San Giuseppe Moscati

Solofra: Unione Sindacale di Base denuncia la situazione del Presidio Ospedaliero Landolfi

Il Presidio Ospedaliero Landolfi di Solofra che appartiene all’AORN S.G. Moscati di Avellino, come afferma l’Unione Sindacale di Base (USB) della Federazione Provinciale di Avellino, sta vivendo delle criticità.

Il Pronto Soccorso della struttura solofrana è ancora chiuso e non sono state comunicate le tempistiche per una prossima riapertura.

Criticità all'Ospedale Landolfi di Solofra

Criticità all’Ospedale Landolfi di Solofra

Riaprire il Pronto Soccorso eviterebbe l’affollamento della struttura principale di Contrada Amoretta.

La struttura ospedaliera solofrana è situata al centro di un bacino di utenza numericamente significativo ed è impensabile che un paziente debba essere trasportato ad Avellino dove c’è già una situazione critica.

Altro caso che riguarda il Presidio Ospedaliero Landolfi riguarda il Reparto di Ortopedia dove è stato nominato un Responsabile ma non sono state assegnate le unità infermieristiche minime per il mantenimento dei LEA.

L’Unione Sindacale di Base afferma che il personale addetto all’assistenza è carente anche in altri reparti della struttura e attende celermente l’intervento della Direzione Strategica affinché prenda i provvedimenti necessari atti a risolvere la situazione.

Il Covid Hospital dell’Azienda Moscati si svuota

Gli ultimi due pazienti ricoverati in terapia intensiva presso l’Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino sono risultati negativi a tre tamponi nasofaringei. Il loro quadro clinico però è ancora molto delicato ma possono ritenersi guariti dal Covid-19 e sono stati trasferiti nell’Unità operativa di Anestesia e Rianimazione della Città ospedaliera.

Il Covid Hospital del Moscati si è svuotato e ciò consentirà di ottimizzare le risorse umane e di ridefinire gli spazi ospedalieri per poter riprendere i servizi diagnostico-terapeutici che si sono interrotti durante la fase di acuta emergenza.

All’interno del Covid Hospital si registra la presenza di un solo paziente affetto da Covid-19, ricoverato nell’Unità operativa di Malattie infettive.

Solo un paziente positivo al Covid-19 è ricoverato al Moscati di Avellino nel reparto di Malattie Infettive

Lento e graduale ritorno alla normalità al Moscati di Avellino

Renato Pizzuti, il Direttore Generale dell’Azienda Moscati afferma:

Stiamo assistendo a un lento ma graduale ritorno alla normalità dopo un lungo periodo in cui l’ospedale è stato letteralmente preso d’assalto con continui ricoveri di persone affette da Covid-19.

Se abbiamo retto bene all’onda d’urto è stato grazie innanzitutto al lavoro incessante degli operatori sanitari a tutti i livelli, che, oltre a possedere grandi competenze, hanno dimostrato instancabile dedizione, spiccato senso del dovere, disponibilità e coraggio. A loro, che, senza grandi clamori, concentrandosi sulle necessità dei malati, collaborando per superare le tante difficoltà legate alla contingenza e rendendo ordinario un lavoro straordinario, va il mio sentito ringraziamento.

Nonostante i dati relativi ai ricoveri siano confortanti, il livello di attenzione resta alto e tutti gli eventuali casi sospetti verranno gestiti secondo le procedure e le linee guida ministeriali.

San Giuseppe Moscati: donna negativa e risultata positiva al successivo accesso in Pronto Soccorso

Lo scorso 23 aprile una paziente arrivata al Pronto Soccorso del San Giuseppe Moscati e, successivamente, trasferita al Covid Hospital per essere risultata positiva, dopo l’esecuzione del tampone, al Covid-19.

La donna era stata ricoverata il 5 aprile nell’Unità Operativa di Nefrologia della Città Ospedaliera, risultando negativa al Covid-19 e, durante il periodo di degenza durato fino al 20 aprile, non aveva mostrato nessun sintomo riconducibile al Covid-19.

Donna negativa al nuovo Coronavirus durante il ricovero e risultata positiva al successivo accesso in Pronto Soccorso

Donna negativa al Coronavirus durante il ricovero
e risultata positiva al successivo accesso in Pronto Soccorso

Grazie al protocollo di sicurezza attivato al Pronto Soccorso ha ripetuto il tampone nasofaringeo, la cui esecuzione è già programmata ciclicamente per tutti gli operatori sanitari dell’Azienda e si sapranno i risultati appena saranno pronti.

L’ASL di Avellino sta procedendo all’indagine epidemiologica colta a ricostruire la filiera dei contatti avuti dalla donna per cercare di risalire alle cause del contagio.

ASL Avellino: nuovi tamponi risultati positivi in Irpinia

L’ASL di Avellino comunica che 7 tamponi effettuati dall’AORN Moscati di Avellino sono risultati positivi.

Ecco i risultati:

  • 3 nel Comune di Avellino
  • 1 nel Comune di Mercogliano
  • 1 nel Comune di Sant’Angelo dei Lombardi
  • 1 nel Comune di Ariano Irpino
  • 1 nel Comune di San Michele di Serino

Seconda seduta di tamponi effettuati: i risultati dei positivi in Irpinia

L’Asl di Avellino ha effettuato la seconda seduta di tamponi e sono risultate altre 10 persone positive al Covid-19 .

Ecco i risultati:

  • 5 nel Comune di Ariano Irpino
  • 1 nel comune di Venticano
  • 1 nel Comune di Sant’Angelo dei Lombardi
  • 1 nel Comune di Vallesaccarda
  • 1 nel Comune di Flumeri
  • 1 nel Comune di Chiusano di San Domenico

Esito degli ultimi tamponi effettuati al Moscati di Avellino

L’ASL di Avellino ha comunicato l’esito degli ultimi tamponi effettuati dall’AORN Moscati di Avellino.

Covid-19: ultimi casi positivi in Irpinia

Covid-19: ultimi casi positivi in Irpinia

I risultati positivi sono i seguenti:

  • 5 nel Comune di Ariano Irpino
  • 1 nel Comune di Monteforte Irpino
  • 1 nel Comune di Castel Baronia
  • 1 nel Comune di Melito Irpino
  • 1 nel comune di Taurasi
  • 1 nel comune di Solofra

 

Il Moscati sospende attività ambulatoriali in base alle disposizioni di contenimento della diffusione del Coronavirus

L’Azienda San Giuseppe Moscati sospende le attività ambulatoriali fino al 18 marzo, in ottemperanza alla disposizione emanate dalla Direzione Generale per la Tutela della Salute della Regione Campania mirata ad assicurare il contenimento della diffusione del Coronavirus.

Sono garantite le prestazioni ambulatoriali urgenti, quelle per la dialisi, radioterapia e oncologiche-chemioterapiche.

Sono state annullate e riviate le visite riguardanti le Attività Libero-Professionale Intramoenia. È stato regolamentato l’accesso dei visitatori in tutte le Unità Operative che consentono l’ingresso nelle stanze di degenza, durante le fasce orarie previste per un utente alla volta. È stata inoltre sospesa la Rianimazione aperta all’interno dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione.

Inoltre, come disposto dal Decreto del 4 marzo del Presidente del Consiglio dei Ministri, sono stati annullati tutti i congressi, gli eventi sociali, i corsi di formazione che coinvolgono personale sanitario e/o amministrativo e le attività dei tirocinanti.

 

Avellino: visite e consulenze dermatologiche gratuite al Moscati

Sabato 25 gennaio dalle ore 09:00 alle ore 12:30, Raffaele Iandoli, Responsabile dell’Unità Operativa di Dermatologia e Dermochirurgia, visiterà gratuitamente 30 pazienti, presso gli ambulatori del reparto nella Città Ospedaliera, settore B, al secondo piano.

Visite e consulenze dermatologiche gratuite al Moscati di Avellino

Visite e consulenze dermatologiche gratuite al Moscati di Avellino

La mattinata di consulenze e visite gratuite è aperta a tutti i cittadini ma in modo particolare agli extracomunitari, l’iniziativa è organizzata per ricordare La Giornata mondiale dei malati di lebbra che cade il 26 gennaio.

Avellino: Solidarietà in corsia al Moscati con i Lumanera e Monica Sarnelli

L’Associazione Babbaalrum rinnova la sua solidarietà all’Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino, donando due poltrone per la chemioterapia del valore di 5mila e 400 euro. La donazione è stata fatta attraverso il ricavato di spettacoli di beneficenza.

Lumanera

Lumanera

Dopo la cerimonia di consegna Monica Sarnelli, cantante napoletana, e i Lumanera, gruppo irpino di musica etnopopolare, si sono esibiti all’interno dell’Unità Operativa di Ematologia.

Pronto Soccorso, Sellitto:
«320 assunzioni non bastano»

Francesco Sellitto, presidente dell’Ordine dei Medici di Avellino, evidenzia come le nuove assunzioni non basteranno a risolvere i problemi del Pronto Soccorso della città ospedaliera. Il rappresentante dei camici bianchi, comunque, chiarisce come l’Irpinia sia ancora isola felice.

Scroll to top