Gazpacho all’avocado: una rivisitazione della ricetta andalusa

Il gazpacho all’avocado è una ricetta ideale facile e veloce da realizzare in estate. L’avocado è un frutto tropicale del centro America ed facilmente reperibile nei nostri negozi. In molti sono convinti che l’avocado sia un alimento ricco di grassi, sicuramente è molto più calorico di altri frutti ma è ricco di grassi acidi.

I grassi acidi sono un ottimo alleato per la circolazione e riducono i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Bastano generalmente un paio di fette di avocado perché è un frutto che ha un notevole potere saziante.

Gazpacho di avocado

Variante del classico gazpacho

Gazpacho all’avocado: ingredienti

  • Avocado 1
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Aglio 1
  • Pepe q.b.
  • Cetriolo 5
  • Scalogno 1
  • Limone 1
  • Aceto di mele 1 cucchiaino

Esecuzione

  • Prendi un avocado dividi in due parti e togli il seme all’interno.
  • Aiutandoti con un coltello, elemina la buccia e taglia l’avocado a dadini.
  • Cospargilo con metà del succo di limone che avrai precdentemente ricavato dal limone, in modo da non far ossidare il frutto.
  • Lava accuratamente i cetrioli sotto abbondante acqua corrente e privali della buccia, aiutandoti con un pelapatate.
  • Taglia i cetrioli a dadini e riponi in un mixer insieme ai pezzetti di avocado.
  • Aggiungi un cucchiaino di aceto di mele, insieme allo spicchio d’aglio e a metà scalogno.
  • Frulla fino a quando la crema non avrà raggiunto una consistenza omogenea.
  • Aggiungi mezzo bicchiere d’acqua fredda per dargli più cremosità.
  • Lascia riposare in frigo per circa 30 minuti.
  • Trascorso il tempo necessario, guarnisci con un pizzico di pepe, due cucchiai di olio extravergine di oliva.
  • Porta in tavola accompagnandolo a dei crostini e a del salmone affumicato.

Il gazpacho all’avocado è l’ideale da realizzare se si ha poco tempo per cucinare ma non si vuole rinunciare a mangiare qualcosa di fresco e allo stesso tempo particolare.

Puoi conservare in frigo il gazpacho per massimo due giorni.

Se ti piace rivisitare le ricette tradizionali ecco l’hummus di barbabietole rosse!

Scroll to top