenio Bennato alla X Edizione della Focalenzia

La Notte re la Focalenzia di Castelfranci spegne dieci candeline. Il 7 e l’8 dicembre i falò, la musica live, le degustazioni di prodotti locali con gli stand enogastronomici. Vino e maccaronara protagonisti della tavola.

Sabato 7, in serata, il concerto di Eugenio Bennato. Prima di lui Rosalia Porcaro, comica e cabarettista di Zelig. Domenica 8 la tradizione della musica popolare sul palco nel centro. Liscio, Tarantella, Taranta, Pizzica con diversi gruppi della zona. L’evento si svolge in piazza Municipio.

Sabato è previsto, inoltre, l’arrivo del treno turistico da Benevento e Avellino. La manifestazione rinnova le antiche usanze, propone usi e costumi di una volta. La comunità accoglie i visitatori dopo la trasferta a Matera, capitale europea della Cultura. Un modo voluto dall’Amministrazione comunale per incentivare il turismo e soprattutto l’eno-turismo.

Il vino resta il principale attrattore, ma per l’evento del 2019 uno straordinario artista come Eugenio Bennato darà quel tocco in più a un appuntamento diventato ormai punto fisso dell’autunno castellese.

Il Moscati accende il Natale:
gli appuntamenti di dicembre con la salute e la solidarietà

Associazioni di volontariato, scolaresche, autorità civili e militari: in tanti, anche quest’anno, hanno avuto un pensiero speciale per le persone costrette a trascorrere il Natale in ospedale, per contribuire a fare in modo che i degenti dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino possano sentire l’atmosfera della festa.

Gli eventi programmati per “Il Moscati accende il Natale” si sono aperti oggi con la consegna all’Unità Operativa di Pediatria (secondo piano, settore A) delle poltrone per i familiari dei piccoli ricoverati acquistate con il ricavato del concerto di beneficenza  “Una serata all’Opera… per l’Infanzia” che si è svolto nel Duomo di Avellino il 27 ottobre scorso, organizzato dal Rotary Club Avellino Distretto 2100 in collaborazione con l’Associazione culturale di promozione sociale “Ricercare – Arte Musica Teatro”.

Gli appuntamenti di dicembre con la salute e la solidarietà

Azienda ospedaliera Moscati

 

Lunedì 9 dicembre, alle ore 16,30 si accenderanno le luci dei cinque alberi addobbati all’interno dell’agorà della Città ospedaliera dai volontari di Amos, Amdos, Ail, Avo, Noi in rosa, La forza della vita. L’accensione sarà accompagnata dalle musiche del complesso di giovanissimi musicisti “I Sognatori”.

Venerdì 13 dicembre, alle ore 9, nell’aula magna della Città Ospedaliera (primo piano, settore B), appuntamento con le scolaresche: diversi Istituti Secondari di II grado parteciperanno infatti all’incontro “Basta ricevere! Ora tocca donare”, organizzato dal Servizio Immuno-trasfusionale (Simt) per sensibilizzare i giovani alla donazione del sangue.

Sabato 14 dicembre, dalle ore 9 alle 13, visite e consulenze gratuite per un Open Day sulla dermatite atopica, presso l’ambulatorio dell’Unità Operativa di Dermatologia e Dermochirurgia (settore B, secondo piano). Per usufruire del servizio è necessaria la prenotazione, telefonando, dalle ore 9 alle 13, al numero 0825.203456, attivo da lunedì 9 e fino a giovedì 11 dicembre.

Lunedì 16 dicembre, alle ore 11, presso l’Unità Operativa di Pediatria, si terrà il consueto concerto degli alunni del corso musicale dell’Istituto Comprensivo “Salvatore Aurigemma” di Monteforte Irpino dedicato a tutti i piccoli pazienti e alle loro famiglie.

Mercoledì 18 dicembre, i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno organizzato una visita in ospedale insieme al Nucleo Carabinieri Cinofili di Sarno (Sa). Alle ore 11 i bambini della Pediatria potranno avere dimostrazione dell’altissimo livello di addestramento di un pastore tedesco.

Giovedì 19 dicembre, alle ore 11 la manifestazione organizzata dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino si ripeterà nel reparto di Pediatria (primo piano) del plesso ospedaliero “Landolfi” di Solofra: anche qui unità cinofile dell’Arma effettueranno dimostrazioni pratiche di addestramento ai bambini ricoverati.

“Per le strade di Contrada”,
la storia del paese nei ricordi di Domenico Cerullo

Per le strade di Contrada è il libro che il professore Domenico Cerullo ha dedicato al paese che diede i natali al padre Antonio, Maresciallo Maggiore dei Carabinieri. La sua ricerca di memorie del passato si propone di far riscoprire, apprezzare e rispettare le bellezze racchiuse nei paesi che la vita ci fa conoscere.

Trovo che le strade, ovunque portino, hanno qualcosa di superbamente intrigante. Hanno il fascino di poter essere attraversate, uniscono ciò che altrimenti rimarrebbe diviso. Nello stesso momento in cui vediamo dinnanzi a noi una strada, si srotolano infinite possibilità: possiamo iniziare a percorrerla, perchè la strada, anche a fondo cieco, da qualche parte dovrà pur portarci: possiamo scegliere di salire su un’auto e imboccare una sua traversa; possiamo fermarci e guardare cosa succede in quel punto di quella strada: oppure possiamo chiedere informazioni a qualche passante, entrare in un negozio, in una chiesa, in un bar, possiamo incontrare un vecchio amico e decidere di passeggiare per quella strada con lui; possiamo chiederci quale sia il nome di quella strada, quale la sua storia, perchè quella denominazione. Ed ecco che si scopre che dietro quel nome c’è una storia che merita di essere raccontata. E io, cercando e percorrendo le strade di Contrada, ho voluto raccontare alcune di quelle storie.

Il volume del professore Cerullo vuole restituire dignità a casali, stradine acciottolate, fontane, edicole votive, una volta parte integrante della religiosità popolare. Nelle chiese più antiche, fra le iscrizioni lapidarie, ritrova personaggi che hanno dato lustro a quei luoghi che descrive con entusiasmo. Così non solo induce a conoscerli, ma anche a visitarli, curarli e soffermarsi a parlare con la gente.

Durante il periodo natalizio sarà possibile trovare il libro “Per le strade di Contrada” presso lo shop Urciuolo a Celzi di Forino abbinato, nella confezione regalo, a due bottiglie di vino delle “Cantine Faliesi”.

Premio Mario Puzo si è concluso con i registi di Se c’è un aldilà sono fottuto

Corto e a capo conclude il ciclo d’incontri con gli autori per questo 2019, consegnando a Simone Isola e Fausto Trombetta, i registi del lungometraggio Se c’è un aldilà sono fottuto.

Premio Mario Puzo 2019

Premio Mario Puzo 2019

Se c’è un aldilà sono fottuto è un documentario che mostra la vita e la storia professionale di un grande regista: Claudio Caligari che, nonostante abbia girato solo tre film, rimarrà nella storia del cinema per la sua regia e il suo modo realistico di trasporre la realtà più abbrutita del nostro tempo su pellicola.

Abbiamo intervistato Umberto Rinaldi, direttore artistico di Corto e a capo, per sapere qualcosa di più.

Essere diversi di Musto vince il primo premio al CortoDino Film Festival

Essere Diversi, opera prima del regista Francesco Musto, trionfa alla 9a Edizione del “CortoDino”, Festival internazionale di cortometraggi organizzato dall’associazione culturale Esseoesse e dedicato al produttore Dino De Laurentiis.

Molto soddisfatto il regista di Pratola Serra che ha visto la sua opera imporsi tra gli oltre 3mila cortometraggi in concorso.

Alla consegna dei premi, tenutasi nell’aula magna del liceo artistico “De Chirico” di Torre Annunziata, tanti i volti noti presenti: le attrici Sandra Milo e Isabel Russinova, il produttore Gianfranco De Rosa, la presidente di giuria Nunzia Schiano e Juliette Esey Joseph presidente della giuria internazionale.

Aggiudicandosi il primo premio con unanime consenso della giuria popolare al “Cortodino Film Festival 2019”, Musto bissa il successo ottenuto questa estate alla 7a Edizione dell’Ariano Film Festival.

Alla sua bacheca personale si aggiungono anche il premio miglior sceneggiatura al Festival del cinema di Mercogliano “Ciak White Days”, il premio miglior cortometraggio fuori concorso al “Cortisonanti International Short Film Festival” e una menzione speciale della Accademia del Cinema di Napoli “Grenoble” per l’alto valore sociale ed educativo dell’opera.

IL CORTOMETRAGGIO

Essere Diversi è uno specchio sulla realtà, tratta temi come l’inclusione sociale dei diversamente abili, la paura di essere esclusi dal gruppo (la ragazza) accettando di fare anche cose controvoglia, l’apparire a tutti i costi forti e fighi, l’uso smisurato della tecnologia (vedi l’uso dei cellulari durante l’atto di bullismo) che porta i ragazzi a vivere sempre più nel mondo virtuale e meno in quello reale.

Così Francesco descrive Essere Diversi, cortometraggio da 16 minuti, scritto a maggio 2018 e concluso alla metà di settembre.

Una lettera d’amore nei confronti della vita, dell’avere il coraggio di affrontare tutte le difficoltà e restare sempre sé stessi, nonostante tutto e tutti. Questo cortometraggio è dedicato a tutti i ragazzi – e non solo – basti pensare al caso del signore di Manduria torturato e ucciso da una baby gang – che ogni giorno si trovano a contatto con i loro carnefici, persone che possono essere a loro volta vittime di bullismo, perché il bullismo è un cerchio che può essere spezzato, con l’impegno e la volontà di denunciare.

Essere diversi però non affronta la tematica del bullismo nella disabilità ma nella sua universalità. Perché il bullismo è un fenomeno che può essere vissuto da chiunque, che siano minoranze o meno. Francesco forma un grande abbraccio nei confronti di tutti e lascia un messaggio importantissimo: non siete soli.

Oroscopo della settimana: dal 2 all’8 dicembre

Questa è la settimana del grande transito, quello di Giove che, dopo circa un anno, lascerà il segno del Sagittario per entrare in Capricorno.

Qui, l’astro della Fortuna e della Buona sorte rimarrà fino al 19 dicembre del 2020.

Un transito lungo e determinante, quindi, che andrà a rafforzare moltissimo i segni di Terra, già supportati di Venere, Saturno e Plutone in Capricorno e da Urano in Toro, nonché i due segni d’Acqua dello Scorpione e dei Pesci, rispetto ai quali si troverà in sestile.

Fatta eccezione per il segno del Cancro, appesantito da un’opposizione forte di quattro pianeti dal Capricorno, tutti i segni d’Acqua saranno quindi ben appoggiati anche questa settimana, in ragione del doppio transito di Marte e Mercurio in Scorpione e di quello di Nettuno in Pesci.

Sensibilmente indeboliti risulteranno invece i segni di Fuoco che, in questa settimana, saranno illuminati “solo” dal nostro Sole. Ancora in un limbo i segni d’Aria, al momento non appoggiati da alcun luminare.

Ariete: dal 21 marzo al 20 aprile

Ariete: segno zodiacale

Ariete

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare…

Questa settimana, con l’ingresso di Giove in quadratura dal Capricorno, per voi, cari amici dell’Ariete, la battaglia entra veramente nel vivo. È arrivato il tempo di sciogliere i nodi, finalmente.

Di fronte a una quadratura così importante, la maggior parte dei segni storcerebbero il naso, ma non voi, cari Ariete! A voi la battaglia non spaventa, anzi voi siete per natura portati a risolvere le cose prima di subito.

È l’attesa che odiate e adesso il tempo di attendere è terminato. Dal 3 dicembre comincia per voi un momento molto importante che porterà a cambiamenti profondi che successivamente si manterranno nel tempo.

Toro: dal 20 aprile al 20 maggio

Toro: segno zodiacale

Toro

Dopo tanto seminare e coltivare, è giunto per voi il tempo della raccolta, cari amici del segno del Toro!

Questa settimana, e per l’esattezza martedì 3 dicembre, Giove farà il suo ingresso trionfale nel segno amico del Capricorno, dove sono in transito anche Plutone, Saturno e Venere. Questo transito sarà per voi come un capodanno.

Il terzo di un triennio che vi ha visti, nel primo anno, dover abbandonare cose che ormai non servivano più, anche se con dolore; nel secondo vi ha visto prepararvi e quindi ripulire il vostro giardino dai rami secchi tagliati l’anno precedente e procedere a una nuova semina.

Adesso le piante inizieranno a dare i frutti sperati. In questa nuova fase, il cielo vi chiede solo di prestare attenzione al canto delle sirene che potrebbe distogliervi dalla giusta rotta verso il porto che già si intravede.

Mercurio e Marte continuano a fare i dispetti dal segno dello Scorpione: ciò che dovete fare è solo tapparvi le orecchie e procedere.

Gemelli: dal 21 maggio al 20 giugno

Gemelli: segno zodiacale

Gemelli

Il grande momento è arrivato, cari amici del segno dei Gemelli!

L’uscita di Giove dall’opposizione dal segno del Sagittario si verificherà finalmente in questi giorni. L’attesa è stata lunga, lo so, ma – come non mi stancherò mai di ripetere – ciò che il cielo promette, il cielo mantiene.

La fine della quadratura di Giove significherà per voi lo sblocco di molte situazioni rimaste ferme, nonostante i vostri sforzi in senso contrario. Nel lavoro, così come nell’assetto della vostra vita sociale e familiare, adesso le cose iniziano veramente a girare per il verso giusto.

Adesso avete solo due nemici da cui guardarvi le spalle: il pessimismo dettato da Nettuno in quadratura dal segno dei Pesci; e la stanchezza causata dall’opposizione del Sole in Sagittario. Concedetevi il meritato riposo.

A voi basta poco per ricaricarvi. Una passeggiata o una chiacchierata con un amico possono fare miracoli.

Cancro: dal 21 giugno al 21 luglio

Cancro: segno zodiale

Cancro

Cito una riflessione di Eckhart Tolle:

A volte lasciare andare le cose è un atto di potere molto più grande che difendersi o resistere.

Quanta verità in questa riflessione cari amici del segno del Cancro!

Lasciar andare sarà la parola magica per voi nel corso di questa settimana e di quelle a venire!

L’ingresso di Giove nel segno a voi opposto del Capricorno segna l’inizio di una fase cruciale per i nati sotto il vostro spicchio di cielo. Una fase che dovete vivere pienamente per poterne trarre al massimo tutte le potenzialità.

C’è chi vede un transito così imponente come un qualcosa di cui avere paura io la vedo in maniera esattamente opposta. Adesso, per voi inizia il tempo del reale cambiamento, della reale liberazione dai vecchi schemi e dalle vecchie prigioni.

Con Nettuno in trigono dai Pesci e Marte e Mercurio in trigono dallo Scorpione, avete tutta l’energia che vi serve per operare questa rivoluzione alla grande! Sursum corda!

Leone: dal 23 luglio al 23 agosto

Leone: segno zodiacale

Leone

State facendo il carico di energie, cari amici del Leone?

Il Sole in trigono dal segno del Sagittario vi infonderà in questi giorni una forza e una determinazione che voi dovrete immagazzinare e non disperdere nel vuoto.

Urano, in quadratura dal segno del Toro, potrebbe lanciare verso di voi sollecitazioni che sarebbe meglio non cogliere. Le forze immagazzinate vi servono per fare altro, per agire in maniera costruttiva e non per reagire in maniera frivola e superficiale.

Ricordate che da martedì 3 dicembre in poi non avrete più Giove a farvi da rete di salvataggio.

Da questo momento, e per un periodo relativamente lungo, sarete chiamati a prendervi in pieno la responsabilità delle vostre azioni. Prima di intraprendere nuove imprese, fermatevi quindi un attimo a riflettere sui pro e i contri.

Mercurio e Marte in quadratura dal segno dello Scorpione non sono sicuramente dei consiglieri di cui fidarvi al mille per mille!

Vergine: dal 24 agosto al 22 settembre

Vergine: segno zodiacale

Vergine

Siete finalmente arrivati al D-Day, il giorno in cui avrà inizio la liberazione o forse sarebbe meglio chiamarlo il G-Day, visto che per voi l’inizio della rinascita corrisponde con l’uscita di Giove dal segno del Sagittario e l’ingresso del medesimo pianeta nel segno amico del Capricorno.

La fine della quadratura del Gigante dei pianeti è fissata per martedì 3 dicembre, data sicuramente da segnare sul calendario.

Da questo momento in poi molte situazioni, rimaste bloccate per circa un anno, inizieranno a sbloccarsi. Giove garantirà un cielo favorevole per quel che riguarda i settori del lavoro, della famiglia, del benessere psico-fisico.

Venere, nella medesima posizione, penserà al resto, ovvero a farvi sciogliere e aprire nei confronti degli altri.

Lasciate andare il controllo adesso potete permettervelo!

Bilancia: dal 23 settembre al 22 ottobre

Bilancia: segno zodiacale

Bilancia

Le due migliori cure che ci siano sono una bella risata e una lunga dormita.

Inutile negarlo, cari amici del segno della Bilancia, il cielo di questa settimana si presenta per voi tutt’altro che leggero. L’ingresso di Giove nel segno del Capricorno porterà a 4 il numero dei pianeti che in questo momento vi si mettono di punta.

Le quadrature rappresentano sollecitazioni potenti e in questo caso le punzecchiature riguardano diversi fronti. Avete di punta Venere, ma anche Giove, Saturno e Plutone… Che fare, dunque? Sicuramente non potete nascondere la testa sotto la sabbia o volgere lo sguardo da un’altra parte.

La prima azione da compiere è quindi quella di prendere il toro delle corna. Una volta fatto questo, concedetevi un po’ di relax rilassate il cuore con una bella serata in allegria e la mente con una dormita rigenerante!

Scorpione: dal 23 ottobre al 21 novembre

Scorpione: segno zodiacale

Scorpione

Guardare il vostro cielo in questi giorni è come godersi una partita a ping pong tra campioni.

Da una parte ci siete voi, rappresentati dall’imbattibile duo Marte-Mercurio, dall’altra c’è Urano che vi dà filo da torcere dal segno opposto del Toro. Sicuramente, tutto farete tranne che annoiarvi.

Urano vi solleciterà in tutti i modi possibili e soprattutto agirà con i suoi fulmini a ciel sereno quando meno ve lo aspettate. Da parte vostra parerete i colpi grazie all’astuzia di Mercurio e alla grinta di Marte. La partita sarà senza dubbio avvincente.

Ricordate che il firmamento fa il tifo per voi. Oltre al trigono di Nettuno dal segno dei Pesci, potete contare infatti anche sul sestile di Giove, Venere, Saturno e Plutone dal Capricorno. Io non ho dubbi, ne uscirete soddisfatti e vincenti.

 Sagittario: dal 22 novembre al 21 dicembre

Sagittario: segno zodiacale

Sagittario

Bye bye, Giove!

Dopo un anno intenso trascorso lì a casa vostra, il gigante dei pianeti, questa settimana, passerà oltre. Inutile dire che l’uscita di un astro così potente non vi lascerà indifferenti. Molti di voi, quando avviene un transito di questo tipo, possono essere portati a sentirsi vuoti, sospesi, quasi orfani.

Grazie al cielo, il Sagittario, per sua natura si riprende molto, ma molto in fretta. L’uscita di Giove, ha anche dei lati positivi. Giove è un pianeta che richiede rigore, voi, per natura, amate lasciarvi andare e soprattutto adorate il rischio. Quindi, molto presto, il vuoto si trasformerà in leggerezza.

Saranno in molti i Sagittario che in questi giorni potrebbero essere catturati dalla locandina di un paese esotico. Da qui a prendere un aereo il passo è breve e, se proprio non potrete volare, di sicuro lo farete con la fantasia!

Capricorno: dal 22 dicembre al 19 gennaio

Capricorno: segno zodiacale

Capricorno

Il grande momento è arrivato, cari amici del Capricorno. Questa settimana – e precisamente martedì 3 – Giove attraverserà il confine che, dal segno del Sagittario, porta nel vostro spicchio di cielo.

Festa grande, ma anche grandi responsabilità vi attendono. Giove è l’astro della Buona sorte, ma anche il pianeta della giustizia. I grandi doni, con lui a casa vostra, arriveranno abbondanti, ma voi dovrete meritarveli. Con Giove di guardia vale infatti il vecchio detto: ciò che si semina, si raccoglie. Fate dunque attenzione a seminare bene.

Per il resto, come la già la scorsa settimana, il vostro cielo si presenta quanto mai positivo.

Non dimentichiamo che, in questi giorni, lì a casa vostra si trova anche la splendida Venere. Non risparmiatevi e non risparmiate.

Questo è il tempo di godersi la vita e di donare qualcosa alla persona del cuore!

Aquario: dal 20 gennaio al 19 febbraio

Acquario: segno zodiacale

Acquario

Scriveva Fëdor Dostoevskij:

Ama la vita più della sua logica solo allora ne capirai il senso.

Citazione complicata, cari amici dell’Acquario? Forse per gli altri, ma non per voi, così inclini per natura a volare alto con il pensiero.

Questa settimana però il cielo vi chiede di dare più ascolto al cuore che alla mente. Mercurio, Marte e Urano – tutti in quadratura – continuano, infatti, ad inviare verso di voi messaggi ambigui. Quando il messaggio non è chiaro alla mente, il cuore di solito è l’unico capace di decifrarlo. Affidatevi al vostro sentire più profondo.

Se una situazione sembra ottimale, ma voi sentite che qualcosa non quadra, fidatevi del vostro istinto e lasciate perdere.

Pesci: dal 20 febbraio al 20 marzo

Pesci: segno zodiacale

Pesci

Finalmente anche per voi, come per gli altri segni della Croce Mobile, questa settimana l’oroscopo inizia con questa parolina magica.

La quadratura di Giove dal segno del Sagittario è finita e, finalmente, il pianeta della Buona Sorte è passato in posizione favorevole nel segno amico del Capricorno.

Da martedì 3 in poi, molte cose, soprattutto nei settori relativi alla famiglia, alla salute e al lavoro andranno a sbloccarsi. Tutto quello per cui avete lavorato e in cui avete investito nell’ultimo anno, adesso inizierà a realizzarsi e a dare i suoi frutti. Detto questo, potete godere di un cielo ottimo sotto tutti i punti di vista.

Favorevoli sono infatti anche Venere, Saturno, Plutone, Urano, Nettuno, Marte e Mercurio. Unico neo è la quadratura del Sole che ancora persiste dal segno del Sagittario. Niente paura il Sole marcia velocemente, presto anche quel senso di stanchezza svanirà!

Perché scegliere un termocamino Helios rispetto agli altri?

Che differenza c’è tra un termocamino Helios e uno classico?

Termocamini helios

Termocamini helios

La prima cosa che c’è da sapere è che un termocamino Helios viene costruito in ogni sua singola parte all’interno dell’azienda di Rocco De Luca, titolare di Helios, dunque si ha la garanzia di acquistare un prodotto completamente Made in Italy.

Rocco De Luca

Rocco De Luca

Altro aspetto importante è che un termocamino Helios è policombustibile e, inoltre, attraverso la coibentazione l’acqua resta calda più a lungo rispetto agli prodotti presenti sul mercato. Aaltro fattore che contraddistingue l’azienda di Rocco Duca riguarda le garanzie: oltre alla garanzia legale offerta dall’azienda, Helios mette a disposizione della propria clientela una garanzia commerciale esclusiva.

Staff Helios

Staff Helios

La garanzia esclusiva offerta dall’azienda consiste nella restituzione del termocamino, dopo 100 gioni, qualora la macchina non dovesse soddisfare le esigenze dell’acquirente

Per scoprire il resto non vi resta che guardare il video.

Provincia,
3.9 milioni per la messa in sicurezza delle strade

La Provincia di Avellino ha approvato i progetti esecutivi per una serie di lavori di messa in sicurezza e manutenzione straordinaria delle strade. Questi progetti si aggiungono agli interventi che sono già in corso da alcuni mesi sulle arterie di competenza dell’Ente e che stanno interessando varie aree del territorio.

Già completati i lavori nelle zone di Atripalda, Aiello del Sabato, San Michele di Serino. A breve cominceranno nella frazione Tropeani di Grottolella. Il Servizio Viabilità e Infrastrutture Stradali della Provincia ha approvato il progetto esecutivo per la messa in sicurezza della Sp 189 che attraversa il territorio della contrada Oscata di Bisaccia e della Sp 281 Fondo Valle Ufita. Due i lotti programmati per un investimento complessivo di due milioni di euro.

Ammonta, invece, a un milione di euro l’importo dei lavori per la messa in sicurezza della Sp 42 che attraversa i Comuni di Chianche e Torrioni e la Sp 55 tra Santa Paolina e Montefusco. Per la manutenzione straordinaria della Sp 67 che da Candida raggiunge la SS 7 Ofantina è prevista una somma pari a 300mila euro, mentre si arriva 600mila euro per le Strade Provinciali 80, 132 e 194 che attraversano il territorio di Avella e del Mandamento.

I progetti esecutivi che sono stati approvati dal Servizio Viabilità e Infrastrutture Stradali rientrano nel Programma Annuale delle Opere Pubbliche e saranno finanziati nell’ambito del protocollo d’intesa sottoscritto tra la Provincia e la Regione Campania.

«Stiamo cercando di rispondere – dichiara il presidente Domenico Biancardi– a tutti i problemi che si registrano sulla rete stradale di nostra competenza.  Già diversi gli interventi eseguiti. In corso altri cantieri e a breve ne partiranno altri. La Provincia sta investendo importanti risorse per garantire la sicurezza degli automobilisti che percorrono le nostre arterie».

Pina Toriello ci spiega come si può prevenire o ritardare l’invecchiamento cutaneo

Eccoci con una nuova puntata di Un appuntamento con Masami!

Pina Toriello oggi ci parlerà di invecchiamento della pelle, un processo a cui siamo destinati tutti ma su cui possiamo lavorare per ritardarlo o ridurrne gli effetti.

Pina Toriello Masami

Pina Toriello Masami

L’invecchiamento cutaneo è un processo biologico naturale che dipende da vari fattori, oltre quello dello scorrere del tempo. Questo cedimento della pelle inizia per le donne all’età di 25 anni circa mentre per gli uomini dai 30.

Pur essendo un normale processo biologico è possibile prevenirlo perché ci sono numerose cattive abitudini che sono capaci di velocizzare l’invecchiamento cutaneo, come una mancata o errata detersione della pelle, per fare un esempio.

Invecchiamento cutaneo

Invecchiamento cutaneo

Invecchiamento cutaneo: quali sono le cause?

Esistono due tipi di invecchiamento cutaneo: intrinseco ed estrinseco.

L’invecchiamento estrinseco non è causato dall’età ma dipende da fattori esterni che aggrediscono la pelle come il raggi ultravioletti, che causano uno stress ossidativo, aumentando l’attività metalloproteasi. Altre cause esterne che collaborano all’invecchiamento cutaneo possono essere il fumo e l’inquinamento.

L’invecchiamento intrinseco invece dipende dalla produzione ormonale e dal patrimonio genetico e dal naturale rallentamento dei processi metabolici e biologici dell’organismo umano, che sono fattori soggettivi.

Nonostante il trascorrere incessante del tempo attraverso accorgimenti e trattamenti specifici è possibile prevenire o ridurre il cedimento cutaneo. Per scoprire come fare non vi resta che guardare il video!

Pina Toriello: video

Masami Beauty Center Grottaminarda

Nella puntata precedente di un appuntamento con Masami abbiamo parlato di trucco permanente.

Proiezione del documentario al Gaveli: Se c’è un aldilà sono fottuto

Il Festival Corto e a capo il 29 novembre alle ore 19:00 vi aspetta al Gaveli di Benevento con la proiezione, ad ingresso gratuito, del docu-film Se c’è un aldilà sono fottuto di Simone Isola e Fausto Trombetta che saranno presenti all’evento.

Se c’è un aldilà sono fottuto

Se c’è un aldilà sono fottuto

L’evento è stato organizzato per completare le premiazioni dedicate a Mario Puzo, sceneggiatore e scrittore statunitense, , figlio di immigrati irpini nonchè autore de Il padrino.

Come ha affermato Umberto Rinaldi, direttore artistico di Corto e a capo:

Ricordare Puzo non è soltanto un modo per sottolineare la presenza di personalità irpine all’interno della storia del cinema ma anche un modo per celebrare nel modo migliore una delle menti più brillanti che, iniziando come scrittore, ha contribuito a fare la storia del cinema mondiale. Mario Puzo e Claudio Caligari sono accomunati dalla grande capacità che hanno avuto entrambi di raccontarci strutture, logiche e dinamiche del fare criminale.

Se c’è un aldilà sono fottuto è un docu-film su Claudio Caligari, regista laziale che ha realizzato tre lungometraggi caratterizzati da forte realismo e spregiudicatezza, tra cui ricordiamo Amore Tossico (1983).

Ecco un assaggio del documentario dal trailer.

Se c’è un aldilà sono fottuto: il trailer

Se c’è un aldilà sono fottuto è un lungometraggio che invita a riscoprire l’uomo e le opere piuttosto che fare una semplice commemorazione di Claudio Caligari. Il film è stato molto apprezzato alla 76esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Scroll to top