redazione

Paolino Salierno ci parla del reato di violenza sessuale

Il reato di violenza sessuale viene affrontato nell’articolo 609 bis del Codice Penale e stabilisce quanto segue:

Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da sei a dodici anni.

Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali: 1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto; 2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.

Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi.

Viene considerato presupposto necessario di tale delitto che l’atto sessuale sia associato al costringimento del soggetto passivo che può aversi tramite violenza fisica sulla persona o sulle cose, minaccia, intesa come violenza morale, e abuso di autorità, tanto di pubblica autorità (ad es. nei confronti di un soggetto detenuto), tanto di autorità privata (ad es. tra datore di lavoro e lavoratore).
Si tratta di atti espressione di un appetito o di un desiderio sessuale, che quindi riguardano zone erogene differenti, idonei al contempo ad invadere la sfera sessuale del soggetto passivo mediante costringimento.
Vi rientrano dunque diverse tipologie di atti, dal momento che il legislatore ha adottato una definizione onnicomprensiva, sostitutiva di quella vigente in precedenza e che era incentrata sulla distinzione tra congiunzione carnale (intesa come qualsiasi forma di compenetrazione corporale che consenta il coito o un equivalente abnorme di esso), ed atti di libidine violenti (intesi come ogni forma di contatto corporeo diversa dalla penetrazione, che, per le modalità con cui si svolge, costituisca inequivoca manifestazione di ebbrezza sessuale).
La cornice edittale della pena è stata modificata dall’art. 13 comma 1 della L. 19 luglio 2019 n. 69.
Reato violenza sessuale

Reato violenza sessuale

 Il comma secondo comprende due ipotesi di violenza sessuale mediante induzione cioè posta in essere non mediante azione diretta sulla persona offesa, ma secondo modalità specificamente descritte idonee a suggestionare la volontà della vittima, che sostituiscono l’abrogato delitto di violenza carnale presunta ex rat. 519, comma secondo.
La condizione di inferiorità deve sussistere al momento dell’atto sessuale e si riferisce non solo alla condizione di minorazione o deficienza dovuta a patologie organiche o funzionali, ma anche alla situazione di carenze affettive e familiari.
Il riferimento non è tanto alla sostituzione fisica quanto alla falsa attribuzione di generalità, status, qualifica e qualità personali (come ad esempio nel caso di soggetto che si finge medico).
È circostanza attenuante ad effetto speciale ex art. 63 che ricorre quando, con riferimento ai mezzi, alle modalità, alle circostanze dell’azione, si ritiene che la libertà personale o sessuale della vittima sia stata compressa in maniera meno grave.

Weekends è un corto animato sulla separazione vista con gli occhi di un bambino

Weekends (2017) è un corto animato, interamente disegnato a mano, di Trevor Jimenez che mostra la separazione di una coppia con figli, dal punto di vista di un bambino.

Il cortometraggio, candidato all’Oscar, è delicato ed incisivo pur non essendo dialogato.

Weekends di Trevor Jimenez

Weekends di Trevor Jimenez

Protagonista è un bambino canadese che si ritrova a dividere i fine settimana tra la casa dei rispettivi genitori. Ciascun genitore gli presenta uno spazio nuovo, una qualità del tempo scandita da altri ritmi e diversa da quella precedente. Insomma una nuova vita delimitata da un nuovo perimetro, con cui deve fare i conti non solo il bambino ma anche i rispettivi genitori.

Ogni weekend è scandito da una nuova quotidianità, nuove cose da fare e spazi vuoti da riempire sia materialmente che sentimentalmente. Il protagonista vede il mondo confuso, con qualche mostro non identificato, a volte, per il bambino è tutto disordinato e all’insegna del caos.

La confusione è dettata anche dalla mancata comunicazione dei due genitori, che si limitano a controllare l’entrata e l’uscita dalla macchina all’abitazione di turno.

Il corto animato di Trevor Jimenez

Il corto animato di Trevor Jimenez

Pian piano i mostri prendono un volto umano: sono quelli dei rispettivi nuovi compagni di ciascun genitore. Si intrecciano nuovi legami e nuove consuetudini affettive all’interno dei nuovi spazi. Come in ogni relazione c’è chi resta e c’è chi va via.

Weekends di Trevor Jimenez mostra un altro punto vista riguardo una problematica attuale e moderna: la separazione. Il disegnatore, infatti, pone l’attenzione su un’altra questione: su come, molto spesso, non si faccia abbastanza attenzione nel proteggere un bambino da situazioni sentimentali fugaci o non ben definite.

La mancanza di dialoghi in Weekends rende l’interpretazione del cortometraggio abbastanza soggettiva poiché ciascuno spettatore pone l’attenzione su ciò che lo colpisce maggiormente. Ciò potrebbe essere un limite perché un cortometraggio ha il compito di dare una trama che non sia troppo superficiale, una sorta di linea guida ben definita soprattutto se si sceglie di trattare alcuni temi delicati come quello in questione.

il corto metraggio sulla separazione

il corto metraggio sulla separazione

Nel complesso Weekends è un corto che si lascia guardare e scrutare con curiosità ed attenzione, ponendo l’attenzione su un punto di vista, spesso, ignorato.

Oroscopo della settimana: dal 6 al 12 gennaio

Dopo le grandi rivoluzioni di fine e inizio anno, finalmente un periodo di quiete di assestamento.

Nel corso di questa settimana non sono, infatti, previsti transiti per i pianeti del nostro Sistema. In pole position continuiamo a trovare i segni di Terra con Sole, Mercurio, Giove, Saturno e Plutone in Capricorno e Urano in Toro.

I segni legati agli altri elementi possono invece contare direttamente sull’energia di un unico pianeta.

I segni d’Aria continueranno a gongolare in un’atmosfera di passione, grazie a Venere in Acquario; i segni d’Acqua sentiranno il bisogno di riflessione e di raccoglimento, dettati da Nettuno in Pesci; i segni di Fuoco faranno il pieno di energia e saranno pervasi da una grande voglia di fare grazie a Marte in Sagittario!

Ariete: dal 21 marzo al 20 aprile

Ariete: segno zodiacale

Ariete

È un Ariete sospeso, tra la consapevolezza di dover cambiare e la poca voglia di farlo, quello che ci presenta il cielo di questa settimana.

Questo essere combattuti va a toccare principalmente gli ambiti pratici, quindi, quello del lavoro e quello della gestione degli affari domestici.

In questi giorni, cari Ariete, vi sentite carichi, grazie a Marte in trigono dal segno del Sagittario, ma confusi . È colpa di Mercurio in quadratura dal segno del Capricorno.

Cosa fare, dunque? Io direi che qualche giorno di ulteriore attesa potete anche permettervelo. D’altro canto, in questo periodo, avete i pianeti dell’amore e della passione: Marte e Venere che vi prendono completamente…

Quindi perché non sfruttarli? Per concentrare le energie nelle cose pratiche ci sarà tempo!

Toro: dal 20 aprile al 20 maggio

Toro: segno zodiacale

Toro

Chi ha un piede nel passato e uno nel futuro, rischia di scivolare sul presente!

Guardando al vostro cielo di questa settimana, mi è tornata in mente quest’antica massima.

Se è vero che avete una schiera di pianeti propizi dal segno del Capricorno, è anche vero che Venere è in posizione scomoda dal segno dell’Acquario.

In questi casi il settore che può risultarne offuscato è proprio quello dell’amore. L’energia del segno dell’Acquario riporta alla vostra tendenza a volare con la fantasia e la vostra difficoltà a stare con i piedi ben saldi nel presente.

Se tenete veramente alla vostra storia, e soprattutto a voi stessi, premuratevi di vivere l’attimo per quello che è. Ogni storia ha in sé dei doni inaspettati che rischiamo di perdere se siamo concentrati sul raggiungimento di obiettivi prefissati.

Potreste ritrovarvi a piangere per il fatto di non riuscire ad afferrare la Luna mentre tra le mani avete già un diamante prezioso che rischia di scivolare via!

Gemelli: dal 21 maggio al 20 giugno

Gemelli: segno zodiacale

Gemelli

Questa settimana voglio aprire il vostro oroscopo estraendo per voi una carta dei Tarocchi.

La Lama estratta è quella della Papessa, o se preferite, della Gran Sacerdotessa. Quest’Arcano richiama perfettamente il quadro astrologico che ruota sopra le vostre teste.

Venere, in trigono dal segno dell’Acquario, vi offre protezione ai massimi livelli, per quel che riguarda i bisogni più veri e profondi della vostra anima.

Nettuno, quadrato dal segno dei Pesci, vi invita tuttavia a coltivare la vostra spiritualità e a non perdervi in ansie e paure inutili. Siete protetti e al sicuro, non avete nulla da temere.

E se Marte, dispettoso dal segno del Sagittario, può far nascere incomprensioni nella coppia, così come anche nell’ambito del lavoro, è altrettanto vero che, mettendo in campo le arti della calma e della diplomazia, riuscirete a portare la vittoria dalla vostra parte!

Cancro: dal 21 giugno al 21 luglio

Cancro: segno zodiale

Cancro

Diceva Einstein:

La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti.

Il cielo di questa settimana vi chiede proprio questo, cari amici del Cancro: equilibrio.

Il vostro cielo di questo inizio anno è davvero pesante… ma solo a metà.

Saturno, Sole, Giove, Mercurio e Plutone vi tirano in basso, ma Nettuno. in trigono dal segno dei Pesci, e Urano, in sestile dal segno del Toro, vi fanno volare Guardate quindi al bello e al brutto allo stesso modo, ma soprattutto guardate avanti.

L’orizzonte offre splendide opportunità, in amore come nella vita lavorativa, coglietele senza indugi!

Leone: dal 23 luglio al 23 agosto

Leone: segno zodiacale

Leone

Occhio ai colpi di testa, cari amici del segno del Leone!

Il cielo di questa settimana, grazie a Marte in trigono dal segno del Sagittario, vi vede combattivi più che mai. Avete la forza e avete la voglia di lottare ma attenzione!

Attenzione alle battaglie che avrete voglia di intraprendere. Urano, in quadratura dal segno del Toro, potrebbe rendervi irascibili e volubili… soprattutto in amore.

Venere, in opposizione dal segno dell’Acquario, potrebbe però farvi compiere azioni azzardate e soprattutto non farvi raggiungere gli obiettivi che vi siete prefissati. Puntate pure i piedi sul lavoro, ma in amore contate fino a 10 prima di prendere qualunque decisione, altrimenti potreste pentirvene!

Vergine: dal 24 agosto al 22 settembre

Vergine: segno zodiacale

Vergine

Diceva Pablo Picasso:

Il senso della vita è quello di trovare il vostro dono. Lo scopo della vita è quello di regalarlo.

Questa settimana, grazie allo splendido cielo che ruota sopra le vostre teste, potrete permettervi di fare entrambe le cose. Una vera e propria schiera di pianeti in trigono vi garantirà la possibilità di guardare a fondo dentro voi stessi e di capire ciò che volete veramente.

La gioia che ne scaturirà renderà automatico il vostro voler condividere i vostri doni con gli altri. In questi giorni non ci deve essere, quindi, spazio per i cattivi pensieri o per le incomprensioni.

Se Marte, in quadratura dal segno del Sagittario, dovesse punzecchiarvi, rimandate i dispettucci al mittente.

Le energie non vanno sprecate!

Bilancia: dal 23 settembre al 22 ottobre

Bilancia: segno zodiacale

Bilancia

Un pò di sana autocritica non guasta mai, cari amici del segno della Bilancia!

Il cielo di questa settimana si presenta particolarmente pesante e Marte, in sestile dal segno del Sagittario, potrebbe portarvi a scaricare la vostra frustrazione sugli altri. Ricordate però che la responsabilità, quando si tratta di relazioni, di qualunque natura esse siano, sta sempre al 50 per cento.

Potete quindi agire sulla vostra parte, analizzando e cambiando i vostri comportamenti. Sulla responsabilità degli altri, invece, non avete alcun potere.

L’unica cosa che potete fare è scegliere se continuare a tenere la porta del vostro cuore aperta oppure chiuderla! Utilizzate, invece, la forza che vi viene da Marte per muovervi e mettere in atto azioni concrete finalizzate a realizzare i vostri obiettivi!

Scorpione: dal 23 ottobre al 21 novembre

Scorpione: segno zodiacale

Scorpione

Smettetela di guardare quel cellulare… Rilassatevi, piuttosto!

Le buone nuove sono dietro l’angolo, cari amici del segno dello Scorpione, ma esse arriveranno tanto prima quanto più voi lascerete andare. La schiera di pianeti al vostro fianco è veramente ben fornita.

Se accoglierete ciò che la vita vi porge, non rimarrete di certo delusi.

Venere, in quadratura dal segno nell’Acquario, potrebbe tuttavia farvi incaponire nel desiderare ciò che invece non fa per voi! Ottimo cielo per tentare la fortuna. Lo so, le feste stanno per finire, ma un regalo fuori tempo potrebbe arrivare da un momento all’altro.

 Sagittario: dal 22 novembre al 21 dicembre

Sagittario: segno zodiacale

Sagittario

L’Epifania tutte le feste si porta via!

Questo antico ritornello è valido per tutti, ma non certo per voi, cari amici del segno del Sagittario!

Gli astri che ruotano sopra le vostre teste continuano, infatti, a promettere novità effervescenti anche se l’albero di Natale sta per essere disfatto.

Marte, nel vostro spicchio di cielo, vi carica di buona energia e di buoni propositi e, si sa, la buona energia attira altra buona energia!

Tentate pure la sorte, in questi giorni, i regali potrebbero infatti continuare ad arrivare anche fuori tempo massimo. E, se i cattivi pensieri dovessero fare capolino, mandateli via, uscendo di casa e facendo una bella camminata all’aria aperta!

Capricorno: dal 22 dicembre al 19 gennaio

Capricorno: segno zodiacale

Capricorno

Natale è passato ma ci potrebbe ancora essere qualche regalo da scartare.

Sorprese e buone notizie possono essere all’ordine del giorno sotto lo splendido cielo che ruota sopra le vostre teste!

La congiunzione di ben 5 pianeti, tutti posizionati lì da voi, promette grosse novità. Proprio in questi giorni potreste incontrare la persona giusta al momento giusto. Questo vale in ambito professionale, ma anche per quel che riguarda le questioni di cuore.

In questo momento è importante tenere mente e cuore aperti. Lasciate da parte la diffidenza insita nel vostro Dna… se non vi fidate dei piani dell’Universo con un cielo così bello, non potrete farlo mai più.

Marlena vi incita al carpe diem!

Aquario: dal 20 gennaio al 19 febbraio

Acquario: segno zodiacale

Acquario

Fate l’amore e, se proprio non potete farne a meno, concedetevi pure di scendere in guerra!

Questa settimana vede propizi nei vostri confronti sia Marte, in sestile dal segno del Sagittario , che Venere in transito nel segno.

Dopo mesi di difficoltà, ora, le cose dovrebbero cominciare a girare, finalmente nel verso giusto!

Il consiglio che il cielo vi dà è comunque sempre quello di essere previdenti e lungimiranti. Se uscite di casa, anche con un Sole splendente, ricordatevi sempre di portare con voi un ombrello: Urano in quadratura dal segno del Toro può fare dispetti all’improvviso.

L’importante, in questi casi, è farsi trovare preparati.

Pesci: dal 20 febbraio al 20 marzo

Pesci: segno zodiacale

Pesci

Avete fatto il pieno di energie, durante il passaggio della Luna nel vostro spicchio di cielo?

Ditemi di sì, vi prego, cari amici del segno dei Pesci! Durante questa settimana dovrete fare i conti con Marte in quadratura dal segno del Sagittario, il che potrebbe portare a battibecchi e incomprensioni, sia in ambito lavorativo sia in ambito famigliare. È importante, quindi, che voi arriviate a questa settimana forti e centrati.

Marte a parte, il resto degli astri del nostro Sistema fa il tifo per voi Anche in amore, dopo un periodo di instabilità, adesso iniziate a costruire. Il dialogo, ricordatelo, viene sempre al primo posto, quindi è importante che, nel rapportarvi con il partner , e con gli altri in generale, voi scegliate sempre la carta della trasparenza e della verità!

Questa scelta vi renderà vincenti!

18 regali: un film di Francesco Amato sul rapporto conflittuale tra madre e figlia

Francesco Amato, dopo Lasciati andare (2017), ritorna sul grande schermo con il film 18 regali un biopic, basato sulla vera storia di Elisa Girotto. Il lungometraggio mostra il rapporto conflittuale tra madre e figlia in una situazione in cui i due elementi femminili entrano in contatto in un modo non proprio alla pari.

Elisa (Vittoria Puccini) è incinta e, durante una visita di controllo per accertarsi del normale proseguimento della sua gravidanza, scopre che la bambina che sta per mettere al mondo sta bene mentre lei ha un tumore.

La donna diventa consapevole del fatto che non potrà essere vicino alla figlia, durante il tempo della crescita ed oltre, e così decide di prepararle 18 regali, che aprirà ogni anno per il giorno del suo compleanno. In questo modo Elisa decide di stare accanto a sua figlia, di farsi conoscere e di darle, a suo modo, l’amore che vorrebbe trasmetterle nonostante la morte.

18 regali

L’ultimo film di Francesco Amato

Anna (Benedetta Porcaroli) nasce e crescendo non vive bene la consegna dei regali di Elisa perché li vive come una sorta di eredità difficile da sopportare infatti la ragazza decide di non ritirare il suo ultimo regalo.

Come andrà a finire lo potrete scoprire solo guardando il film, uscito nelle sale italiane il 2 gennaio.

Locandina 18 regali

Locandina dell’ultimo film di Francesco Amato

Da una prima visione del trailer si percepisce l’intenzione di Francesco Amato: quella di mettere in luce il rapporto conflittuale tra madre e figlia.

Alcune parole dette da Elisa, ad esempio, ci fanno capire il modo d’intendere il rapporto genitoriale che, in molti casi, oltre all’amore è manifestato dall’intenzione di dover trasmettere all’altro non solo i valori ma il proprio modo di agire nella vita e d’interpretarla, senza tener conto della vita esperenziale di un figlio che non è mai una copia conforme di quella genitoriale. Ciò dipende da diversi fattori che possono essere sociali e soggettivi e molto spesso il conflitto tra figli e genitori, in alcune età della vita che sono quelle formative per un adolescente, derivano anche dal confondere l’idea di voler trasmettere un determinato modello educativo che si differenzia dal volerlo imporre.

La frase di Elisa che palesa ciò che abbiamo appena detto è:

Cara Anna,

vorrei dirti tante cose, vorrei dirti com’è la vita e come va affrontata.

Vorrei trasferirti il mio modo di fare e di pensare.

La più bella è l’ultimo libro di Alessio Lasta: un reportage moderno sulla nostra Costituzione

Quando si parla della nostra Costituzione la si descrive sempre definendola come la più bella del mondo. Eppure molti suoi articoli, a distanza di settant’anni, sono l’equivalente di una lettera morta.

La più bella – La costituzione tradita – Gli italiani che resistono di Alessio Lasta, giornalista e inviato di Piazzapulita, il programma di La7, nasce dalla voglia di mettere nero su bianco le storie di uomini e donne che oggi lottano e resistono per veder riconosciuti i loro diritti.

Siamo di fronte alla penuria di posti nelle case popolari, alle prese con truffe perpetrate ai danni dei risparmiatori; assistiamo al taglio di assegni per la cura di malati gravi e molto altro, di cui sentiamo parlare tutti i giorni e su cui ci si sente impotenti o non ci si fa più caso perché la rassegnazione si è trasformata in indifferenza o in normale amministrazione all’ordine del giorno.

Ogni storia scritta all’interno de La più bella si chiude con un articolo della Costituzione che viene disatteso. Dunque c’è ancora da fare qualcosa per renderla più bella.

La più bella. La Costituzione tradita. Gli italiani che resistono

Copertina dell’ultimo libro di Alessio Lasta

La più bella – La Costituzione tradita – Gli italiani che resistono di Alessio Lasta, pubblicato da add Editore, uscirà nelle librerie il prossimo febbraio.

Campagna contro i fuochi illegali,
Cerullo: «La tua mano è preziosa, non farti male»

La notte di San Silvestro si avvicina e come da tradizione si festeggerà l’arrivo del nuovo anno con l’esplosione dei petardi e fuochi d’artificio.

Il professore Domenico Cerullo da anni impegnato in campagne di sensibilizzazione contro l’uso incauto dei fuochi illegali, nel corso dell’intervista spiega, soprattutto ai più giovani, la pericolosità dei fuochi d’artificio illegali che possono essere paragonati a dei veri e propri ordigni esplosivi e produrre lesioni gravi come ustioni al viso, alle mani e danni alla vista.

Oroscopo della settimana: dal 30 dicembre al 5 gennaio

Siamo nella settimana più importante, cari amici dell’Oroscopo di Marlena, quella che segna il passaggio tra il vecchio e il nuovo anno. Questo passaggio sarà accompagnato dalla fine del transito di Marte in Scorpione e dal relativo ingresso del pianeta rosso in Sagittario il 4 gennaio, dove rimarrà fino al 16 gennaio.

Ma come cambierà gli equilibri celesti questo importante transito?

Chiaramente, ne risulteranno rafforzati i segni di Fuoco che, a dire il vero, in questo momento ne avevano proprio bisogno, vista l’assenza di altri pianeti nei relativi spicchi di cielo. Chi ne risentirà in negativo saranno i segni d’Acqua che, in questo momento, risultano supportati direttamente solo da Nettuno in Pesci. Sempre fortissimi, anzi più forti che mai, risulteranno i segni di Terra con Giove, Saturno, Plutone, Sole e Mercurio nel segno del Capricorno e Urano in Toro.

Restano invece avvolti in una nuvoletta di passione i segni d’Aria, inebriati da Venere in Acquario.

Ariete: dal 21 marzo al 20 aprile

Ariete: segno zodiacale

Ariete

Capodanno all’insegna dell’eros e della grande combattività, cari amici del segno dell’Ariete!

Questa settimana, e precisamente il 4 gennaio, Marte lascerà il segno dello Scorpione per entrare nel segno a voi amico del Sagittario. Questo transito andrà a stimolare in maniera potente la vostra energia attiva e soprattutto la vostra carica erotica.

Questo 2020 comincerà quindi sotto i migliori auspici. Quando si ha la grinta nelle vene si può affrontare tutto, anche le quadrature pesanti che vi punzecchiano dal segno del Capricorno. Venere in sestile dal segno dell’Acquario, infine, porterà voglia di unione e tanta tanta passione.

Quanti fuochi d’artificio vedremo in questi giorni sotto il vostro cielo!

Toro: dal 20 aprile al 20 maggio

Toro: segno zodiacale

Toro

E anche quest’anno siamo giunti a Capodanno!

Tempo di bilanci e di propositi. La settimana in corso sarà determinante per i nati sotto il vostro spicchio di cielo.

Tutto gira come dovrebbe girare… avete un vero e proprio esercito di pianeti in trigono dal segno del Capricorno, pronti a sostenervi su tutti i fronti. I generali di questo esercito, però, siete voi e starà a voi decidere come utilizzare tutte le energie che il cielo vi fornisce.

L’unico settore che, in questo passaggio di anno, potrebbe risultare fragile è quello dell’amore. Venere in quadratura dal segno dell’Acquario fa i capricci e gioca a tenervi con il fiato sospeso. In questi casi saper attendere, senza farsi prendere dalla voglia di ottenere tutto e subito, può essere determinante.

Ricordate: in amore chi fugge, vince!

Gemelli: dal 21 maggio al 20 giugno

Gemelli: segno zodiacale

Gemelli

Il cielo del 2019 è stato come una sorta di corso di studi di alto livello. Opposizione dopo opposizione, quadratura dopo quadratura, siete cresciuti e avete modificato e limato quei lati di voi stessi che andavano cambiati. Il bilancio di questo Capodanno dipenderà in buona parte da come e quanto avrete saputo affrontare il cambiamento.

Il nuovo anno sarà senza dubbio più leggero di quello precedente, cari amici del segno dei Gemelli. E soprattutto sarà un anno che vede favorito il settore dell’amore e dell’unione con gli altri. La salita è finita. Ora dovete solo fare attenzione alla tendenza all’aggressività che potrebbe giungervi da un Marte dissonante dal segno del Sagittario.

Contate fino a 10 prima di agire e questo 2020 diventerà per voi un anno davvero da ricordare!

Cancro: dal 21 giugno al 21 luglio

Cancro: segno zodiale

Cancro

Anno nuovo, vita nuova! Mai come adesso questa frase calza proprio a pennello rispetto al vostro cielo, cari amici del segno del Cancro!

Sono in corso grandi trasformazioni che, una volta avvenute, ridisegneranno completamente il vostro modo di vivere e di sentire.

Inutile dire che, quando le trasformazioni sono in corso, è normale avvertire un senso di stranezza e di disagio. Dire addio a ciò che è ormai vecchio e obsoleto non è mai facile, soprattutto per voi che siete dei sentimentali a prescindere, ciò nonostante il vecchio va tolto se si vuole far entrare il nuovo.

Intanto, proprio in questi giorni, aspettatevi delle graditissime sorprese.

Urano in sestile dal segno del Toro riuscirà a ribaltare anche le situazioni che sembrano più difficili da smuovere!

Leone: dal 23 luglio al 23 agosto

Leone: segno zodiacale

Leone

Il Leone torna a ruggire…

Se Natale è stato il tempo delle coccole, questo Capodanno sarà sicuramente per voi il tempo della grande riscossa. Nel corso di questa settimana, e precisamente il 4 gennaio, vivrete infatti un transito determinante per il vostro stato d’animo e soprattutto per l’energia che andrà a stimolarvi in questi e nei giorni a venire.

Il transito di cui sto parlando è quello di Marte. Il pianeta rosso lascerà infatti lo Scorpione per entrare nel segno amico del Sagittario. Da adesso in poi il vostro eros salirà vertiginosamente, così come la vostra voglia di prendervi ciò che vi spetta, con le buone o con le cattive.

E se Urano in quadratura dal segno del Toro vi farà i dispetti, poco male: saprete come rendere pan per focaccia!

Vergine: dal 24 agosto al 22 settembre

Vergine: segno zodiacale

Vergine

Avete ripulito bene la dispensa? Se non l’avete ancora fatto, datevi da fare, cari amici del segno della Vergine, perché molti saranno i doni che inizieranno ad arrivare proprio in questi giorni.

Il 2020, che inizia questa settimana, per voi, sarà veramente un anno karmico, ovvero un anno che restituisce ciò che è stato tolto e che ricompensa chi ha ben lavorato negli anni precedenti.

In un cielo splendido, con ben 6 pianeti in trigono dai segni amici del Toro e del Capricorno, dovrete fare attenzione solo a due cose: il pessimismo e l’irascibilità.

Nettuno opposto dal segno dei Pesci potrebbe rendervi pensierosi e preoccupati; Marte in quadratura dal segno del Sagittario potrebbe rendervi nervosi. Tirate un respiro profondo e rilassatevi, non avete nulla di cui preoccuparvi, il cielo vi sorride come mai prima d’ora!

Bilancia: dal 23 settembre al 22 ottobre

Bilancia: segno zodiacale

Bilancia

Luci e ombre. Siamo finalmente giunti ad un momento molto importante dal punto di vista energetico, il Capodanno.

In questi giorni è come se un portale che unisce il passato, il presente e il futuro fosse aperto. Per questo motivo tutto risulta amplificato, anche i sentimenti e le emozioni. Quindi, per vivere al meglio questo momento importante dovete fare appello a tutta la vostra diplomazia.

Ricordate: non esiste nulla di assolutamente negativo o assolutamente positivo. Ogni medaglia ha sempre due facce. In questi giorni, la mossa giusta da compiere è quella di scegliere sempre e comunque l’unione.

Sorridete agli altri e gli altri vi sorrideranno; sorridete alla vita ed essa vi sorriderà!

Scorpione: dal 23 ottobre al 21 novembre

Scorpione: segno zodiacale

Scorpione

Siete pronti a salutare il caro vecchio Marte, cari amici del segno dello Scorpione?

Dopo un lungo periodo, trascorso proprio lì a casa vostra, il pianeta rosso questa settimana passerà oltre. Per voi questa non può che essere un bella notizia. Marte ha in sé un fortissima energia legata all’eros e alla passionalità.

Queste caratteristiche sono senza dubbio positive, ma in alcuni casi possono portare ad un surplus energetico che porta nervosismo e instabilità, soprattutto se, come in questi giorni, Marte nel vostro spicchio di cielo va a sbattere in netta opposizione con Urano nel segno del Toro. Detto questo, la sua uscita dal vostro spicchio di cielo, porterà quiete e relax a livello degli stati d’animo più profondi.

Niente paura, di energia per godervi questo Capodanno ne avete da vendere. Nettuno in trigono dal segno dei Pesci e una squadra di ben 5 pianeti in sestile dal Capricorno garantiranno divertimento e incontri interessanti!

 Sagittario: dal 22 novembre al 21 dicembre

Sagittario: segno zodiacale

Sagittario

Si salvi chi può!

Nel vostro cielo arriva Marte e per voi – che siete il segno dell’energia profonda e dell’energia suprema unite insieme su un unico asse che congiunge la terra al cielo – questo equivale a fare il pieno di grinta e determinazione.

Chi oserà infastidirvi o mettersi sulla vostra strada di traverso, in questi giorni, avrà veramente filo da torcere!

Nettuno, in quadratura dal segno dei Pesci, più che deprimervi, adesso vi darà la forza di dire basta a determinate situazioni che veramente non siete più disposti a tollerare!

Come direbbe Lino Banfi:

Una parola è troppo e due sono poche!

Adesso per voi vale la regola “pane al pane e vino al vino”. Non sopportate i giri di parole e le chiacchiere inutili. Chiuderete la porta in faccia a chi ama perdere tempo in pettegolezzi inutili!

Capricorno: dal 22 dicembre al 19 gennaio

Capricorno: segno zodiacale

Capricorno

 

Adesso o mai più!

Questa frase scrivetela a caratteri cubitali in ogni angolo libero della vostra casa, cari amici del segno del Capricorno!

Un cielo come quello che ruota sopra le vostre teste in questi giorni è davvero difficile da trovate. Avete 5 pianeti nel segno; Urano in trigono dal segno del Toro e Nettuno in sestile dal segno dei Pesci.

Adesso, per voi, tutto è veramente possibile. Smettetela dunque di esitare e datevi un mossa! Ogni dono che il cielo offre equivale anche ad una responsabilità.

Le benedizioni che non vengono fatte fruttare si tramutano nel loro opposto.

Adesso, non avete veramente scuse per tergiversare. Godetevi questo splendido cielo e condividete i doni che esso vi porge con gli altri. Il bene che fate tornerà a voi moltiplicato!

Aquario: dal 20 gennaio al 19 febbraio

Acquario: segno zodiacale

Acquario

Tutto arriva e tutto passa…

Ssalutando il 2019, saluterete anche le difficoltà e gli ostacoli che lo hanno accompagnato.

Questo 2020 inizia invece sotto i migliori auspici: Venere è nel vostro spicchio di cielo, quindi la passione non mancherà di colorare il vostro Capodanno. Per di più, il 4 gennaio, il cielo vi porgerà in dono anche il raggio di Marte in sestile dal segno del Sagittario. Marte è il pianeta della guerra, ma anche il pianeta che supporta l’eros ai massimi livelli.

Quindi, ogni parola a questo punto è superflua!

Scatenatevi pure la notte di Capodanno, fate un pochino di attenzione gli altri giorni soprattutto se abitate in condominio e se le pareti della vostra non sono insonorizzate!

Pesci: dal 20 febbraio al 20 marzo

Pesci: segno zodiacale

Pesci

La parola cambiamento è un must a Capodanno per ogni segno dello Zodiaco.

A Capodanno è permesso sognare e sperare, è permesso anche rompere gli argini e fare cose che il resto dell’anno non è possibile fare. Quest’anno per voi il Capodanno porterà davvero l’inizio di un cambiamento profondo!

Una lunga schiera di pianeti – tra cui Giove e Saturno – vi supportano come non mai dal segno del Capricorno. Adesso, veramente, ciò che potete desiderare lo potete anche realizzare. Unico consiglio che il cielo vi sussurra all’orecchio in questo Capodanno è quello di non perdere tempo in dispute inutili.

Le energie che avete a disposizione non vanno assolutamente sprecate!

La compagnia teatrale La Fermata porta in scena Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo

La compagnia teatrale La Fermata porta in scena Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo (1984), film tratto dal romanzo omonimo dello scrittore partenopeo. Francesco Teselli e Gilda Ciccarelli insieme al resto della compagnia teatrale vi aspettano il 28 e 29 dicembre al Palazzo degli Uffici di Ariano Irpino alle ore 18:30.

Così parlò Bellavista

La compagnia teatrale La Fermata porta in teatro Così parlò Bellavista diLuciano De Crescenzo

Così parlò Bellavista: trama

Gennaro Bellavista è un professore di filosofia in pensione che si diletta ad esporre le sue teorie esistenziali ai suoi amici ma, all’improvviso, si trova a dover risolvere problemi più seri: sua figlia Patrizia è rimasta incinta del suo fidanzato ed intendono sposarsi, in barba alla precarietà in cui vivono.

Giorgio, infatti, sta studiando architettura ma non ha ancora un’occupazione.

Cazzaniga e Bellavista

Cazzaniga e Bellavista

Patrizia e Giorgio, in attesa di tempi migliori, decidono di andare a vivere in casa di Gennaro Bellavista e all’improvviso per i giovani sembra arrivare l’occasione giusta per il cambiamento: lo zio di Giorgio vuole cedere la sua attività di rivendita di articoli religiosi al nipote.

Purtroppo non è tutto oro quello che luccica perché il negozio in questione si trova al confine tra due clan camorristici, che chiedono entrambi il pizzo. Come si risolverà questa situazione lo potrete scoprire, se non avete letto il libro o visto il film, solo andando alla rappresentazione teatrale!

Francesco Teselli e Gilda Ciccarelli

Francesco Teselli e Gilda Ciccarelli

Intanto nel video Francesco Teselli e Gilda Ciccarelli vi svelano qualche anticipazione.

Pinuccio Tatarella nei ricordi del nipote Fabrizio

Fabrizio Tatarella, in un’intervista esclusiva per “Il Plurale”, ricorda il padre nobile della Destra italiana, Pinuccio Tatarella, e sottolinea l’importante funzione educatrice della stampa e il ruolo politico e sociale dei giornalisti.

“Oltre la frontiera”, la raccolta del poeta della cordialità Giovanni Moschella

Nella produzione poetica di Giovanni Moschella c’è tutto l’esito di un rapporto pieno tra l’arte e la vita, tra la scrittura e la propria condivisione del mondo, e questa condivisione si manifesta in un’armonia espressiva di notevole coinvolgimento emotivo.

Andare Oltre la frontiera significa ipotizzare e lottare per un mondo nuovo, per un mondo migliore, significa volgere lo sguardo ai grandi mali del mondo, ma anche a quelli del nostro Sud, di Napoli, dell’Irpinia, significa riflettere sull’emigrazione e sul lavoro, che non c’è, sulle difficoltà dell’uomo comune e sui dolori della quotidianità. E proprio perchè Giovanni Moschella è poeta della cordialità, sa porsi di fronte ai tanti problemi del mondo, riviverli, e farli propri sulla base di un’idea filantropica. Un’idea universale che ci accomuna tutti nella condivisione di sentimenti, stati d’animo, dolore e amore.

Spesso -spiega Giovanni Moschella- i poeti quando iniziano a scrivere dichiarano di mettere su carta le loro emozioni.

Ma cosa sono le emozioni? Chi ha riflettuto su quanto le emozioni siano indispensabili al nostro vivere? Elementari nel neonato, come il piacere e il dolore, quanto basta per consentirgli scelte iniziali di sopravvivenza, esse si fanno sempre più raffinate, progredendo con le nostre capacità cognitive, che ad esse sono collegate.

Sono trascorsi diversi anni da quando scrissi la prima poesia “La luce della vita” nel mio diario, ancora studente liceale e già da allora sentivo dentro di me che la necessità di comunicare e di esprimere le mie emozioni, il mio vissuto era molto forte e viva.

La luce della vita

Dopo tanta fatica,

salire in alto

senza che nessuno ti dia una mano…

All’improvviso precipitare,

senza che nessuno

ti aiuti a risalire.

Nel buio della tua stanza

vi è uno sconforto totale;

sai di essere solo,

ma dopo aver perso tutto

e toccato il fondo,

ritrovi te stesso.

Sei arrivato di nuovo in alto

perchè nelle tenebre,

riesci a scorgere

un barlume di luce,

che ora illumina il tuo cammino,

la luce della vita.

Ed eccomi alla mia seconda raccolta di poesie “Oltre la frontiera”, dopo il successo della precedente “I riflessi dell’anima”. Dopo un mio recente viaggio ad Auschwitz e vista la sofferenza delle diverse popolazioni coinvolte, questa nuova raccolta “Oltre la frontiera” è un messaggio di speranza, affinchè un giorno tutte le bandiere del mondo possano sventolare nel vento della pace e le mani di tutti gli uomini, di ogni razza, di ogni colore, di ogni religione possano stringersi in segno di fratellanza e di solidarietà.

L’arte è un faro di speranza e di conoscenza che illumina il percorso stesso dell’umanità, si annullano le distanze geografiche, ci si sente più vicini e uniti.

Giovanni Moschella

Scroll to top