Alfonsina Merola

Amministrative Grottaminarda: la vittoria di Marcantonio Spera

Marcantonio Spera è il nuovo sindaco di Grottaminarda!

Una vittoria quella avuta dalla lista La Rinascita che rappresenta un cambiamento radicale per l’intera comunità grottese, che ha deciso di scegliere il rinnovamento e la libertà democratica.

I grottesi hanno deciso di scrivere una nuova pagina politica e amministrativa della propria cittadina e chiudere finalmente un ciclo che non li rappresentava più.

Questo risultato rappresenta una svolta epocale per Grottaminarda perché il sentimento collettivo è stato forte e proteso verso la scelta di una squadra unita, che ha dimostrato di voler comunicare in modo chiaro alla propria comunità.

Il risultato ottenuto da Marcantonio Spera e dalla sua squadra ( 2.869 preferenze totali per la lista La Rinascita) rappresenta la volontà dei cittadini di voler cambiare radicalmente e recidere completamente con ciò che è stato.

Dietro questo risultato c’è la volontà della comunità che ha voglia di essere rappresentata da persone in cui si rispecchia ma, soprattutto, da persone che hanno incentrato una campagna elettorale sulla trasparenza e sul rispetto nei confronti dei propri interlocutori.

Un nuovo inizio e una pagina che segna la storia della comunità di Grottaminarda.

C’è speranza e la certezza di scrivere un futuro diverso, incentrato su un modus operandi distante da ciò che è stato negli ultimi anni.

La vittoria di Marcantonio Spera è la dimostrazione tangibile che l’elettorato e quindi i cittadini desiderano un cambio di rotta, basato sull’unione e sul lavoro di squadra.

La stanchezza sicuramente è stata il motore che ha innescato la volontà di scrivere una nuova pagina politico amministrativa per Grottaminarda.

Coloro che si erano già spesi per la comunità nella precedente amministrazione sono stati riconfermati con forza dai cittadini ma ci sono anche volti nuovi perché c’è la volontà di rinascere completamente.

Il nuovo sindaco di Grottaminarda

Marcantonio Spera insieme ad alcuni candidati della lista La Rinascita

Le preferenze dei candidati della lista La Rinascita sono le seguenti:

Michelangelo Bruno 671

Marilisa Grillo 581

Edoardo De Luca 439

Antonio Vitale 413

Doralda Petrillo 379

Michele Spinapolice 368

Franca Iacoviello 348

Virginia Pascucci 341

Rocco Di Fronzo 340

Sandra D’Ambrosio 322

Rosalba Basile 291

Rocco Barrasso 266

Non resta altro da fare che fare gli auguri per questo nuovo inizio, augurando un buon lavoro a tutti!

Titina la magnifica di Domenico Ingenito e Francesco Saponaro: la recensione

Titina la magnifica è una rappresentazione teatrale di Domenico Ingenito e Francesco Saponaro che è stata portata in scena al Trianon Viviani di Napoli, per approfondire umanamente e artisticamente il personaggio e l’anima di una donna controversa e di una grande artista.

Dietro questa rappresentazione teatrale c’è una ricerca approfondita, in cui sono stati studiati frammenti, poesie, documenti autobiografici e sketch, che offrono allo spettatore un quadro completo e soddisfacente di Titina De Filippo, interpretata dalla poliedrica Antonella Stefanucci, che ha contribuito a rendere ancora più evidenti le caratteristiche psicologiche e umane che hanno contraddistinto il personaggio e la donna.

L’attrice partenopea offre al pubblico una Titina con tutti i suoi pregi, i suoi difetti e i suoi dissidi interiori professionali e privati con una professionalità e bravura eccellenti.

Antonella Stefanucci interpreta Titina De Filippo

Antonella Stefanucci riesce a portare sul palco una donna che mentre combatte per riscattare l’attrice e la donna combatte anche come sorella, come moglie e come madre per dare dignità non solo a se stessa ma alla donna in generale.

Nella rappresentazione teatrale di Domenico Ingenito e Francesco Saponaro lo spettatore ha la possibilità di conoscere una Titina che ricopre diversi ruoli nella società come sul palco e che, puntualmente, si ritrova sempre a dover combattere per far valere i suoi diritti personali e professionali.

In Titina la magnifica ritroviamo la stessa sensibilità e umanità presenti nella pellicola Qui rido io di Mario Martone. La descrizione di Titina, infatti, sembra un approfondimento ulteriore su questa donna di cui ancora oggi sembra che ancora non si conosca abbastanza.

Titina la magnifica

Titina la magnifica ci mostra una donna determinata dal punto di vista professionale, una donna che cerca di scardinare gli stereotipi femminili del tempo con forza e professionalità perché ciò che intende portare sul palco, che lei ama con ardore, è un concetto di donna realistico perché una donna non è soltanto un oggetto da mostrare a livello estetico.

Titina De Filippo non era bella ma era talentuosa, simpatica, arguta e intelligente, queste sue qualità l’hanno condotta al successo, diventando una delle attrici napoletane più importanti del ‘900.

Una personalità curiosa della vita e una donna molto consapevole del tempo in cui viveva, della sua storia, della sua famiglia e di se stessa. Una donna che è riuscita a trovare la forza di imporre la sua presenza attraverso le sue doti artistiche ma anche una donna che si è messa in discussione con se stessa e che ha avuto momenti di cedimento, che è riuscita a superare grazie alla perseveranza e alla forza interiore che l’hanno condotta al successo.

Per una donna dell’epoca la strada verso il successo, soprattutto se non si possedevano qualità estetiche, era molto difficile e se a questo si aggiunge la presenza di due fratelli ingombranti come Eduardo e Peppino l’affermazione professionale diventava ancora più tortuosa.

Antonella Stefanucci interpreta Titina De Filippo

La determinazione di Titina unita alla sua intelligenza e alle sue capacità hanno però dimostrato il contrario. Lei infatti è riuscita ad affermare la propria indipendenza professionale, andando oltre l’appellativo di sorella d’arte e affermando un’idea di donna contemporanea libera e capace.

In Titina la magnifica vediamo una professionista che cerca di comprendere ed entrare completamente nei personaggi teatrali che deve interpretare, facendoli suoi e sradicandoli dall’ideale del tempo rendendoli reali e moderni.

Tra i suoi personaggi ricordiamo quello di Filomena Marturano, descritto con queste parole da lei stessa in un’intervista:

Eccolo il mio personaggio. Ecco, così ti volevo: violenta, fredda, calma, tragica, comica. Ah! Filumena, ti tengo, ti tengo. Non mi scappi più! Ti porterò con me tutta la vita.

Un personaggio controverso che Titina è riuscita a mettere in scena trasferendole quelle qualità e caratteristiche umane che non solo appartenevano a lei ma che appartengono a tutte le donne di tutti i tempi.

Amministrative Grottaminarda: continua il dialogo tra Spera e Barrasso

Dopo le lettere aperte continua il dialogo a suon di post tra Marcantonio Spera e Vincenzo Barrasso che riporterò in sequenza temporale.

A prescindere dal contenuto ampio tra i due, ci sono particolari che, a mio avviso, è giusto che si leggano per comprendere l’iter di ciascuna lista e per conoscere anche umanamente i due esponenti delle liste.

Partendo però dal presupposto che la politica e l’eventuale propaganda si dovrebbero fare presentando proposte amministrative e miglioramenti per la propria comunità, parlando di ciò che andrebbe migliorato e non offendendosi reciprocamente, a livello personale, perché così facendo si sta perdendo il focus di ciò che si sta svolgendo.

Sarebbe il momento opportuno di fare il punto della situazione su Grottaminarda e parlare di proposte e progetti perché trascendere in pettegolezzi personali, può diventare ridicolo e non rientra tra le azioni del fare politica.

Vincenzo Barrasso e Marcantonio Spera: le lettere aperte

I due candidati Sindaco alle prossime amministrative 2022 a Grottaminarda

Prima di riportare integralmente i rispettivi post e scendendo nel particolare di talune affermazioni di poco spessore bisogna fare alcune precisazioni.

Nella vita c’è sempre la possibilità di cambiare, lo si fa con le idee e quindi anche con le posizioni politiche.

La flessibilità ci appartiene in quanto esseri pensanti e continuare una polemica sterile sulla caduta dell’Amministrazione comunale lascia davvero il tempo che trova.

Bisognerebbe sviluppare il pensiero laterale perché se non fosse caduta l’Amministrazione di Grottaminarda, ad esempio, non ci sarebbe stata la possibilità per Vincenzo Barrasso di candidarsi oggi. Se si osserva bene la lista in cui quest’ultimo si è presentato, si legge il nome di un candidato che ha firmato insieme a Marcantonio Spera, Virginia Pascucci e Marilisa Grillo per lo scioglimento. Perché si è indulgenti con l’alleato e rigidi con l’avversario? Nella vita c’è anche bisogno di obiettività, saggezza e giustizia. Quest’ultima ben conosciuta da chi la pratica e la mastica tutti i giorni per professione.

In breve, prima di prendere certe strade, bisognerebbe guardare la strada che conduce al proprio giardino e valutarla bene, soprattutto, per non offendere l’intelligenza dell’elettorato tutto.

Altro aspetto da non sottovalutare è il tempo che non è clemente in generale, soprattutto quello già trascorso e ricordato da tutti che non riguarda un singolo episodio ma anni e anni di un fare che di nuovo non ha nient’altro.

Questo per dire che se davvero si ha intenzione di cambiare e guardare al futuro non sono certo questi i presupposti per avere un cambiamento. Dai professionisti ci si aspetta un altro tipo di spessore, quindi sarebbe ora di cambiare registro, soprattutto per non scavare e scoprire cose che potrebbero essere messe in discussione e che di fatto non portano a nulla.

Ritornando allo scambio epistolare via Facebook, Marcantonio Spera replica così a Vincenzo Barrasso:

Caro Vincenzo,

dopo che tu mi avevi attribuito il colorito epiteto di “smemorato di Collegno” ed io avevo replicato con l’epiteto di “bulletto”, avrei fatto volentieri a meno di controreplicare alla tua lunga “memoria” in 22 punti, per non aggiungere un’altra puntata a quella che comincia a somigliare ad una polemica personale fra me e te.
La squadra che rappresento, però, e quella parte di cittadinanza che provo a rappresentare, mi consigliano però di affidare qualche elemento di chiarezza a questo scritto, che spero di rendere il più sintetico possibile.
Non tutti sanno che la tua “discesa in campo” come candidato Sindaco di questo paese, non è recente e, soprattutto, precede di almeno tre anni la chiusura anticipata della consiliatura dello scorso febbraio.
In prossimità della conclusione del primo mandato di Angelo Cobino, infatti, tuo zio, il presidente di Confindustria, venne a spiegarci che nessuno di noi era all’altezza di guidare la lista de “Il Gallo” nelle elezioni del 2019 e che saremmo stati sciocchi a non approfittare della disponibilità ad assumere quel ruolo offerto da un grande avvocato, che per caso era suo nipote.
Come sai, in quella occasione, la risposta del “Il Gallo” fu “No, grazie!”.
A distanza di qualche settimana, tu e tuo zio, avete fatto una proposta analoga alla coalizione “Grotta Bene Comune”, che si andava formando per contrapporsi alla coalizione de “Il Gallo”, che, secondo te e tuo zio, per il bene di Grottaminarda doveva essere necessariamente sconfitta.
Anche da “Grotta Bene Comune” avete incassato un “Mille grazie, no!”.
Accusi me, Virginia Pascucci e Marilisa Grillo di opportunismo ed incoerenza politica, per aver fatto cadere l’Amministrazione di cui eravamo componenti. Su questo ritorneremo più avanti. Ma quanto si è verificato nel 2019 e si sta verificando in queste settimane, ci sembra possa far riconoscere a te, e a tuo zio presidente di Confindustria, una sola coerenza: la pertinace volontà che tu assuma, in alleanza con chiunque, il ruolo di Sindaco, che ti spetta perché hai la competenza del grande avvocato, “uno dei più noti avvocati d’Italia”, come dici tu nel tuo profilo Facebook.
Intendiamoci: noi non contestiamo la sussistenza della tua competenza professionale. Magari troviamo poco elegante l’esibizione, da “bulletto”, dei muscoli delle tue capacità. Ci chiediamo, però, e con noi se lo chiedono i cittadini, per quali fini intendi esercitare quelle capacità.
Le premesse storiche cui ho appena accennato e le caratteristiche della tua coalizione non tranquillizzano.
Torniamo, per un attimo, alla decisione mia, di Virginia e di Marilisa, che ha determinato la fine alla consiliatura e che tu ti sforzi di narrare come sleale, opportunista ed incoerente, facendola passare con il suggestivo argomento dell’attaccamento alla “poltrona”.
I fatti si incaricano, però, di smentirti.
Intanto è singolare accusare di attaccamento alla poltrona chi ha deciso di rimettere quella stessa poltrona alla decisione dell’elettorato, pur potendola agevolmente conservare accettando in silenzio il “sistema” in base al quale le decisioni – quelle vere – , almeno dall’inizio del secondo mandato Cobino ma forse ancor da prima, non sono state prese dalla maggioranza consiliare, né dalla Giunta, né dal Sindaco.
Le decisioni – quelle vere – venivano prese da chi si definiva “l’allenatore” ma si comportava come il “padrone”, e regolarmente scavalcavano o sottopassavano la Giunta, il Sindaco e i consiglieri, a cui restava il compito di assumerne la responsabilità e farle digerire all’opinione pubblica.
Per lungo tempo ci siamo lamentati di questo modo di procedere, soprattutto con il Sindaco, che si è sempre detto d’accordo con noi ma non ha fatto nulla per ricondurre il funzionamento dell’Amministrazione alla normalità.
Per lungo tempo abbiamo espresso le nostre perplessità sulle scelte più importanti, che dovevamo solo ratificare, soprattutto in ordine alla loro effettiva corrispondenza agli interessi dei cittadini. Ottenevamo sempre risposte fumose tendenti a dimostrare che quelle scelte erano motivate da ragioni politiche o da ragioni tecniche o da argomentazioni giuridiche che sfuggivano alla nostra comprensione. Ad un certo punto abbiamo capito che svolgevamo la funzione degli utili idioti, che il “sistema” andava spezzato e che l’unico modo per farlo erano le dimissioni.
Il giudizio sulla nostra decisione la daranno gli elettori, quando saranno messi a conoscenza delle effettive modalità con cui si sono svolte alcune vicende amministrative e sui loro effetti sulla comunità.
La coalizione che rappresento – e che si propone di amministrare il paese in collegialità e nel confronto con la cittadinanza – sintetizza una pluralità di culture politiche in una linea d’azione amministrativa ed in un programma, che sarà sottoposto alla cittadinanza. È francamente incomprensibile perché tu ritieni riprovevole che l’una o l’altra delle varie anime che fanno parte della coalizione abbiano inteso condividere i loro intendimenti con i rappresentanti politici provinciali o regionali di rispettivo riferimento. Lasciami dire che ciò che vai dicendo tradisce una insofferenza verso i principi di funzionamento della democrazia liberale, come delineati dalla Costituzione, che prevedono un ruolo fondamentale per le associazioni politiche ed i partiti politici.
Di più: non si capisce perché sia riprovevole per noi interloquire con i riferimenti politici provinciali e non sia riprovevole per te farti portatore delle istanze di Confindustria.
Hai più volte detto che io sarei un uomo del secolo scorso mentre tu rappresenti la modernità.
Ti dico che sono orgoglioso di essere un uomo del novecento se questo significa appartenere ad un’epoca nella quale, un giovane, con la mente e col cuore, aderiva ad una visione del mondo e magari si iscriveva ad un partito politico, partecipava a un dibattito o portava una bandiera in un corteo, senza per questo ambire a fare il consigliere comunale o il sindaco o il deputato. E sono contento di non appartenere al ventunesimo secolo se la modernità impone, insieme alla morte dell’ideologia, la morte delle idee. E sono contento di non interpretare la modernità se questa impone ad un giovane di aderire, invece che ad un partito, a un gruppo di interesse o a una consorteria familiar-familistica.
Se poi, dicendomi uomo del novecento, provi ad addebitarmi una visione politica nemica del mondo dell’impresa, sei fuori strada. Le poche e modeste cose che ho fatto in politica testimoniano che considero l’impresa uno dei pilastri dello sviluppo della società, ma anche che ritengo che la politica debba conservare il suo ruolo di interpretare le aspettative e le aspirazioni di tutte la parti della comunità e di costituire un equilibrio tra esse.
In altri termini che la politica debba – quando occorra – disturbare “il manovratore”.
Pur rischiando di sforare dal limite che mi ero imposto per la lunghezza di questo scritto, non posso fare a meno di farti osservare una “piccola” contraddizione nell’ultimo paragrafo della tua memoria in 22 punti. Se i “padrini e padroni” non esistono, come tu dici, e la loro esistenza è accreditata solo da miei suggeritori livorosi, a chi – da Vicesindaco e quindi nella consiliatura appena conclusa – avrei permesso di mettere piede sul Comune?
Concludo col dire che confidiamo che gli elettori non ti diano l’onere di mantenere – da Sindaco – le promesse che fai da candidato, compresa quella di impedire a questo o quello di “mettere piede sul Comune”.

La risposta di Vincenzo Barrasso non si è fatta attendere:

Caro Marco,
lungi da me la voglia di polemizzare con te, ma credo che la tua garbata nota di pochi minuti fa meriti una replica tempestiva, con la speranza di poterci concentrare sul futuro e sulle proposte che entrambi riteniamo di potere formulare per la crescita culturale e socio-economica di Grottaminarda; questa la mia sintetica replica:
1. non dire bugie: non ho mai partecipato personalmente, tre anni fa, ad alcuna riunione della lista de “Il Gallo” in cui ho proposto la mia candidatura a Sindaco di Grottaminarda;
2. non dire bugie: non ho mai partecipato personalmente, tre anni fa, ad alcuna riunione della lista di “Grotta Bene comune” in cui ho proposto la mia candidatura a Sindaco di Grottaminarda. Se alcuni Amici, a quell’epoca, hanno ritenuto opportuno proporre la mia candidatura nell’ambito di propri confronti politici per me costituisce solo motivo di riconoscenza;
3. ti invito ancora una volta a non usare espressioni offensive nei mei confronti. Non ti ho mai chiamato “bullo” o “bulletto”; non ti ho mai offeso né mai lo farò e ti pregherei di astenerti dalle offese che, a quanto pare, contraddistinguono il tuo eloquio in questo appuntamento elettorale;
4. il fatto che tu ammetta che le decisioni politico-amministrative venissero prese non da Te, Virginia e Marilisa è gravissimo ed è la prova provata del vostro fallimento politico. Gli elettori grottesi avevano eletto Voi per amministrare e non altri! Credo, dunque, ci sia solo da chiedere scusa a chi vi ha dato fiducia senza che la utilizzaste a beneficio della Comunità. Eravate tre assessori su cinque componenti della Giunta e non siete stati capaci (per tua espressa ammissione) di determinare la direzione politico-amministrativa dell’Ente. Ammetti espressamente di aver ratificato, per ben otto anni, scelte altrui e, quindi, riconosci di non aver saputo amministrare l’Ente comunale. Non si comprende come tu possa candidarti ad amministrarlo per altri cinque anni;
5. riconosci tu stesso di essere stato per ben otto anni un “utile idiota” (espressione tua non mia!) non ho altro da aggiungere;
6. mai ho sostenuto che sia riprovevole che tu interloquisca con i livelli politici provinciali. Ho solo sostenuto l’elementare verità (che a te, cultore a parole della democrazia liberale, sfugge) che il livello provinciale di un partito debba interessarsi delle questioni provinciali e il livello comunale dello stesso partito debba occuparsi di quelle vicende comunali;
7. non sono portatore, nell’ambito del mio impegno politico comunale, di alcuna istanza di Confindustria e trovo francamente volgare e, ancora una volta, bugiardo da parte tua sostenere il contrario (ben sapendo che così non è);
8. le tue opinioni sulle note caratteristiche del ‘900 e del secolo ventunesimo sono solo tue non mie: mai sostenuto che nel ventunesimo secolo non ci siano idee o ideali da perseguire e per i quali valga la pena combattere;
9. Marco sai benissimo chi sono stati i tuoi padrini e padroni, perché tu stesso te ne sei lamentato pubblicamente più volte. Per quanto mi riguarda, posso solo ribadire una elementare verità che tutti quanti mi conoscono possono confermare: mai avuto né padrini né padroni. Ho avuto solo un Padre e, come sai, ci ha lasciato, essendo ancora rimpianto da molti, oramai da 21 anni. Da allora non ubbidisco più a nessuno che non sia la mia coscienza;
10. tutti i cittadini (operai, professionisti, insegnanti, commercianti, imprenditori, artigiani, disoccupati, studenti, giovani e anziani, et cetera), con me Sindaco, potranno non solo “mettere piede sul Comune” ma, in più, rispetto ai tuoi otto anni da Amministratore (o meglio, da non Amministratore), sapranno che potranno sempre rivolgersi soltanto a me e ai consiglieri comunali per risolvere i propri problemi e le proprie criticità. Non avranno necessità di rivolgersi a coloro che tu stesso riconosci essere stati i tuoi padroni.
Ora, però, direi, se sei d’accordo, che possa bastare. Non replicherò più a tue sterili osservazioni di questo tipo né ad altre offese personali che ti farà piacere o parrà opportuno e educato rivolgermi. Da ora al 12 giugno, almeno io, parlerò solo di Grottaminarda, della soluzione dei suoi problemi, del suo sviluppo e della costruzione di una nuova speranza per la nostra Comunità!
Ti saluto con l’affetto e la stima di sempre.
Vincenzo

Amministrative Grottaminarda 2022: le liste

Le liste per le prossime Amministrative Grottaminarda 2022 sono due e sono ufficiali.

La Rinascita che ha coma candidato Sindaco Marcantonio Spera propone i seguenti candidati Consiglieri:

  • Barrasso Rocco
  • Basile Rosalba
  • Bruno Michelangelo
  • D’Ambrosio Sandra
  • De Luca Edoardo (detto Eddy)
  • Di Fronzo Rocco
  • Grillo Maria Elisa (detta Marilisa)
  • Iacoviello Franca
  • Pascucci Virginia
  • Petrillo Doralda Quinta Yoraima
  • Spinapolice Michele
  • Vitale Antonio

La lista Libera e Democratici che ha come candidato sindaco Vincenzo Barrasso presenta i seguenti candidati Consiglieri:

  • Giuseppina Barrasso (detta Pina)
  • Imperatrice Bruno
  • Michele Cappuccio
  • Rosa Ciotola ( detta Rosy)
  • Rocco De Luca
  • Francesco Del Sorbo (detto Leone)
  • Marisa Graziano
  • Lucio Lanza
  • Angelo Marino Lo Chiatto
  • Antonella Meninno
  • Mauro Piccolo
  • Annalisa Romano

Entrambe le liste hanno come intento quello di cambiare le sorti e rinnovare Grottaminarda, dandole un nuovo lustro.

Le due liste candidate per le Amministrative di Grottaminarda sono ufficiali.

Leggendo attentamente i nomi che compongono entrambe le liste siamo di fronte a due schieramenti che ricordano gli scontri tra i guelfi e i ghibellini di Firenze.

Guelfi e ghibellini, per chi non lo ricordasse, erano due fazioni opposte che si schierarono in Italia tra il XII e il XIV secolo. Tali schieramenti nacquero dopo la morte di Enrico V e furono create tra due casate: quella di Baviera e quella di Sassonia che si contrapponevano a quella della Svevia. Queste fazioni vennero utilizzate dai gruppi fiorentini per distinguere i due schieramenti, durante le lotte per la conquista del comune.

I guelfi  rappresentavano quella fazione politica che sosteneva la supremazia del Papa, durante la lotta per il dominio di Firenze. Questi erano convinti che solo il Papa potesse governare perché era stato investito direttamente da Dio e quindi aveva il potere di guidarli verso la giustizia. All’interno di questo schieramento c’era un’ulteriore divisione tra i bianchi, che ammettevano una cooperazione tra Imperatore e Papa e i neri che erano devoti solo al Pontefice.

I ghibellini erano sostenitori dell’Imperatore e non volevano l’intromissione della Chiesa nelle questioni politiche di Firenze.

La scelta tra i due schieramenti non lascia alcun dubbio all’elettore nello scegliere da che parte vuole schierarsi perché gli intenti sono chiari, soprattutto, per chi sarà chiamato a votare.

Questa volta non si sceglierà tra Chiesa e Stato ma tra conservatori e reazionari.

Ricordiamo che il voto è una scelta libera che non deve essere condizionata da alcun tipo di intromissione esterna. Il votante ha libera scelta di decidere e ne ha pieno potere.

Il voto è un dovere civico e consapevole, un atto da non prendere a cuor leggero o con poca responsabilità.

Chi è chiamato al voto vive 365 giorni l’anno un luogo e ne conosce pregi e difetti, spesso, soprattutto i secondi. Ci sarà sempre da lamentarsi, questo è ovvio, ma il tempo per poter migliorare qualcosa non è mai abbastanza e sarebbe saggio non rimandare.

Amministrative Grottaminarda 2022: si scaldano i motori a suon di lettere aperte

Le prossime Amministrative a Grottaminarda sono alle porte e manca poco per la pubblicazione ufficiale delle liste e della campagna elettorale.

Intanto i due candidati sindaco: Marcantonio Spera e Vincenzo Barrasso si scambiano un “in bocca al lupo” con due lettere aperte.

Riportiamo per coerenza entrambe le lettere.

Le parole scambiate sono forti: entrambi esprimono con forza le proprie ragioni, che sono opinabili da diverse angolazioni e sotto diversi punti di vista.

Poiché risulterebbe fuorviante ora commentare entrambe le lettere, mi riservo di farlo successivamente perché a prescindere dalle parole proferite, ci sono circostanze che delineano tutt’altro negli intenti politici e meritano di essere commentate bene, soprattutto, nei confronti dell’intelligenza degli elettori.

Marcantonio Spera e Vincenzo Barrasso: le lettere aperte

Le lettere aperte dei due candidati sindaco per le prossime Amministrative 2022 di Grottaminarda

Marcantonio Spera: la lettera

La prima ad essere stata pubblicata su Il Mattino è quella di Marcantonio Spera, che afferma quanto segue:

Leggo un’intervista al neo candidato sindaco della lista “Liberi, concreti e forti per Grottaminarda” avvocato Vincenzo Barrasso e rabbrividisco.
Dopo poche ore da un nostro incontro, condito con tante gentilezze e proclami di bon ton elettorale, apprendo che l’avvocato, negli ultimi 8-18 anni, ha frequentato molto Grottaminarda, ha praticato tanto volontariato sociale, trascurando forse conferenze ad Harvard e al Parlamento europeo al punto da meritare una candidatura a sindaco mentre io definito “ lo smemorato di Collegno, irresponsabile e vergognoso”, farei bene a non candidarmi.

L’avvocato ha, pertanto, infranto il bon ton che, forse, non gli appartiene, in risposta alla mia dichiarazione che “un consorzio di imprese potrebbe privatizzare il Comune di Grottaminarda”.

Forse egli ignora che un suo compagno, “di grande esperienza e valore aggiunto di cordata” ha sempre asserito che “mai l’imprenditore al Comune” e che “l’Avvocato del diavolo è persona presuntuosa e pallone gonfiato” ( ogni volta con mio grande disappunto).
Purtroppo, le vicende politiche storicamente ci riservano grandi ribaltoni e quindi, mentre oggi il mio gruppo vuole Rinascere, il neo candidato sindaco Vincenzo Barrasso, come lo “smemorato di Collegno”, ha rimosso tante sue convinzioni storiche e particolarmente quella, sempre esternata a me, che non sarebbe mai sceso a compromessi con certe persone.

Mi viene da riflettere e mi chiedo (e invito i cittadini a meditare) in nome di cosa e per conto di chi un buon professionista sta diventando paonazzo come un bulletto di quartiere, va in giro stringendo mani sconosciute, ostenta titoli e super cariche amministrative, sparando a zero su me e resuscitando un vecchio sistema di potere.

Parla di futuro con Giovanni Ianniciello, con Giovanni Romano, con Lucio Lanza e con qualche noto imprenditore, grande benefattore degli operai e della comunità, accarezza il caro dottor Valentino Meninno e dà lezioni di politica a tutto il partito democratico provinciale con aura professorale.

Sta abbracciando i 6/9 della vecchia amministrazione e invece di chiedere a loro spiegazioni in merito al fallimento sopraggiunto, lo chiede a me che l’ho certificato.
Sono certo che la fine della vecchia legislatura consentirà ad una nuova e più qualificata classe dirigente di salvare il paese da un declino e da una marginalizzazione politica progressiva che, purtroppo, avanzava inesorabilmente.ù

Ben venga una Rinascita vera senza “valori aggiunti riciclati con grande esperienza amministrativa” senza macedonie insapori, come ha asserito qualche benpensante.
Noi coraggiosi, con grande senso di responsabilità, abbiamo rinunciato alle poltrone e riconsegnato ai liberi cittadini il proprio futuro.

Saremo pronti ad opporci ad ogni tentativo di nascondere la verità, di intimidire le persone e di mistificare la realtà perché siamo una squadra vera senza poteri occulti che possono condizionarci.

Marcantonio

il candidato sindaco per le prossime amministrative 2022 a Grottaminard“Liberi, concreti e forti per Grottaminarda

La lettera di Vincenzo Barrasso rivolta a Marcantonio Spera

Vincenzo Barrasso: la lettera

Caro Marcantonio,

leggo con sorpresa e stupore le affermazioni, prossime all’offesa personale, che hai reso a Il Mattino pubblicato oggi.

Confermandoti l’affetto di sempre e sperando che il clima elettorale non turbi eccessivamente i nostri rapporti personali, sono costretto, tuttavia, a precisare quanto segue:

1. a differenza di te, mi dispiace scriverlo, non ho mai fatto ribaltoni, né sfiduciato alcuno, né mai sono venuto meno a patti o alla parola data. La mia vita è una storia di continua coerenza e rispetto per gli impegni assunti;

2. a differenza di te, le mie “convinzioni storiche” non sono mai mutate e sono da sempre vocate al bene di Grottaminarda e dei miei concittadini;

3. a differenza di te, non ho ancora fatto alcun compromesso (né intendo farne!) ma mi sono fatto promotore di una alleanza politico-programmatica per risollevare le sorti della nostra Comunità. Grottaminarda, anche grazie all’azione politica da te svolta negli anni in cui sei stato Vice-Sindaco (ammesso che tu ne abbia svolta una…), ha dovuto quasi sempre far da se e non ha trovato il tuo sostegno, il tuo impegno, il tuo sacrificio ma solo voglia di affermazione personale.

Tale ambizione, condotta all’estremo gesto delle dimissioni, è stata unicamente funzionale a perseguire un disegno che mira alla conquista del potere per il potere. Non ho alcun interesse economico a Grottaminarda e questo mi rende libero di agire per il solo bene della mia Comunità. Ho conquistato il diritto “a dire la mia” con sudore e sacrifici personali durati venti anni e non ho bisogno di fare compromessi con alcuno;

4. come ben sai, ho sempre frequentato Grottaminarda e non mi sono mai allontanato da casa mia (perché considero, da sempre, Grottaminarda come la mia casa): qui ho deciso di far crescere in futuro la mia famiglia e per questo mi sono convinto fosse giunta l’ora di mettermi a disposizione dei miei concittadini con autentico e disinteressato spirito di servizio;

5. sono sempre stato a disposizione della mia comunità, sin da bambino, e la mia casa è sempre stata aperta a tutti. Sono circondato dall’affetto di persone che sono, da sempre, impegnate nel mondo del volontariato e per me è un onore averle come compagni di cammino in questa nuova avventura personale e familiare;

6. non ho mai trascurato i miei impegni né esaltato in alcun modo le mie esperienze professionali. Il mio curriculum vitae è in rete, poiché gli Enti pubblici che si affidano ai miei servizi professionali, sono tenuti a pubblicarlo per ragioni attinenti alla trasparenza dell’azione amministrativa. Non ho mai esaltato il mio percorso professionale. Sono gli altri che parlano di me, io preferisco parlare di Grottaminarda, dei suoi bisogni, dei suoi interessi, delle sue esigenze e prospettive di sviluppo socio-economico e culturale;

7.  credo di aver fatto bene a definirti “lo smemorato di Colegno” (e continuerò ad apostrofarti simpaticamente con tale appellativo non offensivo ma che vuole essere, innanzitutto, scherzoso ed ironico) poiché ogni giorno dimostri di aver rimosso ben otto anni della tua esistenza politica e, dunque, credo di averne pieno diritto;

8. ribadisco che è sotto gli occhi di tutti il tuo fallimento politico consacrato dalle dimissioni che hanno condotto all’irresponsabile e vergognoso atto politico dello scioglimento del Consiglio comunale di Grottaminarda in un momento storico in cui, invece di pensare al bene della nostra Comunità dopo due anni di drammatica emergenza pandemica, hai pensato a tutelare altri interessi poco commendevoli e che nulla hanno a che fare con il bene di Grottaminarda;

9.  non so cosa voglia dire paonazzo né mi pare di essermi mai comportato da “bulletto”. Non ti ho mai offeso sul piano personale e gradirei non essere offeso. In ogni caso non mi farò condurre sul piano dell’ingiuria perché chi vi ricorre ha già perso e non ha altri argomenti con cui confrontarsi. Ti prego (e ribadisco… ti prego) di tenere un contegno rispettoso come, dall’inizio della vicenda elettorale, sto facendo io;

10. ho sempre stretto le mani di tutti, sono da sempre stato a disposizione di tutti, non vedo cosa ci sia di male in questo. Quando stringo la mano di qualcuno, almeno io, lo faccio in nome e per conto mio;

11. non ho mai ostentato alcun titolo, né mai riferito di aver assunto “super cariche amministrative”, ribadisco che la mia storia professionale è consultabile in rete. A ventisei anni, dopo la perdita traumatica e dolorosa di mio padre, sono partito da Grottaminarda per costruire il mio futuro e quello della famiglia che sto creando. Non vedo nulla di male in questo. La mia è la storia di tanti miei concittadini grottesi che, con sofferenze, lacrime, sudore e perseveranza si sono fatti largo nel mondo grazie alle capacità innate ed all’intelligenza che contraddistingue noi Grottesi. Offendere la mia storia personale significa offendere la storia personale di centinaia di Grottesi: ti invito, dunque, con affetto, ad essere più rispettoso;

12. non ho mai “sparato a zero” su di te; sai che ti sono sinceramente affezionato e lo confermo pubblicamente in questa sede. Ti considero una bravissima persona, un ottimo professionista ed un caro amico. Credo, tuttavia, che tu abbia commesso errori politici gravissimi e che il valore della tua azione politico-amministrativa degli ultimi anni sia stata sostanzialmente prossima allo zero (come ebbi a dirti a casa tua il 24 dicembre 2021). Per questo ritengo che, per il bene della nostra amata Grottaminarda, avresti fatto meglio a non candidarti. Per questo mi impegnerò al massimo delle mie capacità per evitare che tu possa far affogare Grottaminarda in altri cinque anni di inedia, di stasi e di asfissia politico-amministrativa;

13. non ho alcuna voglia di resuscitare vecchi sistemi di potere che io, a differenza tua, non conosco e mai ho praticato, frequentato, valorizzato o alimentato;

14. sono orgoglioso degli amici che hanno deciso di sostenere la mia candidatura a Sindaco. Gli amici che nomini nell’articolo di oggi sono stati tuoi compagni di percorso e di vita per otto anni. Ti hanno dato fiducia, comprensione e lealtà e tu li hai ricambiati con uno schiaffo sonoro sul volto (metaforicamente parlando…). Ti voglio dare una notizia: se sarò Sindaco di Grottaminarda (e mi impegnerò al massimo per riuscirvi), a differenza di quanto tu hai fatto per otto anni, ragionerò sempre con la mia testa, ascolterò tutti, mi confronterò con chiunque possa contribuire al bene della mia Comunità, ma sarò solo e sempre io a decidere rispondendo alla mia coscienza ed al mio onore al solo fine di assicurare il bene, la sicurezza e la prosperità di Grottaminarda;

15. il Circolo del Partito democratico di Grottaminarda è stato offeso e calpestato dalla Federazione provinciale del medesimo Partito. Non si è mai visto un Segretario provinciale che si improvvisa Segretario di Circolo contro la volontà degli iscritti rappresentata da quest’ultimo. Ritengo che il Dott. Meninno sia stato fin troppo paziente e garbato verso questo inopportuno atto di aggressione politica e che bene si farebbe ad interessare la Segreteria nazionale e gli Organi competenti del Partito al fine di evitare che in futuro certi deprecabili eventi abbiano a ripetersi;

16. chi ha sancito il fallimento della precedente esperienza amministrativa è chi ha firmato le dimissioni. Sei tu che devi spiegarne le ragioni ma non quelle che fanno comodo a te, quelle vere, quelle sincere, quelle effettive. Sai, però, che se dovessi renderle note non potresti più candidarti e preferisci raccontare bugie ed insistere con il mantra stonato della “Rinascita”… ma rinascita de che?!? L’unica rinascita che vedo è quella dagli errori che hai commesso e dalla tua fallimentare esperienza politico-amministrativa e per questa rinascita non abbiamo bisogno di eleggerti Sindaco di Grottaminarda;

17. l’unica “nuova e qualificata classe dirigente” è quella di chi non ha mai avuto a che fare con l’Amministrazione della Città e non quella incarnata da chi ha compiuto otto anni di costanti errori politici in danno di Grottaminarda. Sei stato per quasi otto anni Assessore (con importanti e fondamentali deleghe) e per quasi tre anni Vice-Sindaco, sei l’artefice principale del declino e della marginalizzazione politica di cui tu stesso parli e hai la faccia tosta di proporti come la novità e il cambiamento: non ti offendere se continuo a chiamarti “lo smemorato di Collegno”, mi pare che sia tu per primo ad alimentare questo simpatico appellativo;

18. non vedo alcuna responsabilità né alcun coraggio in chi tradisce il patto elettorale con i propri concittadini e, venendo meno ai propri impegni istituzionali, si dimette senza neppure avere la sensibilità di rimettere prima il mandato da Vice – Sindaco. Le scelte che hai fatto dimostrano l’assoluta assenza di rispetto per la nostra Comunità e per i nostri concittadini e per questo, insisto a dire, faresti bene a non riproporti per costringerci ad altri eventuali cinque anni di immobilismo;

19. a differenza tua, non ho alcuna intenzione di nascondere la verità ma intendo solo farla emergere;

20. non ho mai intimidito alcuno ma sono sempre stato, con umiltà, disponibile con tutti (e tu lo sai…);

21. a differenza tua, non ho mai mistificato la realtà;

22. non ho poteri occulti che possano condizionarmi. A differenza tua, non sono stato “costretto” da potenti amici avellinesi a dimettermi per perseguire interessi chiaramente contrari a Grottaminarda e lontani da essa. La mia vita è una testimonianza di correttezza, coerenza e trasparenza, sia in ambito professionale che personale, al servizio di tutti.

Spero sinceramente che possiamo dialogare serenamente sul futuro di Grottaminarda e confrontarci sulla pubblica piazza o dove preferisci sulle cose da fare per il suo bene.

Ti invito ad abbandonare i suggeritori livorosi che abbaiano alla luna contro presunti padrini e padroni che non sono mai esistiti e che, ove pure ci fossero (e non ne conosco), con me Sindaco di Grottaminarda, a differenza di quando tu sei stato Vice-Sindaco, mai metteranno piede sul Comune!

Ti saluto con l’affetto di sempre,

Vincenzo

Grottaminarda: cosa sta accadendo a 40 giorni dallo scioglimento

Sono trascorsi 40 giorni dallo scioglimento dell’amministrazione comunale di Grottaminarda e ci si sta organizzando per presentare le nuove liste in vista delle prossime elezioni.

Dopo oltre un mese dallo scioglimento, sembra strano che si abbia ancora la necessità di far chiarezza, ripetendo sovente sempre le stesse cose, soprattutto dagli stessi volti.

Qualche domanda nasce spontanea. Perché il resto delle persone che ricoprivano un ruolo istituzionale e facevano parte dell’amministrazione comunale non hanno la stessa impellenza nel voler dire la propria e spiegare la loro posizione? Probabilmente perché non si avverte la stessa necessità, rispetto a chi ci sta mettendo e ci ha messo la faccia? Perché non si parla del futuro? Ma, soprattutto, viene da chiedersi se queste continue dichiarazioni video non siano altro che un modo velato, per iniziare una campagna elettorale sotto mentite spoglie?

Si sta abusando troppo del termine cittadini, non siamo in campagna elettorale e ufficialmente ancora non si è in questa situazione. Qual è il reale motivo se non sensibilizzare quanto più si può i futuri elettori? Tutto quello che sta accadendo, dopo 40 giorni, trascende il ridicolo, soprattutto, se partiamo dalla colpa che si sta dando ai tre della maggioranza che hanno fatto cadere l’amministrazione comunale. Vogliamo ricordare che la firma è stata fatta da 4 della maggioranza: Marcantonio Spera, Virginia Pascucci, Marilisa Grillo e Lucio Lanza. Probabilmente il quarto, reo confesso, che non viene più accusato e non lo è mai stato è ritornato sulla retta via per chi ora punta il dito e parla di alto tradimento? Probabilmente la risposta si avrà quando si pubblicheranno le liste, intanto il dubbio permane.

Ci si sta nascondendo dietro la cittadinanza grottese, abusando di questo termine, dimenticando che la popolazione ha sempre compreso tutto.

Bisogna ricordare che l’elettore è un essere pensante, che ha potere decisionale e che ci sono molti elettori a cui forse non si è mai stati abituati perché sta cambiando la generazione.

Parliamo di un elettorato che guarda al fare a 360 gradi, ad un fare che lo coinvolge nelle attività e nella vita di tutti i giorni. C’è una parte della cittadinanza che forse è stanca di ascoltare parole disattese o vacanti di contenuti.

C’è un elettorato che forse va oltre il taglio del nastro e si domanda come mai dopo l’inaugurazione dell’autostazione e il tanto rumore ancora non sia cambiato nulla, che si guarda intorno e non vede circolari attive. C’è il cittadino che passando dal nuovo stazionamento si domanda come mai dopo l’inaugurazione di questo spazio tanto atteso e utile si siano rimesse le transenne.

C’è un elettorato che osserva questo e tanti altri aspetti che sono tangibili nel quotidiano. C’è un elettorato che non va per strada a fare pettegolezzi scambiati per politica ma che silenziosamente attende il proprio momento per esprimere un potere decisionale in sacro silenzio e con tanta consapevolezza di ciò che sa e che vede.

Si dovrebbe iniziare a guardare al futuro con una consapevolezza diversa e capire che la nuova generazione è diversa da quella di ieri, c’è chi realmente attende un cambiamento che però non è rappresentato, ipoteticamente, da volti più giovani che appartengono alla stessa lobby di ieri.

C’è un elettorato che della campagna elettorale fatta di offese personali mascherate da altro è stufa perché semplicemente non appartiene a questo modo di fare. C’è un elettorato che è stanco di vedere tanti Zeno perché si possono commettere anche degli errori, ne facciamo tutti, ma l’importante è che si sbagli perché si è fatta una scelta libera e consapevole partita dal proprio sentire e non da terze parti o da altri fattori.

Guardare al nuovo significa cambiare radicalmente il modo di fare politica e retorica perché i tempi sono cambiati ed è giusto prendere consapevolezza di ciò.

Del futuro non c’è certezza ma di ciò che è stato si ha anche troppa consapevolezza.

Ad maiora.

Consorzio Tutela Nebbioli: scoprendo i vini dell’Alto Piemonte

Il Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte dal 1999 valorizza e promuove i vini delle province di Biella, Novara, Vercelli e Verbano Cusio Ossola, diffondendo le due Docg (Gattinara e Ghemme) e le 8 Doc (Boca, Bramaterra, Colline Novaresi, Coste della Sesia, Fara, Lessona, Sizzano e Valli Ossolane.

Le aziende che aderiscono al Consorzio Tutela Nebbioli rappresentano la quasi totalità della produzione, in cui sono presenti aziende di antichissima tradizione locale e altre realtà più recenti.

In occasione dell’evento Taste Alto Piemonte, organizzato da Ais Piemonte e Ais Campania, è stato possibile conoscere 20 produttori della zona e capire il perché questi vini siano diventati sempre più importanti  sia nel panorama nazionale che internazionale.

L’Alto Piemonte prima del Dopoguerra era un fittissimo vigneto che si è ridotto via via per l’industrializzazione. Il territorio ha una conformazione collinare che da sempre lo rende perfetto per la viticoltura soprattutto per le condizioni dovute al microclima.

Il Monte Rosa, infatti, protegge questi territori dai venti freddi del Nord mentre durante le stagioni più calde i venti freschi dei ghiacciai e delle valli portano ventilazione e frescura notturna. Oltre ad avvalersi di un’ottimale posizione dovuta a fattori naturali e di terroir, ciò che caratterizza i vini di questo territorio è una cultura storica e un’attenzione radicata che tende alla salvaguardia e alla valorizzazione dei viticoltori di ciascun territorio.

Alto Piemonte

Alla scoperta dei vini dell’Alto Piemonte

I vini si caratterizzano per la loro complessità olfattiva, per la loro eleganza organolettica ma soprattutto per essere diversi nelle loro caratteristiche. Non si troverà o assaggerà mai un Nebbiolo che ne ricorda un altro e ciò è dovuto all’amore e alla dedizione di ciascun viticoltore che preserva le naturali ed intrinseche caratteristiche del proprio terroir, facendone un vanto perché ciò che è importante è l’unicità e la diversità non l’omologazione ed è questo il vero segreto che ha condotto questo territorio a ricavarsi una posizione speciale e privilegiata all’interno di un mondo in cui troppo spesso si pensa alla standardizzazione del gusto finalizzata alla vendita, a discapito della materia prima.

Ciò che affascina di ciascuna cantina e di ciascun produttore è l’amore per il territorio e l’orgoglio con cui si descrivono i propri prodotti perché c’è la consapevolezza di lavorare una materia viva, mantenendola fedele alla propria natura, anche quando si decide di sperimentare, offrendo al cliente una versione rosata di Nebbiolo spumantizzato.

I vini affascinano per la loro intensità, per i loro profumi e per la propria personalità. La loro eleganza è caratterizzata da una particolarità avvolgente.

Parlando con ciascun produttore Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte si comprende parte di una storia, di un terreno, di una vigna e si riesce ad apprezzare maggiormente il prodotto finito.

Consorzio Tutela Nebbioli dell'Alto Piemonte

Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte

Consorzio Tutela Nebbioli: curiosità sulle dominazioni

Per poter comprendere meglio ciò che abbiamo detto, è necessario fare una breve descrizione delle denominazioni che caratterizzano questo territorio.

Boca: è un vino dalle origini molto antiche, sono numerose le testimonianze di cui si parla di forniture di Boca alle armate spagnole che dal Piemonte si spostavano per occupare la Lombardia. La natura dei terreni è particolare perché permette ottime condizioni ambientali sia per il Nebbiolo ma anche per la Bonarda novarese e la Vespolina.

Bramaterra: viene prodotto nel territorio di 7 paesi della zona collinare sopra le Baragge, protetta dal Monte Rosa. La sua origine deriva dall’affrancamento dei servi della gleba che si stabilirono lungo questo territorio, iniziando a coltivare la vite.

Colline Novaresi: la denominazione è stata riconosciuta nel 1994. L’area di produzione comprende le colline tra il fiume Sesia e Ticino, dove la coltivazione è presente dall’epoca preromana.

Coste della Sesia: la Doc è stata nel 1996 e viene prodotta sulle colline che si affacciano tra la Dora Baltea e il fiume Sesia, tra i paesaggi naturali più belli e di valore.

Fara: molto apprezzato in età medievale dagli abati, che si dedicavano alla sua coltura non solo per fini liturgici ma per assicurarsi una rendita indispensabile per il sostentamento della comunità ecclesiastica.

Gattinara: vino dalle origini antiche, i cui vigneti furono impiantati dai romani nel II secolo a.C. Il Cardinale Mercurino Arborio, marchese di Gattinara e Cancelliere di Carlo V, lo presentò alla Corte del Re di Spagna, facendolo conoscere alla nobiltà europea. La Docg è stata riconosciuta nel 1990.

Ghemme: storico vino del Piemonte la cui origine risale al IV-V millennio a.C. Si narra che in epoca romana, tanto copiosa fosse la produzione che la città di Agamium, oggi Ghemme, avesse come simbolo un grappolo d’uva e un mazzo di spighe di grano.

Lessona: con questo vino Quintino Sella brindò al primo governo dell’Italia unita. Nel 1976 è diventata Doc.

Sizzano: vino con profonde radici storiche, molto amato da Camillo Benso Conte di Cavour che paragonò il suo bouquet floreale a quello della Borgogna. Riconosciuto Doc nel 1969.

Valli Ossolane: La presenza del Prunent (Nebbiolo) in Ossola è accertata da più di 700 anni.

 

Marilisa Grillo: delegata regionale del Forum dei Giovani

Continua un percorso politico ricco e prestigioso per Marilisa Grillo, ex assessore all’Istruzione, patrimonio artistico e culturale e alle politiche giovanili di Grottaminarda, che diventa delegata regionale del Forum dei Giovani, membro portante per le politiche attive, soprattutto in questo momento storico in cui si punta sui giovani e sulla cultura a 360 gradi.

Marilisa Grillo diventa delegata regionale del Forum dei Giovani

Marilisa Grillo afferma nella nuova veste di delegata regionale:

Gli scorsi anni hanno segnato una tappa fondamentale per tutti, ci hanno fatto pensare all’importanza del tempo e della condivisione collettiva, aspetto che ci è stato sottratto a causa della pandemia e di tutte le difficoltà ad esse correlate. Ora c’è bisogno di guardare avanti e rimboccarsi le maniche, per poter creare rete attraverso lo scambio culturale e la collettività. Ringrazio il Partito democratico per la stima e la fiducia riposta nei miei confronti.

Ringrazio in modo particolare l’Onorevole Petracca per avermi affidato questo compito, offrendomi la delega nel Forum regionale. Sono molto entusiasta di questa nuova sfida ma, soprattutto, di poter far parte di questo membro che racchiude tutte le politiche attive ad esso correlate.

Sono onorata di poter essere il riferimento per tutti i Forum della Regione Campania e quindi di quelli irpini.

I giovani ricoprono un ruolo importante e indispensabile per il nostro territorio perché saranno la generazione del futuro ed è importante stargli accanto e aiutarli in modo formativo, per una crescita politica e sociale consapevole. Mi ritengo fortunata nel poter rivestire tale ruolo. Sono sempre stata accanto ai giovani e alle loro esigenze e poter essere il collante dei vari Forum rappresenta una fonte di ricchezza che intendo coltivare, per poter creare una forza fatta di giovani che hanno proposte e voglia di fare.

Memore degli anni trascorsi e memore delle conseguenze della pandemia che hanno colpito in modo rilevante soprattutto loro, limitandoli nelle attività, mi impegnerò nel coinvolgerli nei diversi progetti, per poter ridare la fiducia e la speranza nel futuro da una prospettiva diversa e propositiva. Mi impegnerò nell’essere propositiva e costante per aiutarli e guidarli in un percorso da fare insieme perché è dall’unione e dalla collaborazione che nascono bei progetti.

Sarò attenta alle necessità dei ragazzi del Forum dei Giovani di Grottaminarda, come ho fatto negli anni passati, ma con la voglia di poterlo far diventare un polo importante per le politiche giovanili dell’Irpinia. Mi piacerebbe che diventasse una scuola politica di formazione per i giovani come quelle in cui si sono formati i politici e gli intellettuali di una volta e che ora, purtroppo, scarseggiano. C’è bisogno di persone che sappiano progettare, creare, pianificare e cooperare insieme.

C’è bisogno di persone preparate culturalmente perché la cultura è la base portante che crea le fondamenta dell’esperienza sul campo. Bisogna guardare alla politica da un’altra prospettiva per poter cambiare ed effettuare un sano rinnovamento. Bisogna investire sui giovani e sulla loro formazione politica, professionale e culturale.

Durante il mio assessorato ho dimostrato con i fatti quanto tengo alla nuova generazione, riassestando un Forum dei Giovani che era inattivo da anni e siamo riusciti a renderlo nuovamente operativo. Abbiamo creato una squadra di giovani motivati di cui siamo stati e siamo tutt’ora fieri. Se mi sono prodigata è perché credo nei giovani e credo nella loro formazione e sono ben consapevole che chi ha gli strumenti debba metterli a disposizione del prossimo, per tramandare esperienza e passione perché l’individualismo è solo una mera contemplazione del proprio ego che con la comunità non ha nulla a che fare.

Ho intenzione di iniziare questo nuovo percorso all’insegna della cooperazione, di una luce nuova e diversa che possa essere in grado di costruire creando forza e unione.

Grottaminarda: all’appello mancano ancora diverse dichiarazioni ufficiali che sarebbero d’obbligo

Dopo la caduta dell’amministrazione comunale di Grottaminarda le dichiarazioni ufficiali, rilasciate a giornali e televisioni locali, non si sono fatte attendere, sia da parte di Giovanni Ianniciello, in qualità di Coordinatore de il Gallo, che ha rilasciato diverse dichiarazioni video, sia da parte dell’ex vicesindaco Marcantonio Spera. Hanno fatto altrettanto, con dichiarazioni scritte rilasciate sempre in via ufficiale, Virginia Pascucci e Marilisa Grillo. Inutile sottolineare la qualità delle dichiarazioni rilasciate da ciascuna delle parti che si sono sentite in dovere di dare delle risposte ai cittadini, ciascuna secondo le proprie capacità dialettiche ed il proprio background culturale.

Le risposte ufficiali che mancano all’appello sono svariate. È inutile fare nomi perché, da che mondo è mondo, non ci si esprime su questioni istituzionali attraverso pagine social e in modalità pensierino del giorno, soprattutto se prima si ricoprivano ruoli pubblici. È doveroso dare motivazioni ufficiali attraverso mezzi stampa che siano ufficiali e che denotino una presa di coscienza e di responsabilità come è stato fatto, fino ad ora, dai nomi sopramenzionati.

Ricordiamo che sì, l’amministrazione comunale si è sciolta per le dimissioni di otto consiglieri ma questa scelta è la conseguenza di un disagio collettivo, che riguarda tutte le figure in carica che c’erano fino a qualche giorno fa. Quindi la responsabilità di ciò che è accaduto è di tutti non solo di chi ha sottoscritto nero su bianco la fine ufficiale di un mandato amministrativo.

Il lavoro di squadra di cui tanto si è parlato, sia durante le scorse elezioni e sia durante la presa dell’incarico, a metà del mandato è saltato. Sembra giusto ribadire, anche se è inutile farlo, che la responsabilità è collettiva: si poteva giungere ad un accordo, si potevano accogliere le richieste legittime di ciascuno attraverso accordi e se ciò non è stato possibile è perché tutti hanno dato il loro contribuito affinché si giungesse allo stato di cose attuali.

Dopo lo scioglimento le uniche voci ufficiali sono quelle di Giovanni Ianniciello, Marcantonio Spera, Marilisa Grillo e Virginia Pascucci

Perché chi è stato parte integrante di un meccanismo politico, sia esso di maggioranza o di minoranza, ancora non proferisce parola? Perché non si ha la necessità di comunicare con la cittadinanza in modo ufficiale? Probabilmente si sta aspettando esclusivamente il momento di gloria per salire sul palchetto elettorale? Se così fosse non sarebbe un atto di sincerità e onestà intellettuale verso i cittadini, che dovrebbero avere delle spiegazioni ufficiali per ciò che è stato e che oggi non è più e non parlare solo per ciò che potrebbe essere, grazie al loro sostegno futuro.

Sono le basi che mancano, mi sembra doveroso e corretto partire da queste.

Grottaminarda: si scioglie l’amministrazione comunale, una sorte preannunciata

Grottaminarda commissariata dalla dottoressa Rosanna Gamerra per la provvisoria amministrazione del Comune.

Ciò che ha determinato lo stato di cose attuali è dipeso dalle dimissioni di 8 consiglieri: Marcantonio Spera, Virginia Pascucci, Marilisa Grillo, Lucio Lanza, Rocco Lanza, Franca Iacoviello, Michelangelo Bruno e Doralda Petrillo.

Tale gesto non è giunto come un fulmine a ciel sereno, come a molti piace pensare o credere, ma è stata una conseguenza a continue richieste disattese, che non hanno permesso una serenità tale, per poter continuare a gestire il paese in modo consono.

I malesseri erano stati messi nero su bianco già mesi fa. È doveroso riportare integralmente il primo documento perché per poter delineare un quadro comprensibile a tutti è necessario e giusto procedere con ordine, soprattutto cronologicamente. Il documento attesta chiaramente, da parte di coloro che amministravano la comunità, la voglia di avere una serenità di agire che nella realtà non c’era, per motivazioni note a tutti, cittadini compresi.

In breve, il documento attesta l’intenzione di non voler distruggere come è accaduto ma di voler trovare una soluzione per evitare ciò che inevitabilmente si è verificato.

Un documento che preannunciava già la fine

Marilisa Grillo, Virginia Pascucci e Marcantonio Spera lo scorso settembre avevano già preannunciato un malessere e dei problemi politici-amministrativi di rilevante importanza.

La lettera integrale scritta da Marilisa Grillo, Virginia Pascucci e Marcantonio Spera ad Angelo Cobino

La prima lettera scritta da Marilisa Grillo, Virginia Pascucci e Marcantonio Spera indirizzata ad Angelo Cobino risale al 9 settembre del 2021 e afferma quanto segue:

Carissimo Sindaco,

ti consegniamo in  maniera privata questo documento sottoscritto da noi tre assessori, in quanto riteniamo di dover rivedere le nostre comuni posizioni politico-amministrative dopo le consultazioni da te volute, ed espletate, nei giorni scorsi.

La decisione di affidare ad uno scritto queste nostre decisioni nasce dalla profonda delusione maturata nel corso della riunione serale del 07/09/2021 durante la quale abbiamo constatato che le problematiche politico-amministrative emerse dagli incontri e le conseguenti possibili soluzioni non erano state né affrontate né trattate, vanificando le nostre riflessioni fatte in maniera individuale e privata in merito alle tue convocazioni.

La riunione di maggioranza, lungi dall’essere un’occasione di crescita, maturità, consapevolezza e serietà amministrativa, per l’ennesima volta si è rivelata il solito teatrino degli ultimi tempi.

Speravamo di inaugurare con te un nuovo modus operandi fattivo e costruttivo su tutti i fronti designando una nuova linea politico-amministrativa; purtroppo non è stato così. Avevamo avuto l’impressione che tu avessi compreso il profondo malessere di tutti, che tu fossi pronto a compiere passi ben precisi, pur senza recare danno a nessuno e, invece, sei andato ancora una volta nella direzione opposta.

Dopo quest’ultima riunione, rivelatasi insoddisfacente e deludente, dentro di noi è aumentata la consapevolezza che siamo di fronte ad una crisi d’identità, di credibilità, di ruolo e di progettualità. Ci sentiamo chiusi in un recinto fatto di false e ipocrite condizioni che non garantiscono una felice e serena convivenza. Questo era il momento di operare scelte nette e determinate per uscire da questa crisi ma, al contrario, sono chiari solo i tentennamenti, le ipocrisie e le corse in avanti senza condivisioni.

Pertanto chiediamo:

  1. incontri fissi di giunta e maggioranza bisettimanali con orari flessibili ma più lunghi, eventualmente anche il fine settimana, per venire incontro alle esigenze di tutti;
  2. nel pieno rispetto delle deleghe assegnate, le decisioni assunte a seguito di un confronto collegiale ragionato e condiviso, siano definitive;
  3. nessuna delega in bianco;
  4. rispetto di tutte le decisioni già prese nel mese di luglio;
  5. interlocuzioni dirette tra gli Amministratori e Capi Settori;
  6. rivedere le deleghe in modo tale da evitare possibili sovrapposizioni;
  7. le decisioni prese nelle riunioni di maggioranza e condivise vengano comunicate agli assenti che ne prenderanno atto.

Non siamo più disposti a subire ritardi nell’azione amministrativa, strumentalizzazioni ed inutili prese di posizione.

Ci auguriamo che questo nostro documento possa essere utile ad aprire nuovamente una riflessione seria e costruttiva volta a ripristinare il clima di concordia e collegialità ormai perse da diversi mesi.

Marilisa Grillo

Virginia Pascucci

Marcantonio Spera

Dalla lettera si evince il desiderio e la necessità di agire secondo i poteri conferiti legalmente per ciò che concerne le figure amministrative di ciascuno. Un documento chiaro che denota la sincerità degli intenti, a fronte di un modus operandi che nella realtà si stava svolgendo con abuso di potere fatto da terze parti che, probabilmente, sulla carta e quindi legalmente tali poteri non avevano.

Inutile dire che tale lettera non ha avuto risposta. Il silenzio in molti casi è più eloquente di mille parole e spesso mette in luce ciò che con le parole potrebbe essere celato.

Leggendo il documento si evince un disagio unanime che scaturisce dall’impossibilità di agire per come si dovrebbe e per come legalmente è stato concesso agli Assessori attraverso elezioni e non per grazia ricevuta. Sembra paradossale che degli Assessori nel pieno dei loro poteri chiedano di poter agire per come legalmente gli è dovuto. Nell’assurdo spesso emerge una triste realtà, che tutti conoscono e che è diventata la normalità ma che tale non è.

Scroll to top