Comunità

Incredibile ballottaggio a Castel Baronia,
comunità divisa su due liste

Castel Baronia, paese con poco più di mille abitanti, andrà al ballottaggio il prossimo 9 giugno insieme ad Avellino ed Ariano Irpino.

Non è bastato il primo turno a stabilire chi tra Felice Martone e Fabio Montalbetti dovrà guidare per i prossimi cinque anni il comune che ha dato i natali a Stanislao Mancini.

È finita in perfetta parità: 438 voti per la lista Uniti per Castello e 438 per Viva Castel Baronia.

La comunità divisa in due si prepara al ballottaggio e i cittadini, almeno la maggioranza, hanno già le idee chiare e non nascondono le proprie preferenze.

 

Grottaminarda,
si rinnova il Consiglio comunale

Il dirigente scolastico Angelo Cobino si riconferma sindaco di Grottaminarda.

Non andranno a comporre la nuova Giunta i più votati ma, per il rispetto delle quote di genere, i primi 2 uomini e le prime 2 donne eletti nella lista vincente: Marcantonio Spera, Michele Cappuccio, Marilisa Grillo e Virginia Pascucci. Quindi, lo storico vicesindaco del comune ufitano, Lucio Lanza, oltre a perdere la carica ricoperta nell’ultimo decennio, resta fuori dalla Giunta.

Ecco tutti gli eletti:

CONSIGLIO COMUNALE
Marcantonio Spera VICE SINDACO
Michele Cappuccio ASSESSORE
Lucio Lanza CONSIGLIERE
Marilisa Grillo ASSESSORE
Virginia Pascucci ASSESSORE
Rocco De Luca CONSIGLIERE
Antonella Meninno CONSIGLIERE
Marisa Graziano CONSIGLIERE
Rocco Lucio Lanza CONSIGLIERE
Franca Iacoviello CONSIGLIERE
Michelangelo Bruno CONSIGLIERE
Doralda Quinta Yoralma Petrillo CONSIGLIERE

 

Amministrative 2019 Grottaminarda

Amministrative Ariano, Franza(Pd) a Gambacorta(Fi):
«Incarichi sospetti, si ritirino le candidature»

Con determina n. 927 del 31/12/2018, stranamente pubblicata dopo 5 mesi il 21/05/2019 all’albo pretorio del comune di Ariano Irpino (AV), ovvero a soli 5 giorni dalle elezioni comunali di
domenica 26 maggio 2019, sono stati conferiti incarichi con affidamento diretto a 10 professionisti,
alcuni dei quali risultano candidati nelle liste a sostegno del sindaco uscente ricandidato Domenico
Gambacorta.

Già in precedenza, la Provincia con determina n. 1215 del 02/07/2018, sotto la
presidenza del Sindaco Gambacorta, affidava con incarico diretto prestazioni professionali a favore
di un assessore del comune di Ariano Irpino, anche egli di nuovo candidato in questa tornata
elettorale a sostegno del sindaco uscente.
Si chiede alle autorità competenti di verificare la legittimità e la legalità di tali provvedimenti.
Contestualmente, attesa la gravità morale ed etica, nonché l’assenza di trasparenza nei confronti
dell’elettore, si chiede ai diretti interessati un atto di responsabilità ritirando la propria candidatura.

Enrico Franza

Lotta al randagismo,
la proposta di Salvatore Pignataro

Dopo aver presentato il progetto Avellino Città Sicura, Salvatore Pignataro, candidato nel Pd a sostegno di Luca Cipriano, si fa promotore di una nuova proposta, denominata Hirpus, che mira ad incentivare la lotta al randagismo in città.

 

Piero Mastroberardino parla del mondo enologico irpino

Piero Mastroberardino, durante Ciak Irpinia 2019, ha esposto le sue idee riguardo al mondo vitivinicolo irpino e delle problematiche riguardo alla comunicazione che ruota intorno agli eventi di settore.

Piero Mastroberardino: video

Piero Mastroberardino

Ciak Irpinia, secondo l’imprenditore, ha il potere di aggregare e di porre al centro dell’attenzione il nome di un territorio e invita, anche lui come Milena Pepe, la Regione Campania ad occuparsi in modo più energico per l’ampliamento dell’immagine del vino irpino, dando maggiore rilevo alle piccole e medie imprese presenti sul territorio.

Luigi Moio:
qual è il panorama enologico irpino?

Luigi Moio, enologo e professore, durante l’evento Ciak Irpinia 2019 ha tenuto un seminario in cui ha affrontato il mondo vitivinicolo irpino a 360 gradi.

Ecco alcuni dei punti più salienti affrontati dall’enologo!

Luigi Moio: il problema nei vini rossi

Luigi Moio: come si può incrementare l’indotto enologico irpino?

Ciak Irpinia 2019: Milena Pepe lancia un appello alla Regione Campania

Milena Pepe, imprenditrice della Tenuta Cavalier Pepe e membro del Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia lancia un appello alla Regione Campania affinché si mobiliti per aiutare le piccole e medie imprese ad avere un’immagine e una forza economica tali da poter essere conosciuti non solo in terra locale ma anche a livello internazionale.

Il Consorzio infatti nasce con lo scopo di unificare le piccole e medie imprese vitivinicole in modo da creare una forza che sia capace di arrivare con l’aggregazione dove il singolo non riesce sia per mancanza di tempo sia per penuria economica e di fondi.

Milena Pepe Pepe a Ciak Irpinia 2019

L’imprenditrice lancia un appello alla Regione Campania

Qual è il focus da tenere presente per Milena Pepe? Vi rispondiamo con le sue parole:

Non è importante la strategia ma la sinergia tra tutte le professionalità inerenti il mondo del vino. Ciak Irpinia rappresenta il simbolo di questa sinergia che si sostiene attraverso quote e sponsorizzazioni ma senza risorse economiche provenienti dalla Regione Campania ma sicuramente il GAL è stato d’aiuto.

L’imprenditrice risponde prontamente alle parole di Maurizio Petracca, affermando che presto il Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia presenterà una domanda ben articolata per poter avere gli aiuti necessari atti a poter crescere economicamente.

Grottaminarda,
ecco il segreto del successo della civica istituzionalizzata

La lista civica Il Gallo, uscita vittoriosa nelle ultime tre competizioni elettorali, molto probabilmente si riconfermerà anche in questa tornata grazie al supporto del Sole Nascente.

Ma qual è il segreto del successo di questa compagine amministrativa che resiste al tempo ed è capace di lasciare nell’ombra, nonostante le elezioni Europee, anche i partiti nazionali?

Semplice. È la forza delle famiglie, bellezza. La sostituzione dei simboli di partito con i cognomi più diffusi e i volti più radicati nell’immaginario comune.

Come non citare l’Uomo Qualunque, incarnato dalla figura dell’inossidabile vice sindaco, alla scadenza del suo ottavo mandato, nonostante i proverbiali problemi con la lingua italiana; o il buon padre di famiglia, amico di tutti, che cita lo zio Antonio che lo invita a casa a prendere un caffè per suggerigli di occuparsi delle piccole questioni quotidiane; o la studentessa universitaria tornata dalla metropoli per mettere su famiglia nel paese che ama; o, ancora, la signora che ha fatto dell’associazionismo e della cura agli ammalati la sua ragione di vita.

Ma non è solo nella semplicità dei suoi attori protagonisti che risiede la forza della compagine egemone a Grottaminarda da più lustri. Perché oltre alle espressioni familiari, il Gallo riesce a schierare e a tenere uniti nelle sue fila anche i simboli politici, diventando un contenitore pentapartito o quasi.

Il Gallo è un supermarket del consenso, un’armata istituzionalizzata capace di far convivere al suo interno il tutto e il suo contrario. Un vero e proprio laboratorio politico, come lo ha definito il sindaco Angelo Cobino.

Si va dal medico con trascorsi comunisti che dal palco saluta i compagni, alla dirigente Pd, nipote del segretario locale, che si rimette in gioco nonostante le difficoltà e le fratture che la politica frappone e impone tra gli individui; dal funzionario della Provincia disponibile a mettere a disposizione della comunità la sua rete di contatti personali e il suo bagaglio di esperienze professionali, al segretario di Forza Italia che saluta dal palco il consigliere provinciale azzurro, Franco Di Cecilia, rimasto fino a tarda ora tra la folla per ascoltare l’intervento del suo collega di partito.

 

I candidati del Gallo: gli interventi

 

Famevo: la linea cosmetica irpina a base di olio Ravece

Famevo nasce nel 1998 da Antonio Tranfaglia che insieme alle sue sorelle Flora e Maria pensano di produrre una linea cosmetica a base di olio extra vergine di oliva e di Ravece che possiede un contenuto elevato di polifenoli che svolgono un’azione antiossidante e rigenerante.

Famevo si trova a Venticano e offre la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di cosmetici adatti sia per uomini che per donne.

Famevo: cosmetici irpini

Famevo cosmetici

Famevo: prodotti

Famevo mette a disposizione della propria clientela un’ ampia scelta di prodotti: dal siero occhi e labbra che contrasta i radicali liberi e l’invecchiamento cutaneo grazie alla sua azione idratante e nutriente alle classiche creme viso idratanti e antirughe fino ad arrivare a creme solari, scrub, creme corpo e trattamenti localizzati per viso e corpo.

Per maggiori informazioni è possibile recarsi presso il punto vendita di Venticano o chiamare il seguente numero: 0825 965829

Amministrative Avellino,
Annarita Colucci: «La Lega è l’unico partito che affronta i problemi»

Anna Rita Colucci, medico pediatra, candidata nella Lega per le Amministrative di Avellino spiega i motivi che l’hanno portata a decidere di dedicare parte del suo tempo alla risoluzione dei problemi della città.

Scroll to top