Attualità

Covid-19 in Irpinia: nuovi 90 tamponi naso-faringei sono risultati positivi

Dagli ultimi tamponi naso-faringei effettuati in Irpinia, 1.162, sono risultati positivi al Covid-19 nuovi 90 casi.

Casi positivi in Irpinia: i risultati dei tamponi naso-faringei

Nuovi casi positivi ai tamponi naso-faringei

I risultati pervenuti dall’ASL di Avellino sono i seguenti:

  • 2 residenti nel comune di Aiello del Sabato
  • 1 residente nel comune di Altavilla Irpina
  • 1 residente nel comune di Ariano Irpino
  • 5 residenti nel comune di Atripalda
  • 8 residenti nel comune di Avella
  • 12 residenti nel comune di Avellino
  • 2 residenti nel comune di Contrada
  • 10 residenti nel comune di Forino
  • 3 residenti nel comune di Lauro
  • 1 residente nel comune di Lioni
  • 2 residenti nel comune di Mercogliano
  • 1 residente nel comune di Montefalcione
  • 2 residenti nel comune di Monteforte Irpino
  • 1 residente nel comune di Montefusco
  • 3 residenti nel comune di Montemiletto
  • 3 residenti nel comune di Montoro
  • 6 residenti nel comune di Moschiano
  • 1 residente nel comune di Mugnano del Cardinale
  • 1 residente nel comune di Nusco
  • 3 residenti nel comune di Pago del Vallo di Lauro
  • 1 residente nel comune di Quindici
  • 1 residente nel comune di Santo Stefano del Sole
  • 5 residenti nel comune di Sirignano
  • 4 residenti nel comune di Solofra
  • 4 residenti nel comune di Sperone
  • 6 residenti nel comune di Venticano
  • 1 residente nel comune di Zungoli

Approvato il progetto SportAbility indirizzato ai giovani delle Province Campane

SportAbility è il nome del progetto dell’Unione Regionale delle Province Campane nell’ambito AzioneProvincEgiovani 2020. Questa iniziativa abilita lo sport per una crescita improntata sull’inclusività, i rapporti relazionali e uno stile di vita sana che vede coinvolte le Province di Avellino, Salerno e Caserta insieme all’Ufficio Scolastico Regionale.

L’idea di SportAbility è incentrata su un duplice obiettivo: diffondere la cultura della pratica sportiva e di sana e corretta alimentazione come strumenti imprescindibili per il benessere della persona oltre che di socializzazione e di aggregazione attraverso la diffusione delle informazioni e la promozione di spazi di confronto e dialogo tra i giovani, e tra questi le istituzioni.

È forte l’idea di diffondere attraverso questa iniziativa un’idea dello sport che possa contribuire allo sviluppo della pratica sportiva ad alto valore sociale e alla realizzazione dell’obiettivo di uno sport che sia per tutti e di tutti.

SportAbility: Provincia di Avellino

Un progetto che educa all’inclusione e all’importanza dello sport

SportAbiliti: a chi è rivolto

Il principali beneficiari di questo progetto sono i giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni, studenti degli istituti superiori delle province coinvolte.

Domenico Biancardi, presidente della Provincia di Avellino e presidente dell’Unione Regionale delle Province Campane, afferma:

Nei prossimi giorni coinvolgeremo in questa iniziativa, attraverso una manifestazione di interesse, gli allievi delle scuole irpine che vorranno aderire.

All’Interno di SportAbility particolare attenzione sarà dedicata anche alla linea di attività trasversale che cercherà di educare i giovani ad un uso consapevole dei social network grazie alla Media Education, un’attività di tipo didattico ed educativo finalizzata a sviluppare negli studenti la capacità di comprendere i diversi media e le varie tipologie di messaggi e utilizzarli correttamente, riuscendo a saper interpretare in maniera critica il messaggio e di usare in maniera propositiva i media.

Questa iniziativa nasce dall’osservazione della sempre più marcata tendenza dei giovani a sottrarsi alle occasioni di socializzazione reale preferendo la modalità di socializzazione virtuale dei social media. Questa mancanza di confronto diretto ai giovani viene a mancare la sperimentazione dei benefici della partecipazione e del sostegno reciproco.

Covid-19 in Irpinia: nuovi 126 tamponi naso-faringei sono risultati positivi

Dagli ultimi tamponi naso-faringei effettuati in Irpinia, 1.062, sono risultati positivi al Covid-19 nuovi 126 casi.

Nuovi casi positivi al Covid-19 in Irpinia

Nuovi casi positivi al Covid-19 in Irpinia

I risultati pervenuti dall’ASL di Avellino sono i seguenti:

  • 1 residente nel comune di Andretta
  • 2 residenti nel comune di Atripalda
  • 6 residenti nel comune di Avella
  • 11 residenti nel comune di Avellino
  • 2 residenti nel comune di Baiano
  • 7 residenti nel comune di Calitri
  • 1 residente nel comune di Candida
  • 3 residenti nel comune di Contrada
  • 1 residente nel comune di Domicella
  • 3 residenti nel comune di Forino
  • 4 residenti nel comune di Grottaminarda
  • 2 residenti nel comune di Lacedonia
  • 3 residenti nel comune di Lauro
  • 3 residenti nel comune di Marzano di Nola
  • 1 residente nel comune di Mirabella Eclano
  • 1 residente nel comune di Montecalvo Irpino
  • 8 residenti nel comune di Montefalcione
  • 2 residenti nel comune di Montemiletto
  • 8 residenti nel comune di Montoro
  • 1 residente nel comune di Moschiano
  • 9 residenti nel comune di Mugnano del Cardinale
  • 1 residente nel comune di Ospedaletto d’Alpinolo
  • 8 residenti nel comune di Pago Vallo Lauro
  • 2 residenti nel comune di Parolise
  • 1 residente nel comune di Pratola Serra
  • 1 residente nel comune di Quindici
  • 1 residente nel comune di San Martino  Valle Caudina
  • 1 residente nel comune di Serino
  • 3 residenti nel comune di Sirignano
  • 7 residenti nel comune di Solofra
  • 8 residenti nel comune di Sperone
  • 1 residente nel comune di Summonte
  • 1 residente nel comune di Taurano
  • 7 residenti nel comune di Torre Le Nocelle
  • 1 residente nel comune di Villamaina

Il vaccino Sputnik V funziona ed è sicuro parola dello Spallanzani di Roma

Il vaccino Sputnik V anti-Covid presenta un ottimo profilo di sicurezza a breve termine ma per poter giungere in Italia c’è prima bisogno dell’approvazione dell’Ema. Intanto nel Bel Paese stiamo attendendo il via libera per il vaccino Johnson & Johnson che potrebbe arrivare già a metà marzo. La vaccinazione intanto sta continuando a procedere a rilento sia in Italia che in Europa.

Secondo Francesco Vaia, direttore sanitario, dello Spallanzani di Roma, il vaccino Sputnik V funziona. Questa affermazione arriva a fronte di una valutazione indipendente svolta dall’istituto di ricerca.

Il vaccino russo utilizza due vettori adenovirali diversi tra la prime e la seconda dose e dunque il profilo di sicurezza risulta essere alto. Questi risultati potrebbero aiutare a velocizzare la campagna vaccinali in corso che sta andando molto a rilento.

Al momento i Paesi che stanno utilizzando lo Sputnik V sono 38 di cui 26 appartengono all’Ue oltre agli Stati Uniti.

Lo Spallanzani di Roma conferma l'efficacia del vaccino russo

Da alcuni studi fatti dall’istituto di ricerca romano il vaccino russo è efficace e sicuro

Sputnik V: come funziona

Il vaccino russo utilizzando la strategia della doppia vaccinazione con vettori virali differenti dimostra la sua efficacia perché previene la malattia sintomatica nel 91% dei casi. I vaccini in questo momento hanno un ruolo fondamentale.

Quelli in commercio in Europa (Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca) si stanno dimostrando efficaci nel ridurre significativamente le possibilità che le persone vaccinate sviluppino la malattia sintomatica.

Il vaccino Sputnik V a differenza degli altri vaccini sfrutta due scatole differenti. Nella prima iniezione viene utilizzato il virus Ad26 per la prima dose e Ad25 per la seconda, a 21 giorni di distanza dalla prima. Ciò è stato pensato per evitare che dopo la prima dose, l’organismo produca anticorpi contro la prima scatola con una conseguente riduzione di efficacia della vaccinazione.

In breve è come se il vaccino russo avesse la combinazione di due vaccini.

L’Ema intanto ha fatto sapere che snellità le procedure per rendere più veloci possibile, lavorando con la task force industriale e insieme al Commissario Breton per aumentare la produzione del vaccino.

La commissaria europea, Stella Kyriakides, ha affermato alla videochiamata dei ministri Ue quanto segue:

Puntiamo ad avere nei prossimi mesi accordi di acquisto anticipato nuovi o adeguati per le varianti dei vaccini.

Non ci resta che attendere le nuove disposizioni sanitarie.

Bonus Ristori per i lavoratori dello spettacolo garantiti anche con le riaperture

Una buona notizia arriva per i lavoratori dello spettacolo.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini tranquillizza questa categoria di lavoratori che è stata quella che ha sofferto maggiormente dei risvolti economici causati dalla pandemia. I Bonus Ristori dunque continueranno ad essere erogati nonostante la possibilità di riaprire i battenti.

Queste le parole utilizzate dal Ministro:

I lavoratori dello spettacolo devono stare tranquilli, la possibilità di riaprire dal 27 marzo non pregiudica i ristori.

Anche quest’anno erogheremo il fondo unico per lo spettacolo indipendentemente dalle alzate di sipario e continueremo a dare i ristori e a sostenere il settore anche con le aperture limitate.

Queste parole scaturiscono dalle prime indiscrezioni sulle prossime restrizioni previste nel prossimo Dpcm che in zona gialla consentirebbero l’apertura dal 27 marzo a cinema e teatri anche nel fine settimana.

Gli spettacoli saranno aperti al pubblico nelle sale teatrali, nelle sale da concerto, nelle sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto in cui sono previsti posti assegnati e distanziati.

Tutto ciò sarà permesso a condizione che venga comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale.

Decreto Ristori spettacolo: novità

Franceschini tranquillizza sull’erogazione dei sussidi

Il ministro Franceschini ha annunciato anche l’accesso ai musei, su prenotazione, anche nei fine settimana che invece precedentemente, in zona gialla, potevano essere aperti solo nei giorni infrasettimanali.

I Bonus Ristori-quater infatti hanno consentito, fino al mese di dicembre, ai lavoratori intermittenti e discontinui dello spettacolo di percepire 1.000 euro. Dal 15 dicembre c’è stata la possibilità di rifare domanda per i bonus che non hanno percepito per i mesi di marzo, aprile, maggio e agosto.

Anche se le problematiche per l’erogazione continuano ad essere poco fluide. In questo fine settimana infatti è prevista l’approvazione del decreto Ristori 5 che dovrebbe contenere un bonus da 1.000 euro per i lavoratori con e senza Partita Iva. Questo decreto doveva essere approvato più di un mese fa ma poi è slittato a causa della crisi del governo.

Il Parlamento aveva già varato uno scostamento di bilancio da 32 miliardi di euro per finanziarlo, per poter elargire nuovi contributi a fondo perduto e altri bonus.

Attendiamo nelle prossime ore il nuovo Dpcm per scoprire le nuove disposizioni che ci attendono.

Covid-19 in Irpinia: nuovi 147 tamponi naso-faringei sono risultati positivi

Dagli ultimi tamponi naso-faringei effettuati in Irpinia, 1.508, sono risultati positivi al Covid-19 nuovi 147 casi.

nuovi aggiornamenti sui casi positivi in Irpinia

nuovi aggiornamenti sui casi positivi in Irpinia

I risultati pervenuti dall’ASL di Avellino sono i seguenti:

  • 1 residente nel comune di Aquilonia
  • 1 residente nel comune di Ariano Irpino
  • 8 residenti nel comune di Atripalda
  • 1 residente nel comune di Avella
  • 21 residenti nel comune di Avellino
  • 3 residenti nel comune di Bisaccia
  • 23 residenti nel comune di Calitri
  • 4 residenti nel comune di Caposele
  • 1 residente nel comune di Cassano Irpino
  • 1 residente nel comune di Cervinara
  • 9 residenti nel comune di Contrada
  • 1 residente nel comune di Domicella
  • 2 residenti nel comune di Flumeri
  • 6 residenti nel comune di Forino
  • 4 residenti nel comune di Grottaminarda
  • 1 residente nel comune di Lacedonia
  • 1 residente nel comune di Lauro
  • 6 residenti nel comune di Lioni
  • 1 residente nel comune di Manocalzati
  • 2 residenti nel comune di Marzano di Nola
  • 1 residente nel comune di Melito Irpino
  • 8 residenti nel comune di Mercogliano
  • 12 residenti nel comune di Montefalcione
  • 2 residenti nel comune di Montella
  • 3 residenti nel comune di Montemiletto
  • 7 residenti nel comune di Montoro
  • 1 residente nel comune di Mugnano del Cardinale
  • 1 residente nel comune di Pago Vallo Lauro
  • 2 residenti nel comune di Quadrelle
  • 1 residente nel comune di Rotondi
  • 1 residente nel comune di Sant’Andrea di Conza
  • 1 residente nel comune di Serino
  • 1 residente nel comune di Sirignano
  • 4 residenti nel comune di Solofra
  • 1 residente nel comune di Sperone
  • 1 residente nel comune di Torre Le Nocelle
  • 1 residente nel comune di Venticano
  • 2 residenti nel comune di Villamaina

Covid-19 in Irpinia: nuovi 111 tamponi naso-faringei sono risultati positivi

Dagli ultimi tamponi naso-faringei effettuati in Irpinia, 1.157, sono risultati positivi al Covid-19 nuovi 111 casi.

Nuovi tamponi positivi in Irpinia

Nuovi tamponi positivi in Irpinia

I risultati pervenuti dall’ASL di Avellino sono i seguenti:

  • 1 residente nel comune di Aiello del Sabato
  • 3 residenti nel comune di Ariano Irpino
  • 7 residenti nel comune di Atripalda
  • 11 residenti nel comune di Avella
  • 12 residenti nel comune di Avellino
  • 1 residente nel comune di Bagnoli Irpino
  • 1 residente nel comune di Baiano
  • 1 residente nel comune di Calitri
  • 1 residente nel comune di Capriglia Irpina
  • 2 residenti nel comune di Contrada
  • 1 residente nel comune di Cesinali
  • 3 residenti nel comune di Domicella
  • 8 residenti nel comune di Forino
  • 8 residenti nel comune di Grottaminarda
  • 2 residenti nel comune di Lacedonia
  • 2 residenti nel comune di Lapio
  • 2 residenti nel comune di Lauro
  • 2 residenti nel comune di Lioni
  • 5 residenti nel comune di Mercogliano
  • 3 residenti nel comune di Monteforte Irpino
  • 1 residente nel comune di Montella
  • 2 residenti nel comune di Montemarano
  • 3 residenti nel comune di Montemiletto
  • 8 residenti nel comune di Montoro
  • 4 residenti nel comune di Mugnano del Cardinale
  • 2 residenti nel comune di Pago Vallo Lauro
  • 2 residenti nel comune di Quadrelle
  • 1 residente nel comune di Quindici
  • 1 residente nel comune di Rotondi
  • 1 residente nel comune di Santo Stefano del Sole
  • 5 residenti nel comune di Sirignano
  • 3 residenti nel comune di Sperone
  • 1 residente nel comune di Sturno
  • 1 residente nel comune di Taurano
  • 3 residenti nel comune di Venticano

Banca delle Terre: un’opportunità per i comuni del Mezzogiorno

Banca delle Terre è un progetto finanziato dal programma complementare al PON Governance e capacità istituzionale 2014-2020 ed è cofinanziato da fondi SIE che prevede azioni di capacity building per la P.A.

I servizi supportati sono completamente gratuiti e non comportano alcun costo a carico del Comune che ne beneficia. Il progetto è destinato ai giovani tra i 18 e i 40 anni. e permette di realizzare progetti di valorizzazione dei beni di un qualsiasi Comune del Mezzogiorno. Ciò rappresenta un’opportunità per poter rafforzare la propria capacità amministrativa in tema di censimento e la conoscenza del proprio patrimonio di terre.

Banca delle Terre può rafforzare la propria capacità amministrativa di gestione di filiere amministrative complesse che richiedono il coinvolgimento dei soggetti privati e competenze per la definizione di piani di valorizzazione e strategie di sviluppo locale, in un’ottica di sistema territoriale sovracomunale. Questo progetto inoltre favorisce l’incremento permanente delle competenze del proprio personale in materia di ricognizione, censimento e valorizzazione del patrimonio comunale e di gestione di filiere amministrative complesse, accedendo ad azioni di affiancamento e formazione on the job.

Quest’opportunità è stata pensata per rafforzare il ruolo di animazione sul territorio, rispetto alla comunità locale di riferimento, per la generazione di proposte di recupero e valorizzazione dei beni comuni.

Banca delle Terre: il progetto

Un progetto rivolto ai giovani tra i 18 e i 40 anni per valorizzare il territorio

Banca delle Terre ha come obiettivo quello di creare opportunità occupazionali e di reddito per i giovani, sostenendo la generazione di proposte imprenditoriali di valorizzazione delle terre, del patrimonio pubblico in generale da parte di giovani imprenditori.

Banca delle Terre: quali sono i servizi di supporto

Il progetto e i servizi di assistenza promossi da SIBaTer prevedono:

Attività trasversali rivolte a tutti i 2550 Comuni delle 8 Regioni del Mezzogiorno attraverso un0informazione specialistica e attività di formazione. Viene messo a disposizione un supporto tecnico attraverso vademecum operativi e kit di strumenti.

L’azione del progetto ha come target di riferimento:

  • Aree urbane e Sistemi urbani che siano poli di servizio per i Comuni di minori dimensioni, rurali, montani o interni del territorio.
  • Sistemi territoriali e aggregazioni intercomunali.
  • Terreni abbandonati o incolti e aree dismesse ad uso industriale, artigianale, commerciale, turistico-ricettivo.
  • Unità immobiliari o fabbricati rurali in stato di abbandono da lungo tempo e di proprietà comunale.

Per aderire al progetto e attivare i servizi di affiancamento è possibile:

  •  Inviare una manifestazione di interesse all’indirizzo mail: bancadellaterra@anci.it.
  • Compilare il form “Aderisci al progetto” disponibile sul sito Sibater.

In breve Banca delle Terre è un progetto rivolto ai Comuni che possono aiutare i giovani a valorizzare il proprio territorio, riuscendo a concretizzare un progetto imprenditoriale legato alla terra come lo è Io resto al Sud che però è rivolto all’imprenditoria senza richiedere il supporto della pubblica amministrazione comunale.

Covid-19 in Irpinia: nuovi 71 tamponi naso-faringei sono risultati positivi

Dagli ultimi tamponi naso-faringei effettuati in Irpinia, 1.279, sono risultati positivi al Covid-19 nuovi 71 casi.

nuovi aggiornamenti sui casi positivi in Irpinia

nuovi aggiornamenti sui casi positivi in Irpinia

I risultati pervenuti dall’ASL di Avellino sono i seguenti:

  • 2 residenti nel comune di Ariano Irpino
  • 2 residenti nel comune di Atripalda
  • 3 residenti nel comune di Avella
  • 4 residenti nel comune di Avellino
  • 2 residenti nel comune di Baiano
  • 1 residente nel comune di Capriglia Irpina
  • 1 residente nel comune di Cassano Irpino
  • 5 residenti nel comune di Forino
  • 1 residente nel comune di Gesualdo
  • 1 residente nel comune di Manocalzati
  • 6 residenti nel comune di Mercogliano
  • 3 residenti nel comune di Monteforte Irpino
  • 1 residente nel comune di Montella
  • 1 residente nel comune di Montemarano
  • 2 residenti nel comune di Montemiletto
  • 11 residenti nel comune di Montoro
  • 2 residenti nel comune si Morra de Sanctis
  • 3 residenti nel comune di Parolise
  • 2 residenti nel comune di Pietra de Fusi
  • 2 residenti nel comune di Prata Principato Ultra
  • 1 residente nel comune di Quadrelle
  • 2 residenti nel comune di Quindici
  • 1 residente nel comune di Santa Paolina
  • 2 residenti nel comune di Santo Stefano del Sole
  • 1 residente nel comune di Serino
  • 3 residenti nel comune di Sirignano
  • 1 residente nel comune di Sperone
  • 5 residenti nel comune di Torre Le Nocelle

Mobilità sostenibile: Napoli capitale del Centro Sud

Napoli sarà la sede del primo salone del Centro Sud Italia dedicato alla mobilità sostenibile.

Bluexperience è il nome dell’esposizione organizzata da  dalla società Action Events S.r.l. che si svolgerà dal 10 al 12 settembre presso la Mostra d’Oltremare di Napoli.

Le macro aree sono tre. La prima è dedicata a brand e produttori automobilistici, produttori di auto a motore elettrico, ibridi, a motore micro, mild hybrid, full e plug-in, con diversi tipi di alimentazione. La seconda è dedicata alle due ruote elettriche e ai più recenti veicoli leggeri per la città: bici elettriche, monopattini, hoverboard, skateboard, segway e monowheel.

Il terzo padiglione avrà come scenario le ultime novità dell’aftermarket in cui saranno presenti società che offrono servizi per le infrastrutture automobilistiche, car sharing, ricambi e assistenza post vendita.

Si svolgerà a Napoli la prima fiera dedicata alla mobilità sostenibile

La nuova frontiera dello spostamento su ruote è quella sostenibile

Sarà anche presente un’area dedicata ai test drive che si svolgeranno in una zona esterna in cui il visitatore potrà apprezzare le caratteristiche di guida confortevole, silenziosa e soprattutto a basso consumo.

Bluexperience offre una panoramica a tutto campo sul futuro della mobilità sostenibile, in programma nei tre giorni del salone. Ci saranno anche incontri e approfondimenti sugli aspetti ambientali, tecnologici, assicurativi e su agevolazioni finanziarie, con convegni a cura del comitato scientifico, presieduto dal professor Armando Cartenì e in cui verranno coinvolte le prestigiose università campane come: Federico II, Luigi Vanvitelli, Università degli studi di Salerno e del Sannio.

La mobilità sostenibile è il modello ideale di un sistema di trasporti che riduce al minimo l’impatto ambientale. Questo tipo di mobilità consente alle persone di spostarsi in libertà senza perdere di vista l’aspetto umano e quello ambientale.

Numerose ricerche infatti hanno dimostrato che un maggior impiego di risorse pubbliche per migliorare il sistema dei trasporti può rendere più vivibili gli spazi in cui viviamo. Per comprendere l’impatto dell’inquinamento ambientale vi consigliamo la visione di Antropocene, un docufilm sulla trasformazione del pianeta causata dall’uomo.

Scroll to top