Primo Piano: Green pass: sì a viaggi ed eventi in Europa
Attualità: Nasce l’Accademia Napoletana del Caffè per la divulgazione del rito del caffè
Cocktail e Cultura al Castello: La storia del Negroni e dell’Old Fashioned spiegata da Michelangelo Bruno
Un caffè con la nutrizionista: Pomodori ripieni al basilico: ricetta vegetariana
Cultura: Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale

Covid-19: la paura e l’ignoranza

di Alfonsina Merola

 

Il Covid-19 ha cambiato, trasformato e plasmato le nostre vite perché siamo limitati nella nostra libertà e nei rapporti interpersonali. L’ansia di dover combattere con questo virus che non ha un volto a noi percepibile alimenta la paura verso qualcosa che è più forte di noi e non siamo abituati a toccare la nostra inconsistenza e fragilità in questo modo così spietato, crudo e brutale.

Siamo abituati a manipolare il mondo, cambiandolo per come ci può essere più congeniale. Lo abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo ma, fino a quando non sarà possibile fare il vaccino, dobbiamo continuare a confrontarci con questa impotenza e fragilità.

Conza della Campania: cambia sede e riapre la biblioteca F.A. Cappone

Cambio sede per la Biblioteca Comunale F.A. Cappone di Conza della Campania (AV), che riapre dopo un lungo periodo di inattività che durava oramai da qualche anno, in una veste ampliata e completamente rinnovata in corso XXIII Novembre 1980 presso il centro di aggregazione giovanile “Lavori in corso gioventù conzana” nei pressi della banca BPER.

L’inaugurazione si terrà domenica 01 agosto dalle ore 17.30.

Il trasferimento della Biblioteca s’inserisce nel piano dell’amministrazione comunale di creare un “Polo Culturale” che comprende oltre all’attività della biblioteca anche la realizzazione di un antiquarium con le riproduzioni in ceramica e legno dei reperti archeologici presenti nel museo del parco archeologico di Compsa, realizzate dai giovani locali nel corso dei laboratori didattici, conclusisi a maggio 2021, del progetto G.I.O.I.A. nell’ambito del bando Benessere Giovani dalla Regione Campania, e la mostra espositiva permanente della collezione di foto stampate su canvas “Patrimonio della Conzanità” che ritraggono le immagini della Conza vecchia pre-terremoto e prima della delocalizzazione nell’attuale insediamento abitativo.

Ci racconta Gerardo Chiancone, responsabile esecutivo dell’Associazione Gioventù Conzana APS, ente gestore della biblioteca e del centro di aggregazione giovanile:

L’obiettivo è far diventare la biblioteca un luogo d’aggregazione per tutta la comunità, giovani e meno giovani possono incontrarsi in questo luogo ed attivare quel processo di scambio di conoscenza intra-generazionale che permetterà ad ognuno di imparare dalle esperienze di vita degli altri attraverso la condivisione, con il risultato, speriamo, di preservare e conservare nelle future generazioni quel patrimonio del sapere autentico che appartiene alla nostra identità locale. Questo messaggio è ritratto nello stesso logo dell’Associazione Gioventù Conzana realizzato dall’arch. Marta Bovio, il quale rappresenta questa trade-union ideale tra le diverse generazioni della nostra comunità. Il Polo Culturale sarà, dunque, non solo un luogo di avvicinamento alla lettura, ma anche spazio di socialità e di crescita, grazie alla presentazione di libri, ad incontri con gli autori, a laboratori ed attività con i bambini e ragazzi, al servizio di connessione free wi-fi disponibile per tutti, alla presenza dell’antiquarium e della mostra permanente delle foto su canvas, oltre all’organizzazione di molte altre attività per tutti i cittadini. Un grande plauso va a tutti i ragazzi di Conza che hanno impegnato il loro tempo libero nella realizzazione di questo progetto prodigandosi in maniera volontaria dal mese di maggio ad oggi per rendere possibile l’allestimento del polo culturale. La sfida dei prossimi mesi sarà inventariare tutto il patrimonio librario che conta oltre 5.000 volumi, digitalizzandolo e rendendolo disponibile alla consultazione sul sito dell’associazione Gioventù conzana e sulla pagina facebook della biblioteca.

Gerardo Chiancone

Gerardo Chiancone

Alla cerimonia di taglio del nastro saranno presenti oltre alle istituzioni locali rappresentate dal sindaco di Conza della Campania Luigi Ciccone, anche il prof. Luigi Lariccia memoria storica della comunità conzana, che impreziosirà la manifestazione raccontando ai presenti il ruolo e l’importanza della biblioteca F.A. Cappone fondata dai conzani negli anni 70 durante i suoi 50 anni di vita, e tre illustri autori irpini che presenteranno in quest’occasione le proprie opere: alle 18,00 Eleonora Davide, presenta il libro “Il fiore del carso – Una linea tra due mondi” (Collana Rossoquadro), alle 19,00 Pasquale Gallicchio, presenta il libro “Niente è perduto” – (edizioni Delta 3), alle 20,00 Gerardo Bruno, presenta il libro “Il sogno del guerriero – Le forche caudine; La resa del guerriero”.

Lo sfogo amaro di Amado Delli Gatti, sindaco di Torella dei Lombardi

Lo sfogo amaro di Amado Delli Gatti, sindaco di Torella dei Lombardi:

Pur essendo pienamente consapevoli dell’importanza di arricchire la dotazione infrastrutturale del nostro territorio, il prezzo che come comunità di Torella dei Lombardi stiamo pagando per la realizzazione dell’asse viario Lioni – Grottaminarda è troppo alto. É doveroso, attraverso un’azione sinergica e che metta insieme la filiera istituzionale interessata, che venga previsto un piano di ristoro che comprenda anche il nostro territorio.

La questione è legata alla ex SS. 428 nel tratto Torella dei Lombardi – Villamaina. Si tratta  dell’unica via di collegamento con la Valle dell’Ufita e relative zone industriali. Per molti comuni dell’Alta Irpinia è l’unico asse viario per raggiungere il l plesso ospedaliero di Ariano Irpino. La strada, in particolare nel tratto urbano che attraversa il centro di Torella dei Lombardi, è costantemente interessata dal passaggio di tutti i mezzi pesanti connessi con i lavori di realizzazione della Lioni – Grottaminarda. Inevitabile conseguenza è il continuo danneggiamento della carreggiata nonché dei sottoservizi, pregiudicando la sicurezza della strada sia per i veicoli che per i pedoni.

Sono circa due i chilometri per i quali sarà necessario un intervento di riqualificazione e di rifacimento. É ovvio che non possiamo accollarci come amministrazione comunale la spesa di questo intervento. Tra l’altro non possiamo essere penalizzati ingiustamente per un danno che non abbiamo creato noi e di cui non abbiamo responsabilità. Abbiamo necessità di essere garantiti e tutelati da questo punto di vista. Ho avviato da tempo un’interlocuzione con il precedente commissario straordinario per la realizzazione dell’opera, ma senza esito.

Ho provveduto ad allertare la Provincia di Avellino che è al nostro fianco ed è pronta a sostenere questa nostra azione. Ho provveduto ad inviare nota formale al Direttore Generale dell’Ufficio speciale Grandi Opere della Regione Campania per illustrargli la vicenda. Ma devo anche aggiungere di aver avviato una verifica con i legali perché non escludo di perseguire anche questa strada nel caso in cui non dovessi avere sufficienti garanzie di ristoro per chi come noi subisce comunque dei gravi danni pur non essendo direttamente interessati al passaggio dell’asse viario. Non vorrei essere costretto ad assumere provvedimenti drastici per limitare la presenza di mezzi pesanti sulla ex statale. Non è mia intenzione ostacolare la realizzazione della strada, ma non possiamo pagare un prezzo così alto.

É assolutamente necessario che vengano messe in campo tutte le iniziative possibili finalizzate al ripristino delle condizioni di sicurezza e di efficienza dell’ex SS 428. Non possiamo assistere a quanto accade senza poter garantire la sicurezza dei cittadini di Torella e comunque di tutti coloro che fruiscono di questa strada. Se non dovessero registrarsi novità sostanziali, mi vedo costretto, mio malgrado, ad adire le vie legali.

Un’app a disposizione dei cittadini per segnalare incendi

Un’app a disposizione dei cittadini per segnalare incendi: protocollo d’intesa tra Parco del Partenio e Cratere degli Astroni. La firma è prevista per venerdì 30 luglio, alle 11. Appuntamento al Circolo della Stampa di Avellino, dove saranno approfonditi i termini dell’accordo.

Saranno presenti, infatti, il Presidente del Parco del Partenio, Francesco Iovino, Il direttore della Riserva Naturale – Oasi WWF – Cratere degli Astroni, Fabrizio Canonico, l’amministratore di NEXUS TLC srl, Francesco Serino e l’amministratore di Hubstrat srl, Paola Neri.

La Riserva Naturale – Oasi WWF – Cratere degli Astroni partecipa al progetto “ABCD – Astroni Bosco da Conoscere per Difendere”. Quest’ultimo, sostenuto da Fondazione con il Sud, con lo scopo di prevenire gli incendi boschivi rendendo la comunità di riferimento della Riserva più responsabile e consapevole del proprio agire. Nell’ambito del progetto ABCD, è stato poi sviluppato il software “ABCD” che è lo strumento operativo per il concreto esplicarsi degli obiettivi prefissati.

App per segnalare incendi

App per segnalare incendi

La funzionalità principale di “ABCD” si basa sul coinvolgimento dei cittadini: chiunque abbia notizia di una situazione di possibile rischio incendio e/o di micro discarica (come ad esempio l’accumulo di rifiuti a ridosso di zone sensibili) può inviare, tramite smartphone, una segnalazione geo referenziata, corredata di immagini e testo, che consenta all’ente gestore l’immediata valutazione dell’entità del rischio e la sua precisa localizzazione. Inoltre, l’APP si prefigge di essere un vero e proprio hub di informazioni:  progettata non solo per segnalare i possibili pericoli, ma anche per interagire con l’area protetta scaricando, ad esempio, il calendario degli eventi in programma.

Il  Presidente del Parco del Partenio, avendo avuto notizia del software ABCD, e condividendo l’intento di coinvolgere la propria comunità di riferimento in una costante attività, oltre che di conoscenza, anche di sorveglianza dell’area protetta, ha manifestato l’interesse del Parco a replicare l’applicazione “ABCD”. Il direttore della Riserva Naturale – Oasi WWF – Cratere degli Astroni, Fabrizio Canonico, in pieno spirito di partenariato istituzionale, si è dichiarato disponibile alla concessione d’uso della APP ABCD.

Con il Protocollo d’intesa, le parti disciplinano dunque i termini di concessione della piattaforma informatica sviluppata sulla base del software, realizzato per il progetto ABCD, e sostenuto da Fondazione con il SUD.

Ideazione e progettazione della piattaforma informatica: Fabrizio Canonico,  Giovanni La Magna, Igor Scognamiglio.

Enrico Caruso vive nel racconto di Geppy Gleijeses al Trianon Viviani

“Caruso vive. Vita, morte e miracoli di Enrico Caruso nel centenario della scomparsa e la sua voce come non l’avete mai sentita”.

Questo il titolo della serata/evento che, lunedì 2 agosto, alle 21, si terrà al Trianon Viviani nell’àmbito delle celebrazioni promosse dalla Regione Campania per il centenario della scomparsa del grande
tenore partenopeo.

Proprio cento anni fa, il 2 agosto 1921, in una suite del grand hotel Vesuvio, moriva Enrico Caruso,
registrato all’anagrafe come “Errico”.
Per ricordarlo, Geppy Gleijeses ha curato e diretto un articolato racconto teatrale, che proprio nel teatro di Forcella, diretto artisticamente da Marisa Laurito, assume un significato particolare, essendo il Trianon Viviani prossimo ai luoghi dell’adolescenza e della gioventù del tenore: come l’oratorio di padre Giuseppe Bronzetti, in via Postica Maddalena, e il caffè dei Mannesi, all’angolo di via Duomo, dove
si esibiva come posteggiatore.

Spiega Gleijeses:

Per me che a 5 anni, nel 1960, ogni domenica dopo pranzo ero costretto a casa dei miei nonni paterni, nel “salottino d’ascolto”, insieme a genitori e parenti tutti, a sentire dal grammofono rigorosamente a tromba, su un gracchiante 78 giri, la voce del mito, è il coronamento del sogno di una vita.
Leggerò un testo del giornalista Luciano Giannini, “impressionista”, a pennellate, come ama definirlo, liberamente ispirato a due libri fondamentali su Caruso, Ridi Pagliaccio! di Francesco Canessa e Una vita una leggenda di Pietro Gargano e anche attraverso questa lettura sfateremo la leggenda dei fischi al San Carlo: egli bissò Una furtiva lagrima, altro che fischi! E narreremo le sue gesta, vita, morte e miracoli.

Caruso vive. Vita, morte e miracoli di Enrico Caruso: spettacolo al Trianon

Caruso vive. Vita, morte e miracoli di Enrico Caruso

Il testo rilegge la breve ma intensa parabola terrena di questo «archetipo del tenore pop», la voce più grande del secolo breve, la prima al mondo a superare, con un disco, un milione di copie vendute. Idolatrato dai contemporanei: Caruso fu tenore, ma anche musicista, disegnatore di deliziose caricature, pittore, scultore e poeta.

Precisa Giannini:

Non ho seguìto cadenzate sequenze di tempo e di luogo , ma ho assecondato suggestioni
personali, ispirandomi liberamente alle due migliori biografie in commercio, per ricostruire la figura di un artista e di un uomo che, dalle più umili origini, seppe elevarsi a un’arte eccelsa e, allo stesso tempo, popolare, dando lustro internazionale al melodramma italiano.

La lettura sarà contrappuntata da proiezioni di fotografie del tenore e dall’ascolto della sua voce, grazie al lavoro dei laboratori Abbey Rocchi, che hanno rimasterizzato e restaurato le incisioni originali.

La serata si completerà con la conversazione informale di Gleijeses con Enrico Girardi, critico musicale del Corriere della Sera, e sarà aperta e chiusa dal tenore Gianluca Terranova, protagonista del fortunato biopic su Caruso di Raiuno, che, accompagnato al piano da Sergio La Stella, interpreterà alcuni cavalli di battaglia del repertorio del cantante partenopeo.

Con la produzione di Gitiesse – Artisti riuniti, Caruso vive vede in locandina la direzione tecnica di Franco Grieco, le luci dell’artigiano Luigi Ascione e le forniture acustiche e foniche di Gelato equipment.
Lo spettacolo si terrà nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza, con il contingentamento dei posti
disponibili.
L’ingresso è gratuito.

Per partecipare (con un massimo di richiesta di due posti) occorre scrivere a: comunicazione@teatrotrianon.org. Seguirà un’email di conferma, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Informazioni: tel. 081 2258285, sito istituzionale.

In vacanza è tutto un altro film un grande evento en plein air

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, il MUN – Museo dell’Uomo e della Natura di Tortorella (Salerno), ripropone l’arena estiva all’aperto, incastonata ad hoc nel cuore del Cilento.

È qui, che dall’1 al 31 agosto, prenderà forma “In vacanza è tutto un altro film!”, rassegna ricca di titoli interessanti, che porta la firma dal critico cinematografico, autore e scrittore, Enzo Lavagnini. Il quale afferma:

Occhio al calendario e ai ritmi della vita, perché il “bello” più “bello” del cinema arriva giusto-giusto in vacanza. Il periodo adatto per sognare ad occhi ben sgranati! Meglio, se insieme ad altri. Ci sono cose, infatti, che vanno vissute decisamente “assieme”: in famiglia, con gli amici, con chi si ama. Un buon film è una di queste. Dunque, ora, lo “spettacolo degli spettacoli” attende solo noi. È questa la notizia!

Sì, è questa la notizia: un grande evento en plein air, entusiasmante come la location, luogo ideale, dove godersi gratuitamente bei film sotto le stelle col fresco della sera, ma sempre in sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid.

La manifestazione, che rientra nel cartellone de “Le Magiche Notti del Cilento”, giunto alla sua sesta edizione, offrirà il meglio della produzione cinematografica, con titoli campioni d’incasso, che hanno spopolato al box office negli ultimi due anni.

Le proiezioni in programma, con inizio all’imbrunire, a partire dalle 21, saranno tutte ad ingresso gratuito con obbligo di prenotazione.

Oroscopo della settimana: dal 26 luglio all’1 agosto

Questi gli eventi cardine di questo periodo: il 28 luglio Mercurio entrerà in Leone, dove si trovano anche il Sole e Marte. Quest’ultimo pianeta, però, il 29 luglio lascerà il secondo dei segni di Fuoco per entrare in Vergine.  Sempre il 28 luglio, cambio di segno anche per Giove che, seguendo il moto retrogrado, rientrerà in Acquario, dove si trova anche Saturno e lì rimarrà fino a dicembre.

Vediamo quindi come si presenteranno i vari segni dello Zodiaco, in base all’elemento di appartenenza.

I segni di Fuoco, forse un po’ meno combattivi, ma molto acuti da un punto di vista mentale, grazie alle energie di Sole e Mercurio in Leone.

Di nuovo al top i segni d’Aria, grazie al ritorno di Giove in Acquario, dove si trova anche Saturno.

Perderanno invece un po’ di verve i  segni  d’Acqua che, dopo il  Sole, dovranno salutare anche  Mercurio in Cancro e Giove in Pesci, rimarranno comunque supportati da Nettuno in Pesci.

Grande rimonta, infine, per i segni di Terra che, sempre irradiati da  Plutone, retrogrado in Capricorno e da Urano in Toro, ora possono contare anche sulla passionale Venere e sul combattente Marte in Vergine!

Ariete: dal 21 marzo al 20 aprile

Ariete: segno zodiacale

Ariete

Finalmente si torna a respirare.
La grande “cappa” di pesantezza emotiva, dovuta al transito dei pianeti in Cancro, finalmente, questa settimana, si dissolverà definitivamente. Anche Mercurio, infatti, in questi giorni, varcherà il confine che separa il segno scomodo del Cancro da quello amico del Leone. A livello mentale vi sentirete quindi molto più leggeri.
La positività ricomincerà a guidare le vostre giornate. E, particolare non di poco conto, anche la fortuna tornerà a sorridervi. Mercurio e Sole, congiunti e per di più in trigono dal Leone promettono infatti grandi regali inaspettati. Sia in amore che sul lavoro, adesso, potete permettervi qualche azzardo in più!

Toro: dal 20 aprile al 20 maggio

Toro: segno zodiacale

Toro

Bel cambio di energie questa settimana, per voi, amici del Toro!

Tutti e tre i transiti di questi giorni vi riguarderanno, infatti, direttamente. Ottime nuove per quel che riguarda il cielo dell’amore: Venere e Marte, congiunti nel segno amico della Vergine, vi daranno infatti una grande carica attrattiva e faranno schizzare ai massimi livelli l’energia erotica e passionale. Si prevedono, quindi, fuochi d’artificio.

Per chi può permetterselo, in questi giorni, sarebbe ottimale prendersi un periodo di pausa, visto che, al contrario, il cielo del lavoro si presenta un po’ nuvoloso. Giove e Saturno, in quadratura dal segno dell’Acquario, e Sole e Mercurio, in quadratura dal segno del Leone, non faciliteranno di certo le cose… quindi, riposate e godetevi le gioie dei sensi… se potete

Gemelli: dal 21 maggio al 20 giugno

Gemelli: segno zodiacale

Gemelli

Questa settimana il vostro oroscopo è esattamente speculare a quello dei vicini di casa del Toro, cari amici del segno dei Gemelli.

I tre cambi di segno relativi ad altrettanti pianeti, andranno infatti a toccare la vostra quotidianità da vicino, Ma, se a loro il cielo consiglia una pausa dalle incombenze lavorative, a voi dice esattamente il contrario. Con Sole e Mercurio in sestile dal segno del Leone e il duo Giove-Saturno in trigono dal segno dell’Acquario, questo è proprio il momento giusto per mettersi al lavoro e per far fare il salto di qualità alla vostra carriera. Al contrario, è il settore del cuore che va preso con le molle.

Nettuno in quadratura dai Pesci e la coppia  Marte-Venere in quadratura dal segno della Vergine non aiutano certo a far decollare i rapporti. Le iniziative in questi giorni sono quindi vivamente sconsigliate. Il consiglio del cielo è ascoltare di più e parlare di meno.

Cancro: dal 21 giugno al 21 luglio

Cancro: segno zodiale

Cancro

Il tempo del vostro capodanno astrologico è passato, ma lo stesso non si può dire per quel che riguarda il capodanno della passione!

Da questa settimana, Marte e Venere in sestile dal segno della Vergine, faranno in modo che per voi la festa continui. Charme ai massimi livelli, fascino irresistibile, carica erotica al top. Gli ingredienti per colorare le notti di mezza estate, quindi, ci sono tutti.

Sul lavoro, invece, il cielo vi consiglia una pausa. L’uscita di Giove dal segno amico dei Pesci, segnerà infatti un periodo tra luci e ombre. Meglio riposare, quindi, e aspettare qualche giorno prima di buttarvi a capofitto sul lavoro. Le energie autunnali vi garantiranno la carica per ripartire alla grande! Ascoltate il consiglio di un amico, potrà aprirvi la mente e rinfrancare il vostro cuore.

Leone: dal 23 luglio al 23 agosto

Leone: segno zodiacale

Leone

Cambio di testimone, nel vostro cielo, cari amici del segno del Leone!

Esce Marte, che questa settimana entrerà nella vostra seconda casa, dove ad attenderlo si trova anche Venere, ed entra l’effervescente Mercurio! Le vostre doti comunicative, quindi, sprizzeranno al top. E questo è proprio ciò che vi serve, soprattutto in campo lavorativo, visto che, sempre questa settimana, dovrete ricominciare a fare i conti con Saturno e Giove in opposizione dal segno dell’Acquario.

In ambito lavorativo, quindi, le cose potrebbero subire un rallentamento, ma, grazie alla vostra capacità di convincere gli altri, riuscirete comunque a raggiungere i vostri obiettivi. In amore, fate attenzione: oltre alle parole, servono anche i fatti!

Vergine: dal 24 agosto al 22 settembre

Vergine: segno zodiacale

Vergine

Che splendido cielo segnerà il passaggio dal mese di Luglio a quello di Agosto, cari amici del segno della Vergine.
Le buone notizie, questa settimana, sono due. In primo luogo, il combattivo Marte sbarcherà nel vostro spicchio di firmamento, dove si trova anche la passionale Venere. Quindi, l’amore, girerà al top, grazie ad una carica erotica che non conosce pari.
La seconda buona notizia riguarda invece l’ambito lavorativo e familiare. In questi giorni, infatti, Giove lascerà il segno scomodo dei Pesci per rientrare in Acquario. Il Gigante del nostro cielo smetterà quindi di farvi i dispetti.
I progetti ricominceranno a girare e presto arriveranno anche i risultati!

Bilancia: dal 23 settembre al 22 ottobre

Bilancia: segno zodiacale

Bilancia

Le idee tornano finalmente a scorrere!

Da questa settimana, Mercurio smetterà di mettervi i bastoni tra le ruote… anzi da dispettoso diventerà collaborativo, visto che verrà a trovarsi in sestile dal segno del Leone e, per di più, congiunto al Sole. Se potessi dare un titolo a questa settimana, la ribattezzerei: settimana dei chiarimenti! Molti nodi in questi giorni verranno al pettine, avrete modo di spiegare le vostre ragioni per comportamenti che, magari, agli altri possono essere apparsi incomprensibili.

La vostra ritrovata capacità comunicativa farà la differenza anche in amore, visto che Marte e Venere, in transito nella vostra XII casa, vi chiederanno di chiudere i conti in sospeso!

Scorpione: dal 23 ottobre al 21 novembre

Scorpione: segno zodiacale

Scorpione

Le acque agitate che hanno caratterizzato il cielo dell’amore nell’ultimo periodo, finalmente, tornano a calmarsi, cari amici del segno dello Scorpione.
Da questa settimana, Marte e Venere smetteranno di farvi i dispetti dal segno scomodo del Leone. Erotismo e fascino torneranno quindi ad essere al top. La passionalità che contraddistinguerà questo scampolo di luglio, sarà tuttavia molto particolare…
I due pianeti legati alla passione si trovano infatti in uno spicchio di firmamento, quello della Vergine, caratterizzato dalla pacatezza e non dall’effervescenza. Vi troverete quindi ad essere più riflessivi e meno impulsivi. Meglio così, visto che Sole e Mercurio, in quadratura dal segno del Leone vi sconsigliano colpi di testa!

Sagittario: dal 22 novembre al 21 dicembre

Sagittario: segno zodiacale

Sagittario

Settimana tra luci e ombre, per voi, cari amici del segno del Sagittario!

I transiti del 28 e 29 luglio, mescoleranno infatti un po’ le carte in tavola! Giove, finalmente, dopo 4 mesi circa di dispetti, tornerà ad appoggiarvi dal segno amico dell’Acquario, con ripercussioni fortemente positive nell’ambito del lavoro,  mentre Marte e Venere ce la metteranno tutta per complicare le cose in amore.

Il consiglio , sotto questo cielo, è quello di non seguire la vostra tendenza innata all’impulsività. Fossi in voi, invece che reagire di fronte alle provocazioni, farei appello alle doti comunicative che pure non vi mancano. Sole e Mercurio, in trigono dal segno amico del Leone, vi renderanno particolarmente comunicativi e convincenti.

Capricorno: dal 22 dicembre al 19 gennaio

Capricorno: segno zodiacale

Capricorno

Settimana di tregua, per voi, cari amici del segno del Capricorno.

Tutti i pianeti hanno infatti abbandonato il segno a voi opposto del Cancro. Le sollecitazioni, spesso molto forti da un punto di vista emotivo, sono quindi terminate. Ora sopra le vostre teste splende il sereno. Come sempre, i pianeti lenti continuano ad essere tutti dalla vostra parte: Plutone nel segno; Urano in trigono dal Toro;  Nettuno in sestile dai Pesci. In aggiunta, da questa settimana potrete contare anche su Marte e Venere in trigono dal segno della Vergine.

Lasciatevi quindi andare al fuoco della passione… non si può sempre tenere tutto sotto controllo e l’estate, non dimenticatelo, è la stagione dell’azzardo e della libertà. Ricordate: chi non risica, non rosica!

Aquario: dal 20 gennaio al 19 febbraio

Acquario: segno zodiacale

Acquario

Giove è finalmente tornato a casa, cari amici del segno dell’Acquario.
Tutti quei progetti avviati dall’inizio dell’anno fino a metà maggio e poi rimasti bloccati, adesso potranno quindi essere ripresi in mano e ricominciare a dare i loro frutti. Il Gigante dei pianeti, che sovrintende lavoro, salute e famiglia, adesso sarà completamente al vostro servizio, fino alla fine dell’anno. Giove, ricordatelo, per dare il meglio, richiede impegno e senso della giustizia, occhio quindi a non cadere nella trappola dei colpi di testa.
La parola d’ordine è non reagire, soprattutto con le parole che possono, a volte, ferire più di un coltello affilato. Sole e Mercurio, in opposizione dal segno del Leone, non vi tutelano, anzi, potrebbero seminare zizzania.

Pesci: dal 20 febbraio al 20 marzo

Pesci: segno zodiacale

Pesci

Arrivederci, caro vecchio Giove!

Dopo avervi tenuto compagnia per quasi tre mesi, il Gigante dei pianeti, in questi giorni, tornerà indietro nel segno dell’Acquario. Come detto, però, questo transito rappresenta non un addio, ma un arrivederci. Giove tornerà da voi a fine anno e con voi rimarrà per tutto il 2022. Quindi, i progetti messi in cantiere avranno tutto il tempo per essere realizzati.

Detto questo, il settore che questa settimana richiede una certa attenzione è quello dell’amore e dei sentimenti. Venere e Marte, in opposizione dal segno della Vergine, potrebbero rendere i vostri rapporti con la persona del cuore un tantino più complicati.

È importanti starci con la testa sotto questo cielo, la vostra sbadataggine cronica potrebbe diventare insopportabile per chi vi sta accanto.

Gabriella Della Sala spiega l’importanza di fare cultura insieme

Gabriella Della Sala, Direttrice del Conservatorio Cimarosa di Avellino, è una delle figure portanti del progetto Ricreazione al vigneto, un progetto promosso dall’Istituto De Sanctis che ha deciso di aprire le sue porte con una serie di eventi culturali finalizzati alla promozione del settore agroalimentare e imprenditoriale irpino.

Scopo di questa collaborazione tra settore musicale, culturale ed enologico serve a mostrare la concretezza di ciò che si può fare quando si lavora insieme, per raggiungere un obiettivo che tende all’inclusione e alla collettività.

L’importanza di creare quell’unione costruttiva che fa la forza. C’è bisogno di collaborare per dare inizio al fare, insegnando ai giovani che si può creare un cammino diverso, soprattutto attraverso la formazione.

Gabriella Della Sala: video

La Direttrice del Conservatorio Cimarosa di Avellino

Le parole di Gabriella Della Sala sul perché ha deciso di partecipare a questo progetto sono le seguenti:

Penso che le realtà di una città devono coordinarsi.

C’è bisogno di una filiera che abbia come obiettivo quello di fare cultura insieme, mettersi in rete, aiutarsi l’un l’altro. Sappiamo bene che per le iniziative culturali ci sono sempre pochi fondi e tante difficoltà organizzative. io ritengo che l’unione fa la forza. l’obiettivo che abbiamo noi del Conservatorio Cimarosa e dell’Istituto De Sanctis è quello di formare.

Una formazione specifica che ha come obiettivo non solo il lavoro ma quello di insegnare ai giovani e ai meno giovani, che hanno perso la fiducia di poter creare un cammino diverso per la società, che creare un’alternativa è possibile.

I giovani hanno bisogno di capire che tornare alle tradizioni in maniera colta, avendo consapevolezza attraverso gli studi e attraverso la fierezza per il proprio territorio è questo l’unico modo che abbiamo a disposizione per poter riscattare questa parte della Campania, che è stata abbandonata.

È stata abbandonata non solo dalla politica ma anche da noi. L’abbiamo tradita quando abbiamo pensato che fare il contadino era un mestiere di cui vergognarsi, l’abbiamo tradita quando da genitori abbiamo pronunciato parole denigratorie nei confronti degli istituti d’arte e agrari. L’abbiamo tradita quando abbiamo cercato il liceo come status symbol e non come una scuola che deve insegnare a vivere attivamente, mettendo in azione le risorse di un territorio.

Ricreazione il progetto culturale dell'istituto Francesco De Sanctis

Ricreazione il progetto culturale dell’istituto Francesco De Sanctis

In apparenza il Cimarosa e il De Sanctis sembrano due realtà completamente diverse ma la verità è ben diversa perché ad accomunare questi due istituti ci sono la formazione, la produzione e la ricerca, che ciascuno nel proprio ambito di competenza mette in atto.

Il sistema per vincere nel futuro è proprio quello di fare rete.

Zuppa fredda di cetrioli: una ricetta estiva e vegetariana

La zuppa fredda di cetrioli è un una ricetta perfetta da realizzare nelle giornate calde d’estate. Un piatto sano e semplice da preparare soprattutto se si ha poco tempo da dedicare ai fornelli.

Il cetriolo sotto il profilo dietetico è un alimento molto apprezzato perché è ricco di proprietà diuretiche e rinfrescati.

100 grammi di cetrioli contengono:

12 Kcal

Carboidrati 2,2 g

Grassi 0,2 g

Vitamina C 3,2 mg

Vitamina K 7,2 mcg

Potassio 136 mg

Magnesio 12 mg

Zuppa fredda cetrioli: la ricetta

Una ricetta vegetariana

Zuppa fredda cetrioli: la ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • Cetrioli 300 gr
  • Pomodori maturi per insalata 450 gr
  • Aglio 1 spicchio
  • Uova 1
  • Aceto di vino bianco mezza tazzina di caffè
  • Olio extravergine di oliva 4 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Esecuzione

  1. Pela i cetrioli e tagliali a bastoncini sottili.
  2. Cospargili di sale e lasciali a riposo per circa un’ora in modo tale da far perdere l’acqua di vegetazione.
  3. Spela i pomodori e frullali.
  4. Sciacqua i cetrioli, asciugali e passali al setaccio separatamente dai cetrioli.
  5. In una ciotola amalgama con una frusta l’uovo insieme all’aceto.
  6. Aggiungi un pizzico di sale e il succo di uno spicchio di aglio.
  7. Aggiungi olio a filo e continua a lavorare finché non avrai ottenuto una sorta di maionese.
  8. Unisci il frullato di pomodoro e la crema di cetrioli.
  9. Ultima la cottura con un filo di olio, sale e un pizzico di pepe.
divider

L’informazione che supera il singolo punto di vista

News

  • In primo Piano

Info e Contatti

  • Redazione
  • Pubblicità

© 2018 Copyright ILPLURALE.IT
Direttore Responsabile Erminio Merola
Partita I.V.A. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Avellino n.02993420641
R.E.A.: AV - 197879

Made with ❤ by Elementor