Enrico Franza

Franza, il sindaco ombra e l’appello della segretaria

“Segretaria, faccia l’appello”. Con la minaccia di far cadere l’Amministrazione comunale, un disperato Domenico Gambacorta solo qualche settimana fa tentava di convincere il sindaco Enrico Franza a concedergli una pausa dei lavori per l’elezione a presidente di Pasquale Puorro.

Dopo il due di picche di Franza alle richieste dell’ex sindaco, la fuga dei gambacortiani dal primo Consiglio comunale e l’elezione nella successiva seduta di Giovannantonio Puopolo, di Gambacorta si erano perse le tracce. Un silenzio preoccupante vista l’abilità di un politico dal lungo corso non abituato a restare nell’angolo a lungo.

E, infatti, mentre si negava alla stampa, Domenico Gambacorta lavorava sottotraccia. Ed eccolo che oggi riacquista la parola con una nota in cui ringrazia la Conferenza dei Capigruppo e il Presidente del Consiglio, Giovanni Puopolo, per aver accolto la sua proposta di discutere, nella seduta del Consiglio Comunale del 31 luglio, del progetto definitivo del secondo lotto Hirpinia Orsara.

Con tali dichiarazioni, il capogruppo di minoranza legittima di fatto il neosindaco e il presidente del Consiglio e fa partire ufficialmente i lavori consiliari su “una posizione condivisa e accolta da tutti”.

Cos’è successo in questi giorni?

Caduta l’ipotesi, in un primo momento accarezzata, di far cadere il Consiglio comunale, forte di una residua maggioranza consiliare, Gambacorta ha rispolverato la memoria e ricordato i tempi in cui giovanissimo entrava per la prima volta in Consiglio comunale. Un ritorno alle origini, a quando i sindaci non uscivano dalle urne ma venivano indicati dai consiglieri eletti.

Gambacorta, quindi, riconquista la scena e detta l’agenda amministrativa al sindaco Franza, riguadagnando così il ruolo di capogruppo consiliare “di maggioranza”.

A rinforzare la sua posizione di “sindaco ombra” è la conferma da parte del neosindaco Franza della segretaria comunale Concettina Romano, nominata nel 2016 dallo stesso Gambacorta.

E qui rientra in gioco la riforma Bassanini che ha il merito o demerito, dipende dai punti di vista, di aver reso gli incarichi dirigenziali, in questo caso quello del segretario comunale, revocabili a discrezione del sindaco, indebolendo quindi l’imparzialità procedurale della burocrazia negli enti locali e favorendone la fidelizzazione politica.

Ora resta solo da capire come la segretaria Romano, nominata a svolgere il proprio ruolo sia dal capo della maggioranza che da quello della minoranza, riuscirà a garantirsi la posizione, non pestando i piedi a nessuno dei due sindaci e contribuendo a far andare avanti nel migliore dei modi la consiliatura nata zoppa.

Ariano Irpino,
Franza presenta la Giunta

In Consiglio comunale, dopo l’elezione di Giovannantonio Puopolo a presidente dell’assise, il sindaco di Ariano, Enrico Franza, ha presentato la sua giunta composta da: Francesca D’Antuono, Valentina Pietrolà, Massimiliano Alberico Grasso, Vito De Luca e Laura Cervinaro.

Le deleghe saranno conferite nella prossima seduta consiliare durante la quale il Sindaco presenterà al Consiglio anche le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato.

Gamba«rotta», slitta ancora il Consiglio ad Ariano

Gambacorta scuro in volto e in piena crisi di nervi abbandona l’aula consiliare preceduto dai 10 consiglieri eletti nelle sue fila. Con la caduta del numero legale, si sospende il primo Consiglio comunale ad Ariano Irpino.

L’elezione del presidente del Consiglio comunale frantuma le fila del centrodestra che si divide su 3 nomi: Puorro P. (5), Puopolo (2) e Tiso (1). Fumata nera, quindi, per l’elezione del presidente dell’assise, una figura di garanzia che di prassi spetterebbe alla minoranza consiliare, quindi al Pd, al M5s o alla Lega.

I lavori riprenderanno la prossima settimana con i seguenti punti all’ordine del giorno:

  • Elezione del Presidente del Consiglio e del Vice Presidente
  • Comunicazione da parte del Sindaco delle nomine concernenti le cariche di Vice Sindaco e di Assessore Comunale ed eventuali surroghe.
  • Elezione della Commissione Elettorale Comunale
  • Nomina Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2019/2021 e determinazione del compenso

 

Ariano Irpino,
tra una settimana il primo Consiglio comunale

Slitta ancora il primo Consiglio comunale di Ariano Irpino che avrebbe dovuto tenersi domani, mercoledì 3 luglio. Il Sindaco Enrico Franza, espressione della minoranza consiliare, ha preferito rinviare di qualche giorno il civico consesso per ricercare un sostegno tra gli eletti all’interno dell’assise.

I consiglieri comunali del Tricolle, quindi, si riuniranno  lunedì 8 luglio ed in seconda Convocazione martedì 9 luglio, con il seguente ordine del giorno:

  • Convalida degli eletti
  • Verbale di giuramento del Sindaco
  • Elezione del Presidente del Consiglio e del Vice Presidente
  • Comunicazione da parte del Sindaco delle nomine concernenti le cariche di Vice Sindaco e di Assessore Comunale ed eventuali surroghe.
  • Elezione della Commissione Elettorale Comunale
  • Nomina Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2019/2021 e determinazione del compenso

Ariano Irpino,
l’ultimatum del Movimento 5 Stelle a Franza

“Sono passati quasi venti giorni dalla elezione di Franza, ma ad oggi il Sindaco non ha ancora riunito i consiglieri eletti intorno ad un tavolo di lavoro per parlare di programmi e per redigere un patto per la città sugli obiettivi da realizzare nei prossimi anni.

Il Movimento 5 stelle aveva proposto apertamente di convocare un tavolo di lavoro pubblico, aperto a tutti, per iniziare a lavorare insieme alla soluzione dei problemi della nostra Ariano, ma questo appello è rimasto disatteso.

Per poter scrivere il programma per la città e per individuare le persone nuove e di altro profilo che dovranno attuarlo in giunta come assessori serve tempo. Un tempo che ormai è quasi scaduto senza che sia stato fatto nulla perché, ancora una volta, si stanno anteponendo i nomi ai programmi.

La speranza di cambiamento della città è prigioniera dei veti e delle ambizioni personali di qualche consigliere del centrosinistra che a tutti i costi vuole fare il vicesindaco.

Il Movimento 5 stelle con molta lealtà si è reso disponibile a collaborare per il bene della città nel solco di quanto detto dal Franza durante la campagna elettorale: un patto per la città e persone nuove ed esterne alla politica in giunta.

Ad oggi Franza si è rinchiuso in un totale silenzio. Se entro domani non verrà convocato un tavolo di lavoro pubblico, il M5S non potrà far altro che tenere fede all’unica alleanza che abbiamo sottoscritto, quella con i cittadini. Siederemo tra i banchi dell’opposizione”.

Gruppo Consiliare M5S Ariano Irpino

 

Ariano,
Cusano (Lega): «Sconfitto Gambacorta, ricostruiamo il centrodestra»

Messi da parte i candidati consiglieri, nel secondo turno, con voto libero, i cittadini di Ariano Irpino hanno scelto il proprio sindaco. E non hanno scelto Domenico Gambacorta. Hanno scelto Enrico Franza.

Il consigliere leghista Gino Cusano spiega quindi i motivi che hanno portato gli elettori al ballottaggio a ribaltare l’esito del primo turno e indica la strada da seguire per far iniziare nel migliore dei modi una consiliatura che vede una maggioranza debole e traballante dal punto di vista numerico.

Ariano, Iuorio (M5S): «Raggiunta intesa programmatica con Franza»

Ariano Irpino fa i conti con l’anatra zoppa. In queste ore il sindaco Enrico Franza è al lavoro per raggiungere una maggioranza in Consiglio comunale. Per scongiurare il rischio concreto di commissariamento e il ritorno alle urne nella prossima primavera, il candidato del centrosinistra ha aperto il dialogo con le altre forze politiche presenti a Palazzo di città, in primis con il gruppo consiliare dei 5 Stelle, capeggiato dal consigliere Mario Iuorio.

Quindi tra Enrico Franza e Movimento 5 Stelle nessun accordo spartitorio ma intesa programmatica su pochi punti prioritari per il rilancio della città di Ariano.

Amministrative Ariano, Franza(Pd) a Gambacorta(Fi):
«Incarichi sospetti, si ritirino le candidature»

Con determina n. 927 del 31/12/2018, stranamente pubblicata dopo 5 mesi il 21/05/2019 all’albo pretorio del comune di Ariano Irpino (AV), ovvero a soli 5 giorni dalle elezioni comunali di
domenica 26 maggio 2019, sono stati conferiti incarichi con affidamento diretto a 10 professionisti,
alcuni dei quali risultano candidati nelle liste a sostegno del sindaco uscente ricandidato Domenico
Gambacorta.

Già in precedenza, la Provincia con determina n. 1215 del 02/07/2018, sotto la
presidenza del Sindaco Gambacorta, affidava con incarico diretto prestazioni professionali a favore
di un assessore del comune di Ariano Irpino, anche egli di nuovo candidato in questa tornata
elettorale a sostegno del sindaco uscente.
Si chiede alle autorità competenti di verificare la legittimità e la legalità di tali provvedimenti.
Contestualmente, attesa la gravità morale ed etica, nonché l’assenza di trasparenza nei confronti
dell’elettore, si chiede ai diretti interessati un atto di responsabilità ritirando la propria candidatura.

Enrico Franza

Scroll to top